Werner Tscholl Architekt, Distilleria Puni a Glorenza

werner tscholl distilleria puni
© Renè Riller

In attesa di sapere a chi andrà, quest’anno, il Premio Architetto Italiano 2017 (il nome sarà svelato il prossimo 2 dicembre in occasione della Festa dell’Architetto), vediamo nel dettaglio un interessante progetto di Werner TschollArchitetto Italiano 2016. Si tratta della distilleria di whisky Puni, ai margini dell’abitato di Glorenza (BZ), nell’alta Val Venosta.

La distilleria, prima ed unica distilleria di whisky in Italia, è stata fondata nel 2010 come impresa famigliare ed ha già una produzione annuale di circa 176 mila litri di distillato. Il nome, Puni, deriva dal Rio Puni che nasce a 3.391 metri s.l.m. nelle Alpi Ötzthaler e arriva in Val Venosta attraverso la Valle Planail.

Leggi anche Alvisi Kirimoto, Cantina Podernuovo a Palazzone

L’architettura pensata da Tscholl ha una duplice finalità: rispondere alle esigenze produttive dell’azienda e, attraverso la sua immagine, suscitare interesse verso un’attività nuova. La distilleria, infatti, riesce ad attirare ogni anno numerosi visitatori, che possono esplorare l’intera zona di produzione e scoprire in dettaglio come viene creato il primo whisky italiano.

distilleria puni werner tscholl

L’edificio è costituito da due involucri indipendenti: uno interno, chiuso da superfici vetrate e tamponamenti opachi, e uno esterno, distanziato di circa un metro, realizzato con blocchi in cemento pigmentato. I blocchi di questa seconda pelle, realizzati appositamente per il progetto e impregnati con additivi che impediscono l’assorbimento dell’acqua, sono incollati tra loro senza malta in un semplice e regolare gioco di pieni e di vuoti. L’immagine che si crea richiama il tradizionale sistema di aerazione degli edifici rurali, e le fitte forature della superficie lasciano entrare la luce naturale ed uscire quella artificiale nelle ore notturne, creando interessanti giochi di luce variabili a seconda delle ore del giorno.

distilleria puni werner tscholl werner tscholl distilleria puni

Le funzioni dell’edificio sono distribuite su quattro livelli, di cui due, il piano terra e il piano interrato, accessibili al pubblico. Il piano terra ospita infatti gli spazi di accoglienza e vendita diretta, mentre il piano interrato quelli destinati al processo produttivo vero e proprio (vi si trovano quindi  i silos di stoccaggio temporaneo, il mulino di macina dei malti, i tini di fermentazione e gli alambicchi di distillazione), completamente visibili anche dal pianterreno grazie ad un’apertura ritagliata nel solaio. Il primo e il secondo piano invece ospitano gli uffici e un’abitazione.

distilleria puni werner tscholl

Scheda progetto

progetto|project Destilleria di whisky Puni
luogo|location Glorenza (BZ)
anno|project year 2010-2012
architetti|architects Werner Tscholl Architekt con Andreas Sagmeister
strutture|structural design Patscheider & Partner Malles
area 1800 mq
sito ufficiale|website www.werner-tscholl.com
CONDIVIDI

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here