Seconda sessione esame di stato architetto 2020: sarà un unico orale a distanza

seconda sessione esame di stato architetto 2020

Il Miur rilascia nuove direttive per tutti gli aspiranti abilitanti: la seconda sessione esame di stato architetto 2020 sarà costituita da un’unica prova orale svolta con modalità a distanza. 

La notizia è arrivata con il DM n.661 del 24 settembre 2020 che modifica le indicazioni trasmesse in precedenza con il Decreto Ministeriale n. 38. Precedentemente, infatti, era stato esplicitato che  la seconda sessione esame di stato architetto 2020 si sarebbe svolta con le modalità previste dalle Ordinanze Ministeriali n. 1193, 1194 e 1195, pubblicate il 28 dicembre 2019.

La decisione di svolgere anche questa seconda sessione con modalità straordinaria è dovuta, come in precedenza, al pericolo di diffusione del virus COVID-19.

Vediamo nel dettaglio.

Potrebbe interessarti: Esame di stato architetto 2020: aggiornamenti in vista della seconda sessione

Seconda sessione esame di stato architetto 2020: in cosa consisterà la prova?

La recente comunicazione dà indicazione a tutti gli atenei di usare, anche per questa seconda sessione esame di stato architetto 2020, le stesse modalità impiegate per la precedente (ne parliamo qui). La commissione dovrà quindi, se pur in un’unica prova orale, assicurarsi che “la suddetta prova orale verta su tutte le materie previste dalle specifiche normative di riferimento e che sia in grado di accertare l’acquisizione delle competenze, nozioni e abilità richieste dalle normative riguardanti ogni singolo profilo professionale“.

Il DM n.661 firmato dal Ministro Gaetano Manfredi, inoltre, invita gli stessi atenei a nominare nuove commissioni di esami, in accordo con gli ordini professionali territoriali di riferimento, o confermare quelle già nominate per la prima sessione.

Leggi anche: Prova unica esame di stato 2020: tutte le risposte ai dubbi degli abilitanti

Seconda sessione esame di stato architetto 2020: le modalità

Mancano poco meno di due mesi dalla data prevista per la seconda prova esame di stato architetto 2020, che ricordiamo essere prevista per il giorno 23 novembre 2020.

Sui portali delle facoltà che ospiteranno l’esame si possono trovare tutte le istruzioni per procedere con l’iscrizione e e sulle modalità con cui collegarsi. Come già previsto dagli atenei per la prova precedente, gli studenti dovranno essere muniti di PC dotato di Webcam e microfono, mentre nel regolamento veniva chiesto espressamente di essere gli unici presenti nella stanza.

Inoltre, all’interno del DM n.661 si pone l’accento sulla questione del tirocinio professionale. Le attività infatti potranno essere tranquillamente svolte da remoto e, anche in questo caso, “dovrà perseguire gli obiettivi e le finalità previsti negli accordi eventualmente stipulati tra gli atenei, le istituzioni, gli enti accreditati e gli ordini professionali per le professioni che ne prevedono l’esistenza e comunque nel rispetto di quanto previsto dal d.m. 11 dicembre 2019 (prot. n. 1135), recante le linee guida sull’organizzazione e il riconoscimento dei tirocini professionali“.

A questo proposito i candidati che, al momento della presentazione della domanda di ammissione non hanno ancora completato il necessario tirocinio, devono dichiarare nella medesima domanda che si impegnano a produrre l’attestato di compiuta pratica professionale prima dello svolgimento degli esami.

Preparati per l’esame di stato leggendo:

Preparati leggendo: Esame di Stato Architettura 2020: le date, le sedi e i consigli

Kit di preparazione Guida pratica alla progettazione + Prontuario tecnico urbanistico amministrativo A. F. Ceccarelli, P. V. Campbell, 2020, Maggioli Editore

La "Guida pratica" è stata totalmente rinnovata (e integrata con 335 tavole di progetto), e il "Prontuario" è stato integrato con 160 particolari costruttivi aggiornati alle nuove norme sul risparmio energetico.



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here