La SOS School of Sustainability di Mario Cucinella, di cosa si tratta e come iscriversi

sos school of sustainability mario cucinella

La SOS – School of Sustainability è un’accademia post-laurea fondata a Bologna nel 2015 da Mario Cucinella per la formazione di una nuova generazione di professionisti nel campo della sostenibilità, in grado quindi affrontare le grandi sfide globali in campo economico, ambientale e sociale. SOS, nata in stretta collaborazione con Mario Cucinella Architects (MCA), è stata pensata fin dalle sue origini più come laboratorio creativo che come scuola tradizionale, dove la formazione si ispira ai progetti e alle competenze attive in un contesto di pratica professionale.

Si tratta quindi di una piattaforma non solo formativa ma anche creativa, in cui istruzione, ricerca e pratica si intrecciano con l’obiettivo di costruire la cultura della sostenibilità, sperimentando progetti che abbiano un impatto positivo sulla società, l’economia e l’ambiente. La School of Sustainability di Cucinella è aperta a laureati e professionisti nel campo dell’architettura, dell’ingegneria e di altre discipline ad esse collegate. Il prossimo ciclo della SOS, il sesto, inizierà il prossimo ottobre, e le iscrizioni sono già aperte.

Per la formazione post-laurea degli architetti, a Bologna l’anno scorso ha aperto anche YACademy

SOS School of Sustainability, il programma

La School of Sustainability di Mario Cucinella dura 10 mesi (da ottobre a luglio) e presenta un programma full time, suddiviso in tre parti.

La prima parte dura tre mesi (ottobre-dicembre) e consiste in tre corsi preparatori (Common Ground, Leading Practices, Environmental Design), soprattutto lezioni frontali e workshop che hanno l’obiettivo di dare agli studenti le nozioni necessarie per affrontare il resto del programma. La seconda parte dura due mesi (gennaio-febbraio) ed è dedicata alla simulazione  su casi studio reali (ad esempio progetti di MCA ora in corso), ai workshop e alla ricerca. La terza e ultima parte dura invece 5 mesi (marzo-luglio) ed è interamente dedicata allo sviluppo di un progetto che consenta agli studenti di mettere in pratica quanto appreso. I temi progettuali sono: Architecture as a Social Business, Post Carbon Architecture e The Right to Quality Shelter.

Grazie al network di School of Sustainability – tra cui figurano, ad esempio, partner come UNHCR, Legambiente, Symbola, Fondazione per lnnovazione Urbana (FIU), Dubai Municipality, Architectural Association (UK), Eni Gas e Luce, Iris Group, ARUP, Transsolar – gli studenti hanno l’opportunità di operare su progetti reali in ambiti complessi e su temi emergenti legati alla sostenibilità (come lo sviluppo delle comunità, la rigenerazione urbana e ambientale, la progettazione di edifici di nuova generazione, ecc.).

La lingua ufficiale della School of Sustainability è l’inglese.

School of Sustainability, le iscrizioni

È possibile presentare la propria candidatura per partecipare al sesto ciclo della School of Sustainability, con inizio a ottobre 2019, caricando il proprio portfolio, il proprio Curriculum Vitae e una lettera di motivazione sul sito della scuola (link a fondo articolo). Le candidature possono essere inviate in tre diversi periodi, ecco le tre scadenze:

– Prima call: 31 gennaio 2019 (con colloquio entro il 28 febbraio 2019)
– Seconda call: 31 marzo 2019 (con colloquio entro il 30 aprile 2019)
– Terza call: 31 maggio 2019 (con colloquio entro il 30 giugno 2019)

Il costo di iscrizione

Il costo di iscrizione alla School of Sustainability di Mario Cucinella è di 10 mila euro. Al momento della conferma di iscrizione è necessario versare un anticipo di mille euro. 5% di sconto per chi si iscrive entro il 31 marzo 2019. C’è inoltre la possibilità di vincere una borsa di studio partecipando al contest “Pollution 2019: Architecture for a Sustainable Future” (deadline: 1 maggio 2019).

Per ulteriori informazioni e per iscriversi
schoolofsustainability.it
info@schoolofsustainability.it

Smart Planning. Paradigmi innovativi per progetti urbani sostenibili Francesco Alberti, 2018, Maggioli Editore

Sostenibilità e innovazione sono le parole chiave per la rigenerazione dei contesti urbani esistenti, e diventano i veri e propri paradigmi dello smart planning. A questo si aggiunge la necessità di rendere le città meno ...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here