Urbanpromo Green al via: 20 convegni e seminari sul futuro delle città

urbanpromo green

I prossimi 19 e 20 settembre la Scuola di Dottorato dell’Università IUAV di Venezia a Palazzo Badoer ospita la terza edizione di Urbanpromo Green, l’iniziativa incentrata sulle tematiche della pianificazione e delle condizioni di vita e funzionamento delle città, il primo dei tre eventi di Urbanpromo 2019 – a cui faranno seguito, come anticipato, la nona edizione di Urbanpromo Social Housing e la sedicesima edizione dell’evento finale, Urbanpromo Progetti per il Paese (qui tutte le date, le sedi e le anticipazioni).

La due giorni veneziana di Urbanpromo Green si compone di 20 convegni e seminari di approfondimento sui temi cardine dell’evento: città accoglienti, sicure e sostenibili; il verde infrastruttura delle città; i paesaggi dell’acqua; smart communities per smart cities; sustainable mobility; energia sostenibile. A queste sessioni parteciperanno ricercatori e docenti universitari, amministratori, responsabili di aziende e associazioni, e professionisti impegnati nello studio e nello sviluppo di esperienze individuate attraverso la rete di relazioni che l’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica) e le Università possiedono in ambito nazionale.

Per tutte le notizie su Urbanpromo clicca qui

Nel corso della prima giornata (19 settembre) si terranno i convegni su: governance delle aree umide; opportunità e sviluppo dell’utilizzo del legno negli interventi di restauro e ristrutturazione edilizia; evoluzione del quadro e degli interventi necessari per l’invarianza idraulica; esperienze di utilizzo delle tecnologie ICT per la valorizzazione dei territori; proposte di coordinamento interregionale per il governo dei territori del Po; filiere dell’umido dei rifiuti urbani; verde urbano; demolizione di edifici fatiscenti e manufatti incongrui nei processi di rigenerazione urbana. Si terrà poi un seminario incentrato sui co-benefit associati a interventi di riqualificazione e conservazione dell’ambiente costruito (che proseguirà nella seconda giornata), coordinato dalla Società Italiana di Estimo e Valutazione (SIEV), e un approfondimento sul nuovo Piano Regionale dei Trasporti 2020-2030 del Veneto.

Nella seconda giornata (20 settembre) i convegni riguarderanno: il contributo che può essere fornito dall’urbanistica e dalla pianificazione territoriale al progetto di città e territori più resilienti; un focus sul rapporto tra gestione dei rifiuti e qualità delle città (con particolare riferimento alle problematiche connesse alla raccolta differenziata nei centri storici e al recupero di materia e di energia dal trattamento dei rifiuti); un confronto sulle Linee Guida per i documenti di pianificazione energetico-ambientali dei sistemi portuali (predisposte nel 2018 dal Ministero dell’Ambiente); i nuovi parametri di riferimento per la sostenibilità ambientale e per la salubrità degli edifici e delle città; la sostenibilità nel piano; le reti della mobilità dolce.

In programma infine il convegno UPhD Green, dedicato alla ricerche condotte nell’ambito di dottorati che affrontano il tema dello sviluppo sostenibile con riferimento alla pianificazione urbanistica e territoriale, alla progettazione urbana e architettonica, alla valutazione e implementazione delle politiche urbane. Urbanpromo Green – il cui obiettivo di fondo è quello di cogliere indicazioni rilevanti per una coerente evoluzione delle normative e dell’attività di pianificazione e progettazione (e quindi anche dei percorsi di formazione delle figure professionali a ciò funzionali) – si concluderà con la presentazione dei risultati dei seminari e convegni.

>> Clicca qui per il programma dettagliato di Urbanpromo Green <<

La partecipazione a Urbanpromo Green è gratuita, è possibile registrarsi anticipatamente online ed è previsto il riconoscimento di crediti formativi professionali (CFP). L’evento è promosso da INU e dall’Università IUAV, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC e l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Venezia, e il Consiglio Nazionale dei Geometri e dei Geometri laureati.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here