Seconda sessione esame di stato architetto 2020: i 6 + 2 consigli per superarla

seconda sessione esame di stato architetto

La seconda sessione dell’esame di stato architetto 2020 è alle porte, e noi torniamo a supportare i candidati con i consigli pratici per superare questa seconda prova “straordinaria”.

Come ben saprai, per questo 2020, il Miur ha previsto di svolgere entrambe le sessioni dell’esame di stato di architettura con un’unica prova orale.

Seppur molto “semplificata”, questa prova non va assolutamente sottovalutata, in quanto la commissione dovrà comunque assicurarsi che:

“la suddetta prova verta su tutte le materie previste dalle specifiche normative di riferimento e che sia in grado di accertare l’acquisizione delle competenze, nozioni e abilità richieste dalle normative riguardanti ogni singolo profilo professionale “.

Vediamo quindi quali sono i 6 + 2 consigli per superare questa seconda sessione esame di stato architetto 2020.

Per avere tutte le informazioni riguardo la sessione, leggi anche:

Seconda sessione esame di stato architetto 2020: sarà un unico orale a distanza

1) Igiene e abbigliamento

Anche se a distanza e tramite uno schermo, essere presentabili è un requisito fondamentale per fare una buona impressione:

un abbigliamento consono, non eccessivamente elegante, né tanto meno trasandato, pone il candidato in buona luce rispetto alla commissione.

2) Carta e penna a portata di mano

Carta e penna per un esame orale? Si, non si può mai sapere quali quesiti porrà la commissione:

nell’ipotesi che venga chiesto di disegnare un particolare o fare uno schizzo, non è bello lasciare gli interlocutori a fissare la parete.

3) Essere umili e andare sempre d’accordo

Avere dei diverbi con i commissari per una risposta o un’incomprensione è al 100% una cosa da evitare.

Mai scontrarsi con i commissari, a prescindere da quel che si possa pensare, sono professori universitari o architetti con anni di esperienza sulle spalle e quindi molto più preparati di un candidato all’esame di stato.

Inoltre, consiglio ulteriore, il commissario d’esame è il soggetto forte e quindi inimicarselo è assolutamente controproducente.

4) Evitare i commenti pungenti o fuori contesto

Esprimere il proprio giudizio è fondamentale e, alcune volte, proporre il proprio punto di vista è ciò che permette di rimanere impressi nella mente dell’interlocutore.

Proprio per questo è bene farlo evitando però posizioni eccessivamente forti o distanti dal sentire comune. È bene anche evitare polemiche di tipo politico istituzionale e rimanere ancorati ai fatti senza andare fuori tema.

5) Sintesi

Essendo l’intero esame racchiuso in un singolo orale, gli esaminatori vorranno porre il maggior numero di quesiti possibili all’aspirante architetto professionista.

Fondamentale, quindi, snellire la comunicazione. Un consiglio, in caso di concetti complessi meglio impostare dei punti, per mantenere l’attenzione e non annoiare gli interlocutori.

6) Parola chiave: chiarezza

Consiglio che si lega al precedente. I concetti devono essere espressi con precisione e semplicità.

Nel caso in cui gli esaminatori chiedessero di realizzare un disegno per approfondire il tema della domanda, ricorda di mantenere la massima pulizia e chiarezza nella realizzazione.

Hai sostenuto l’Esame di Stato 2020?

Partecipa al sondaggio, lascia la tua opinione e scarica gratis il pdf su ”La trasformazione digitale nella filiera delle costruzioni”

Seconda sessione esame di stato architetto 2020: i consigli “+”

Eccoci arrivati ai consigli extra, consigli evergreen da applicare a questa seconda sessione dell’esame di stato architetto 2020, ma che vanno sempre tenuti a mente per evitare inconvenienti futuri.

+1) Controllare la connessione e il Pc

Non c’è bisogno di ricordare che questa seconda sessione dell’esame di stato architetto avverrà online. Trovarsi senza connessione o non riuscire ad accendere la webcam o il microfono, perciò, sono situazioni da evitare assolutamente. Anche se gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo, il consiglio è controllare più volte il funzionamento di tutto ciò che serve.

+2) Essere preparati

Sembra un consiglio scontato, ma così non è, in questa sessione non ci sono tempi tra una prova e l’altra, fare un ripasso non è possibile. Bisogna essere ferrati su qualsiasi argomento che gli esaminatori potrebbero chiedere.

A questo proposito, ti mettiamo a disposizione dei pratici manuali per arrivare in gran forma al giorno dell’esame.

Ti consigliamo

Guida pratica alla progettazione per l\'esame di abilitazione A. F. Ceccarelli, P. V. Campbell, 2020, Maggioli Editore

Testo di riferimento per la progettazione architettonica, urbanistica e di recupero/restauro e da oltre 19 anni strumento indispensabile per prepararsi all'esame di Stato per architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori e ingegneri civili/edili.



Prontuario tecnico urbanistico amministrativo Alberto Fabio Ceccarelli, 2020, Maggioli Editore

La settima edizione del Prontuario tecnico urbanistico amministrativo, pur conservando inalterate la chiarezza ed esaustività necessarie a rispondere ai quesiti delle prove d’esame di Stato delle professioni tecniche, presenta numerose novità...



Kit di preparazione Guida pratica alla progettazione + Prontuario tecnico urbanistico amministrativo A. F. Ceccarelli, P. V. Campbell, 2020, Maggioli Editore

La "Guida pratica" è stata totalmente rinnovata (e integrata con 335 tavole di progetto), e il "Prontuario" è stato integrato con 160 particolari costruttivi aggiornati alle nuove norme sul risparmio energetico.



 

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here