Il 2018 della Triennale di Milano: il programma di architettura e design

Luigi Ghirri, Trani, 1986 © Eredi di Luigi Ghirri

La Triennale di Milano in questi giorni ha presentato il programma delle mostre e delle attività culturali del 2018, rafforzando ancora una volta la sua identità di polo multidisciplinare per le arti contemporanee, in cui riescono a dialogare i diversi linguaggi della cultura e della creatività: architettura, design, arti visive, fotografia, moda, performance, teatro, musica.

Vediamo quindi cosa ci riserverà quest’anno la Triennale per quanto riguarda gli appuntamenti di architettura e design, a partire dalla VI edizione del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana, evento a cadenza triennale che ha l’obiettivo di promuovere i progetti più interessanti dell’architettura italiana. Da quest’anno il Premio sarà arricchito da un nuovo riconoscimento dedicato alle promesse dell’architettura e dell’ingegneria: il Premio T Young Claudio De Albertis.

Novità anche per quanto riguarda il Giardino della Triennale, che sarà interessato da un progetto di rinnovamento e valorizzazione.

Fino all’11 marzo alla Triennale è visitabile anche Ettore Sottsass. There is a Planet

Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana 2018

Il Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana, bandito dalla Triennale in collaborazione con il MiBACT, si pone come riflessione attiva sul ruolo del progettista e delle sue opere e come verifica periodica dello stato della produzione architettonica italiana, degli indirizzi, dei problemi e dei nuovi attori. Il Premio punta inoltre alla diffusione pubblica, in Italia e all’estero, di un nuovo patrimonio di costruzioni e idee.

>> Aggiornamento del 2 febbraio 2018: Clicca qui per ulteriori dettagli e il bando

Il Premio è così ripartito: Medaglia d’Oro all’opera, Premio Speciale all’opera prima, Premio Speciale alla committenza, Medaglia d’oro alla carriera e, da quest’anno, Premio T Young Claudio De Albertis (promosso dal Comitato Premio Claudio De Albertis). Sono inoltre previste sei menzioni d’onore relative ad altrettante sezioni del costruire (Nuovi edifici, Paesaggi e spazi urbani, Infrastrutture, Riconversione e restauro, Allestimenti, Interni).

I premi e le menzioni verranno assegnate ad architetture progettate da professionisti italiani (architetti e ingegneri) e realizzate, anche all’estero, nel periodo tra il 2015 e il 2017. Le candidature potranno essere inviate dal 1° febbraio al 31 marzo 2018. La premiazione e la mostra dedicata ai progetti dei finalisti e dei vincitori si terranno il prossimo ottobre. Il vincitore della Medaglia d’Oro all’opera terrà anche una lectio magistralis.

La giuria del Premio

  • Presidente della Triennale di Milano;
  • Alberto Ferlenga, Responsabile del settore Architettura e Territorio della Triennale di Milano 2013-2017;
  • Responsabile del settore Architettura e Territorio della Triennale di Milano 2018-2022;
  • Federica Galloni, Direttore Generale della Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo;
  • Massimo Carmassi, Architetto vincitore della V edizione Medaglia d’Oro;
  • Ilaria Valente, Preside della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano;
  • Manuel Blanco, Preside della Facoltà di Architettura dell’Universidad Politécnica de Madrid.

Per l’assegnazione del Premio T Young Claudio De Albertis, si aggiungono:

  • Carla De Albertis, Presidente del Comitato Premio Claudio De Albertis;
  • Andrea Kerbaker, scrittore, Direttore di Tempo di Libri.

Triennale 2018, le mostre di architettura e design

Le mostre di architettura in programma sono 999. Una collezione di domande sull’abitare contemporaneo, inaugurata lo scorso 11 gennaio (e aperta fino al 2 aprile 2018), Ricostruzioni, che analizza le pratiche di ricostruzione a seguito di eventi catastrofici e bellici, e la mostra dedicata ai finalisti e ai vincitori del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana.

Ad aprile sarà poi presentata l’undicesima edizione del Triennale Design Museum, dedicata alla storia del design italiano. A maggio aprirà inoltre la prima retrospettiva completa sul lavoro di Osvaldo Borsani, architetto, artista, designer e imprenditore, e a ottobre è in programma una grande monografica su Achille Castiglioni, in occasione del centenario dalla sua nascita. Il Triennale Design Museum, infine, ha in programma numerosi eventi ed esposizioni in tutta Italia e nel mondo, tra cui l’Italian Design Day, che si terrà il 1° marzo in cento città.

triennale 2018 mostra achille castiglioni
Achille Castiglioni nel suo studio, 1995. Foto di G. Widmer

In primavera, il Museo di Fotografia Contemporanea propone invece una mostra che presenta in modo inedito l’opera fotografica di Luigi Ghirri nell’ambito dell’architettura, attraverso la sua collaborazione con la rivista Lotus International.

Il 2018 del Giardino della Triennale

Una delle novità del 2018 è il progetto che interesserà il Giardino della Triennale. L’intervento di rinnovamento, dettato dalla necessità di maggiore flessibilità e volto alla gestione sostenibile delle risorse e alla valorizzazione delle opere e delle installazioni presenti, è stato affidato a Orticola di Lombardia e all’architetto paesaggista Filippo Pizzoni (con la collaborazione di Susanna Magistretti, responsabile di Cascina Bollate, il vivaio del Carcere di Bollate, e Andrea D’Ascola con Alberto Corti Giardiniere).

Ti può interessare:
Concorso Parco Centrale di Prato, il progetto vincitore

Il progetto ha quindi lo scopo di dare maggior risalto alle installazioni, sottolineando al contempo lo spazio del giardino e la sua particolare forma ad anfiteatro, nel quale hanno una posizione predominante i Bagni Misteriosi di Giorgio de Chirico. L’intervento prevede la creazione di una quinta scenica che sottolinei il valore delle opere presenti, dando al contempo un limite che definisca lo spazio del giardino rispetto al parco circostante, rendendolo parte integrante del sistema museale.

Tutte le mostre e le attività della Triennale di Milano per l’anno 2018 sono possibili grazie al supporto e al contributo di molti partner, tra cui Edison per l’Architettura, Officine Panerai per il Design e partner istituzionali quali ENI, Illy, MINI, Repower, SEA, TXT.

Per ulteriori informazioni
www.triennale.org

1 commento

  1. Ho visitato la mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo.
    Sarebbe stata interessante se si fosse occupata del tema dell’abitare;
    invece mi è sembrata solo confusione.
    Qui però è chiaro che il curatore non sapeva proprio dove andare.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here