Stefano Boeri è il nuovo presidente della Triennale di Milano

stefano boeri presidente triennale milano
Foto di Gianluca Di Ioia

È ufficiale, è Stefano Boeri il nuovo presidente della Triennale di Milano. Si parla di questa eventualità da settimane, ma la notizia ufficiale è arrivata poco fa, a conclusione della riunione del nuovo Consiglio di Amministrazione della Fondazione La Triennale di Milano, nominato lo scroso 8 febbraio da Dario Franceschini. Il nuovo consiglio, che ha eletto Boeri all’unanimità, resterà in carica per i prossimi 4 anni ed è così composto:

Stefano Boeri, Presidente
Lorenza Bravetta, in rappresentanza del MiBACT;
Vincenzo Ugo Manes, in rappresentanza del Comune di Milano;
Roberto Ernesto Maroni, in rappresentanza della Regione Lombardia;
Carlo Edoardo Valli, in rappresentanza della Camera di Commercio di Milano, Monza-Brianza, Lodi;
Elena Vasco, in rappresentanza della Camera di Commercio di Milano, Monza-Brianza, Lodi;
Elena Tettamanti, in rappresentanza dei Partecipanti sostenitori della Fondazione;
Alberto Artioli, in rappresentanza del MiBACT;
Antonio Calabrò, in rappresentanza del Comune di Milano.

Leggi anche Il 2018 della Triennale di Milano: il programma di architettura e design

nuovo CDA triennale milano stefano boeri presidente
Il nuovo CDA della Triennale di Milano. Foto di Gianluca Di Ioia.

Stefano Boeri succede a Claudio De Albertis, deceduto poco più di un anno fa lasciando vacante la carica, poi affidata alla vicepresidente Clarice Pecori Giraldi, che però non si è ricandidata. Dopo la morte di De Albertis, il sindaco di Milano Giuseppe Sala era stato il primo a fare il nome di Boeri, definendolo adatto per il ruolo e commentando: “Lo vedo molto bene. Credo sia una persona di grande livello professionale e anche di grande standing internazionale, quindi dal mio punto di vista sarei senz’altro positivo”.

Tra i nomi più quotati che avevano presentato la propria candidatura erano presenti anche il giornalista Antonio Calabrò, oggi vicepresidente di Assolombarda, l’economista Severino Salvemini, sostenuto dalla Bocconi, l’imprenditore Rodrigo Rodriquez e Enzo Manes, ideatore della Fondazione Dynamo e nominato dall’allora premier Renzi consigliere pro bono di Palazzo Chigi per il sociale.

Per tutte le ultime notizie su Stefano Boeri clicca qui

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here