Urban Center Milano, la nuova sede all’interno della Triennale sarà progettata da Ghidoni e Dusi

urban center milano triennale

Aggiornamento del 4 ottobre 2018: Ieri, nel corso della presentazione dei nuovi progetti della Triennale di Milano guidata da Stefano Boeri, è stato presentato il progetto vincitore del concorso di progettazione della nuova sede dell’Urban Center Milano (all’interno del palazzo della Triennale) lanciato nel giugno scorso. Si tratta del progetto di Matteo Ghidoni (studio Salottobuono) e Enrico Dusi (Enrico Dusi Architecture).

Come hanno sottolineato i progettisti, il nuovo Urban Center dovrà essere prima di tutto “un’istituzione veramente attiva, che produce contenuti“, e dovrà essere collegata con gli altri urban center del mondo. In tutto saranno 130 metri quadrati, distribuiti su due piani: “Il progetto – ha spiegato Ghidoni – è fatto di poco, di elementi di arredo e di una gradonata che trasforma il piano terra in un forum, con l’intenzione di avere un luogo di discussione, di confronto intellettuale, ma anche di continua rappresentazione della città di Milano attraverso sistemi multimediali”. Presto più dettagli sul progetto.

vincitori concorso urban center milano triennale
© La Triennale di Milano. Foto Gianluca Di Ioia

18 giugno 2018: La giuria per la selezione delle candidature dei progettisti dconcorso di progettazione della nuova sede dell’Urban Center di Milano a invitare al (composta da: Stefano Boeri, presidente della Fondazione La Triennale di Milano; Alberto Artioli, consigliere di Amministrazione della Fondazione; Lorenza Baroncelli, curatore del Settore Architettura, Rigenerazione urbana e Città; Paolo Brambilla, rappresentante dell’Ordine Architetti Milano; Cino Zucchi, Presidente della giuria) ha esaminato le 69 candidature ricevute, valutando con attenzione i curriculum e i portfolio presentati.

Sono stati selezionati (all’unanimità) sette gruppi di progettazione, che sono quindi invitati alla seconda fase della gara di progettazione: Alessandro Floris, DAP Studio, Milk Train, PIOVENEFABI, Ghidoni-DusistARTTUNULAUNU. Questi studi avranno  tempo fino al 22 luglio 24 settembre per presentare i progetti di fattibilità tecnica ed economica, e il 30 luglio 28 settembre 2018 sarà proclamato il progetto vincitore.

Leggi anche Scuole Innovative, il concorso è da rifare? No, secondo l’Ordine di Milano e il CNAPPC

1 giugno 2018: È stato pubblicato l’avviso per la manifestazione di interesse per la progettazione del nuovo Urban Center di Milano all’interno della sede della Triennale, all’ingresso del Palazzo dell’Arte. L’avviso è stato redatto in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Milano.

L’Urban Center, un centro multimediale per l’informazione e la partecipazione su progetti di sviluppo del territorio, attualmente è situato all’interno della Galleria Vittorio Emanuele. La decisione di realizzare la nuova sede all’interno del Palazzo dell’Arte viene anche dall’esigenza di avere a disposizione spazi più ampi, che consentiranno una maggiore partecipazione dei cittadini e dei visitatori che “entrando alla Triennale per conoscere la storia del design italiano, potranno immaginare insieme a noi la Milano del prossimo futuro”, come ha affermato il sindaco Sala.

Stefano Boeri, da qualche mese presidente della Triennale, in merito ha dichiarato: “La collocazione dell’Urban Center all’interno della Triennale di Milano rappresenta una grande opportunità per creare un centro di documentazione e ricerca su Milano e sul futuro delle città del mondo. (…) L’Urban Center sarà uno spazio inclusivo, di narrazione e progettazione sulla città, capace di offrire momenti di dialogo e confronto per le comunità locali, i professionisti e le aziende.”

Nuovo Urban Center Milano, i requisiti per candidarsi

Possono presentare manifestazione d’interesse per la progettazione del nuovo Urban Center di Milano architetti singoli o associati (associazioni tra professionisti, società tra professionisti, consorzi, GEIE, raggruppamenti temporanei fra i ridetti soggetti, consorzi stabili di società tra professionisti), iscritti all’Ordine professionale alla sezione A. Non è ammessa la partecipazione dei professionisti quando sussistono una o più cause di
esclusione tra quelle indicate dall’art. 80, D.Lgs. n.50/2016 (è necessario compilare questa autodichiarazione).

La candidatura consiste nell’invio del Curriculum Vitae e di un portfolio inerente il tema progettuale, per un massimo di 3 progetti (con indicazione di metratura di intervento e relativi costi).

>> Scarica qui l’Avviso di Manifestazione di Interesse <<

Gli architetti interessati e in possesso dei requisiti devono inviare la loro candidatura entro l’11 giugno 2018 (alle ore 12:00), all’indirizzo progetti@triennale.org specificando in oggetto “Autocandidatura progetto Urban Center”.

I nomi dei 5 professionisti che saranno incaricati di presentare il progetto di fattibilità tecnica ed economica saranno resi noti il prossimo 18 giugno. Questi avranno poi tempo fino al 22 luglio per presentare i progetti di fattibilità tecnica ed economica. Il 30 luglio 2018 sarà proclamato il progetto vincitore e i lavori di realizzazione della nuova sede dell’Urban Center dovrebbero iniziare già a settembre.

Nuovo Urban Center Milano, in cosa consiste il progetto

Il progetto del nuovo Urban Center di Milano all’interno della sede della Triennale riguarderà:
– opere edilizie di demolizione delle partizioni interne (compresa la rimozione degli
impianti attuali e la sostituzione con i nuovi);
– opere edilizie di ridefinizione degli ambienti interni e perimetrali;
arredi destinati in parte ad uso uffici (piano superiore) e in parte ad usi diversi quali esposizioni, conferenze, workshop (piano inferiore).

L’importo complessivo dei lavori (compresi gli oneri per la sicurezza) è di 145 mila euro.

Per ulteriori informazioni
triennale.org

I nuovi navigli milanesi

I nuovi navigli milanesi

A. Boatti e M. Prusicki, 2018, Maggioli Editore

Riaprire i Navigli milanesi vuole dire recuperare lo storico tracciato di fine Ottocento, oggi occupato in modo esclusivo dalla rete viaria lungo il percorso da Cassina de’ Pomm (passando da Melchiorre Gioia, Bastioni di Porta Nuova, San Marco, Fatebenefratelli, Senato, San Damiano, Visconti...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here