Swiss Architectural Award 2018, la premiazione di Elisa Valero e la mostra

swiss architectural award 2018 elisa valero
Elisa Valero, Ampliamento di un edificio scolastico a Cerrillo de Maracena (Granada), 2013-2014

Giovedì prossimo, 15 novembre 2018, si terrà la cerimonia di premiazione dello Swiss Architectural Award 2018, vinto come sappiamo dall’architetta spagnola Elisa Valero Ramos. Dopo la cerimonia, che si terrà alle 19:00 presso l’Auditorio del Teatro dell’architettura dell’Università della Svizzera italiana, verrà inaugurata anche la mostra dedicata a tutte le opere presentate a questa sesta edizione del premio.

Lo Swiss Architectural Award, giunto quest’anno alla sua sesta edizione, è promosso dalla Fondazione Svizzera per l’Architettura, con la collaborazione dell’Università della Svizzera italiana – Accademia di architettura di Mendrisio e il sostegno di Fondazione Teatro dell’architettura e Fondazione per le Facoltà di Lugano dell’Università della Svizzera italiana. L’obiettivo del premio – attribuito ad architetti, senza distinzione di nazionalità e di età non superiore ai 50 anni – è quello di promuovere un’architettura attenta alle questioni etiche, estetiche ed ecologiche contemporanee, favorendo anche il dibattito pubblico in merito. Alla precedente edizione, quella del 2016, il vincitore era stato l’architetto giapponese Junya Ishigami.

Swiss Architectural Award 2018 a Elisa Valero

Gli architetti candidati a questa edizione dello Swiss Architectural Award – nominati da un advisory board che comprende, tra gli altri, Solano Benitez, Gonçalo Byrne, Jean-Louis Cohen, Sean Godsell, Toyo Ito, Shelley McNamara e Valerio Olgiati  – sono stati 32, da ben 19 Paesi: Al Borde (Ecuador), Arquitetos Associados (Brasile), Barozzi Veiga (Spagna), Baserga Mozzetti (Svizzera), Baukuh (Italia), Fernanda Canales (Messico), ChartierDalix (Francia), José Cubilla (Paraguay), Frida Escobedo (Messico), Gong Dong / Vector Architects (Cina), H+F Arquitetos (Brasile), Anna Heringer (Germania / Austria),  Akihisa Hirata (Giappone), Anne Holtrop (Olanda), Hua Li – TAO, Trace Architecture Office (Cina), Kumiko Inui (Giappone), Carla Juaçaba (Brasile), Anssi Lassila / OOPEAA – Office for Peripheral Architecture (Finlandia),  Li Zhang / TeamMinus (Cina), Ling Hao (Singapore), Rozana Montiel (Messico), Daniel Moreno Flores (Ecuador),  onishimaki + hyakudayuki architects (Giappone), Orkidstudio Architects (Kenya), OUALALOU + CHOI (Francia), PAO – People’s Architecture Office (Cina), James Russell (Australia), SAMI-arquitectos (Portogallo), SO-IL (Stati Uniti), Marina Tabassum (Bangladesh), TNA Architects (Giappone), Elisa Valero (Spagna).

La giuria – presieduta da Mario Botta e composta da Riccardo Blumer, Diébédo Francis Kéré, An Fonteyne, Paolo Tombesi e Nicola Navone – ha attribuito all’unanimità lo Swiss Architectural Award 2018 a Elisa Valero per tre progetti: l’ampliamento di un edificio scolastico a Cerrillo de Maracena (Granada, 2013-2014, immagine di apertura), per le residenze sperimentali a Granada (2015-2016) e per la chiesa a Playa Granada (2015-2016).

swiss architectural award 2018 elisa valero
Elisa Valero, Residenze sperimentali a Granada (2015-2016)
swiss architectural award 2018 elisa valero
Elisa Valero, Chiesa a Playa Granada (2015-2016)

La giuria ha infatti riconosciuto nel lavoro di Elisa Valero una perfetta corrispondenza con gli obiettivi dello Swiss Architectural Award, e ha commentato “L’architettura di Elisa Valero è animata da un tenace impegno personale e da una ricerca originale sugli aspetti costruttivi che le consentono, ricorrendo a risorse limitate, di rispondere alle condizioni poste dai programmi funzionali sublimandole in spazi di grande qualità”.

Leggi anche Premi Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana e TYoung, i vincitori 2018 e la mostra

Swiss Architectural Award 2018, la mostra

La mostra Swiss Architectural Award 2018, curata da Nicola Navone e dedicata a tutte le opere di architettura candidate al premio, sarà aperta al pubblico fino al 23 dicembre presso l’Auditorio del Teatro dell’architettura, a Mendrisio. L’esposizione documenta i lavori dei 32 candidati e dedica un approfondimento particolare alle opere della vincitrice.

La mostra, ad ingresso gratuito, sarà aperta dal mercoledì alla domenica dalle 12:00 alle 18:00, e il giovedì dalle 14:00 alle 20:00.

Come avvenuto per tutte le precedenti edizioni, la mostra sarà accompagnata da un volume monografico, in lingua italiana e inglese, edito da Mendrisio Academy Press e da Silvana Editoriale.

Per ulteriori informazioni sul premio e sui candidati 2018
swissarchitecturalaward.com

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here