Con la Snow Room TechnoAlpin la neve è a disposizione 365 giorni l’anno

snow room
© Hotel Weinegg

Fuori la primavera è ormai arrivata, ma per i nostalgici della neve ritrovarsi immersi in un paesaggio invernale, in qualsiasi periodo dell’anno e in qualsiasi parte del mondo, non è più un problema: basta aprire una porta ed entrare nella Snow Room di TechnoAlpin, l’azienda che dal 1990 progetta e realizza innevatori e impianti per le più importanti aree sciistiche su scala mondiale. Si tratta di un’assoluta innovazione nel campo del benessere che, grazie a una tecnologia esclusiva e brevettata, consente di avere a disposizione neve soffice e asciutta 365 giorni all’anno.

All’interno della Snow Room è così possibile avere un perfetto clima invernale, tipico dei Paesi del Nord, con temperature che possono raggiungere anche i -10 gradi centigradi. Nella stanza si accumula quindi vera neve, priva di additivi, in uno scenario spettacolare realizzato su disegno del progettista, personalizzabile a seconda dei gusti e delle esigenze. Il design e le dotazioni delle Snow Room vengono infatti proposte in diverse varianti, adattabili al contesto: è possibile scegliere liberamente sedute, rivestimenti delle pareti e sistemi di illuminazione.

Progettazione, installazione, assistenza e manutenzione vengono gestite direttamente da TechnoAlpin: questo consente di ottenere una calibrazione perfetta e un’installazione completa e priva di intoppi, che assicura al cliente una notevole riduzione della spesa e la sicurezza dell’investimento nel medio e nel lungo periodo.

Snow Room, come funziona

A livello tecnico, il cuore della stanza della neve è l’unità multifunzione EcoSnow 2.0, che si avvale di una speciale tecnologia di innevamento concepita appositamente per gli ambienti interni. EcoSnow 2.0 – che occupa poco spazio e può essere collocata fino a 50 metri di distanza dalla Snow Room stessa – ha varie funzioni: controlla gli ugelli di innevamento all’interno della stanza, raffredda e condiziona l’aria, controlla tutte le componenti e produce la neve in polvere sofficissima.

Consumi e sostenibilità

Il consumo di acqua di una Snow Room di medie dimensioni è pari a circa 200 litri a settimana, il che significa che con 1 litro di acqua si ottengono ben 5 litri di neve. Inoltre, mediante uno scambiatore di calore supplementare, il calore recuperato può essere utilizzato per riscaldare l’acqua di una piscina, oppure può essere allacciato a un sistema di raffreddamento già presente nell’edificio. Con una calibrazione ottimale delle componenti tecniche, si riesce a recuperare il 50% dell’energia.

Snow Room, le applicazioni

La Snow Room di TechnoAlpin è già stata adottata dalle migliori SPA di lusso dell’arco alpino, si trova su selezionate navi da crociera e in importanti centri termali, dove rappresenta l’alternativa soft e igienica al temuto “bagno di reazione freddo”, imprescindibile per ristabilire la condizione ottimale dell’organismo dopo la fase di riscaldamento in sauna, per riattivare la circolazione sanguigna e rassodare i tessuti. Il freddo secco aiuta infatti a percepire una temperatura più piacevole rispetto a quella reale, evitando sgradevoli sbalzi termici.

Dopo lunghe ricerche, la Snow Room di TechnoAlpin in questi anni si è evoluta diventando ancora più versatile per essere installata anche in negozi e boutique e permettere ai clienti di provare indumenti invernali nelle condizioni di utilizzo reali. Stanze della neve sono inoltre state installate in spazi polisensoriali, lobby di alberghi di lusso e bar suggestivi.

Per ulteriori informazioni
indoor.technoalpin.com

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here