Sketch for Syria, centinaia di proposte di ricostruzione in mostra allo IUAV

sketch for syria

Domani, martedì 17 gennaio 2017, inaugura l’ultima delle numerose iniziative che l’Università IUAV di Venezia ha recentemente dedicato alla Siria. Dopo l’Omaggio a Palmira, dedicato all’archeologo Khaled Al Asaad; il convegno Urbicide Syria / Postwar reconstruction con i massimi esperti internazionali di architettura, arte e archeologia in Siria; la stesura e la condivisione della Carta di Venezia della ricostruzione; e infine l’accordo firmato il 14 luglio con UN–ESCWA (Agenzia Onu che ha l’incarico di realizzare l’Agenda per la ricostruzione della Siria), è pronta la mostra realizzata a seguito del progetto Sketch for Syria.

Leggi anche Al MAXXI una mostra su Zaha Hadid e sul suo rapporto con l’Italia

132 architetti da 26 diversi Paesi hanno risposto alla call for drawings aperta agli architetti di tutto il mondo che la IUAV, l’Agenzia Onu UN–ESCWA e I-Barbon Shipping & Logistics hanno lanciato nel luglio 2016 per raccogliere idee, progetti e possibili scenari per la ricostruzione in Siria.

Dei 132 taccuini ricevuti, 52 sono giunti direttamente da architetti siriani a Damasco, Aleppo, Hama, Latakia e Tartus, e mostrano la forza propositiva dell’architettura, nella convinzione che la ricostruzione possa iniziare solo si pensa al futuro in termini positivi, di pace.

Riportano gli organizzatori: “Gli architetti hanno voluto lasciare un segno: ripercorrendo viaggi passati o immaginari, tracciando ipotesi di futuro, riflettendo sul dramma dei profughi e dei migranti, scegliendo la provocazione artistica, usando la matita come arma di pace“.

Hanno inviato idee e progetti per Sketch for Syria

A12 Associati, Samer Adeeb, Abdulrahman Adi, Rose Ahmad, Hazar Ahmd, Francisco Aires Mateus, Yehya Al Aswad, Nourhan Al Bakkour, Lamira Al Baroudi, Al Borde Arquitectos, Abd Al Ghany, Mohamad Al Henawi, Amer Al Issa, Alaa Al Khatib, Shaza Al Manakly, Mohamed Al Mufti, Ahmed Al Salhi, Hala Al Shimali, Riyad Al Wadi, Samer Al-Baroudi, Moumena Albarazi, Benno Albrecht, Alhalak Hanin, Mustafa Alhamwy, Ahed Alkhatib, Zaki Rabia Alkhatib, Diala Alkhoury, Tala Alshami, Roaa Alturek, Massimo Alvisi, Felipe Assadi, Hala Asslan, Fadi Attoura, B22, Babau Bureau, Steve Baer, Ricardo Bak Gordon, Roland Baldi, Nicola Barbugian, Fabrizio Barozzi, Alia Bassioni, Alejandro Beals – Loreto Lyon, Paolo Belardi, Federico Buonincontro, Ciro Cirillo, Diana Çorbaci, Roberto Corradini, Javier Corvalán, Raffaele Cutillo, Fares Dahabi, Silvia Dainese, Armando Dal Fabbro, Ghadeer Ziad Dasouky, Brunetto De Battè – Giovanna Santinolli, Mariam Doghouz, Antonio Esposito, Alberto Ferlenga, Emanuele Fidone, Fosbury Architecture, Cherubino Gambardella, Fabrizio Gay, Muhammad Ghanem, Kinda – Maya – Nadine Ghannoum, Sean Godsell, Leonard Grosch – Atelier Loidl, Huda Hamal Ennabeh, Mouhannad Hatem, Ádám Hatvani , Alfarhattian Houzzam, Gianluca Iannotta, Rebal Jaber, Rama Jber, Rneem Jber, Kristen Jubran, Rim Kalsoum, Victoria Kassar, Driss Kettani, La Macchina Studio, Vincenzo Latina, Josè Ignacio Linazasoro, Jorge Lobos, Loopo Studio, Riccardo Lopes, Josè Lorenzo-Torres, Kevin Mark Low, Guilherme Machado Vaz, Davide Marazzi, Patrizio Martinelli, Haya Massimi, Giancarlo Mazzanti, Ettore Maria Mazzola, Antonio Monestiroli, Samira Muhammed, Abdulkarim Mustafa, Ghiath Obaidy, Morpho Papanikolaou + Beetroot, Angela Paredes – Ignacio Pedrosa (immagine in alto), Sergio Pascolo, Marco Provinciali – Supervoid, Philippe Rahm, Aahed Annasser Rajjoub – Abdalla Asaad, David Raponi, Abdal Razak Dawalibi, Massimiliano Rendina, Kinga Rusin, Gretta Saied, Salma Samar Damluji, Abdallah Samo, Philippe Samyn, Dania Saoud, Kinda Sati, Ziad Shahet, Hazem Shahrour, Reem Shuhadeh, Álvaro Siza, Souheil Sleiman, Carin Smuts, Southcorner, Studio Albori, Nourhan Sundouk, Jørgen Bech Taxholm, Carlo Terpolilli, Alessandro Tessari, Anas Tmraz, Emilio Tuñón Álvarez, Davide Vargas, Mohammad Fares Whby, Peter Wilson, Mohammed Zanboua, Samar Waleed Zaydan, Samir Abu Zeina.

Leggi anche l’articolo I migliori Architetti italiani, a Spazio FMG, ci mettono la faccia

SCHEDA EVENTO
Sketch for Syria. Un impegno globale per la Siria

Università IUAV di Venezia
132 taccuini disegnati da architetti di tutto il mondo

Quando
Dal 17 gennaio al 24 febbraio 2017
dalle 10:30 alle 17:30

Inaugurazione
17 gennaio 2017, ore 17:00
Intervengono: Alberto Ferlenga, Benno Albrecht, Monica Centanni, Nohad Haj Salih

Dove
Università Iuav di Venezia
Tolentini, Galleria del Rettorato
Santa Croce 191, Venezia

A cura di
Jacopo Galli con Luna Rajab

Allestimento
Marco Ballarin, Jacopo Galli

 

 

Per ulteriori informazioni
sketchforsyria.iuav.it
www.facebook.com/pg/sketchforsyria

 

Nell’immagine in alto, un disegno dal taccuino inviato da Angelo Paredes e Ignacio Pedrosa (Paredes Y Pedrosa). Le immagini della galleria sono tratte dalla pagina Facebook dell’evento.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here