Al MAXXI un focus sul Salk Institute di Louis Kahn, docufilm e conferenza

salk institute kahn docufilm
© Alfred Essa

Venerdì 17 maggio 2019, dalle 16:00 alle 18:00, si terrà al MAXXI di Roma un interessante focus su uno dei più celebri progetti di Louis I. Kahn, il Salk Institute for Biological Studies di La Jolla, in California. Si terrà infatti la proiezione del docufilm The Salk Institute – diretto da Robert Redford, con le musiche di Moby e tratto da Le cattedrali della cultura di Wim Wenders – e una lezione della professoressa Maria Bonaiti, storica dell’architettura e grande studiosa di Louis Kahn, che servendosi del documentario analizzerà e racconterà l’edificio, invitando a una riflessione più ampia a proposito delle qualità esistenziali di uno spazio.

L’evento, ad ingresso gratuito (previa prenotazione, link a fondo articolo), si terrà presso l’auditorium del MAXXI. Sono stati richiesti 2 crediti formativi professionali CFP per architetti.

Leggi anche Open Studi Aperti 2019: centinaia di studi di architettura aperti al pubblico per 2 giorni

Il Salk Institute di Louis Kahn

L’edificio per il Salk Institute for Biological Studies – uno dei più prestigiosi istituti di ricerca scientifica in campo biomedico – è stato commissionato all’architetto Louis I. Kahn nel 1959 dallo scienziato e ricercatore Jonas Edward Salk, che gli ha lasciato praticamente carta bianca. Posizionato su un terreno scelto da Salk su un dirupo della costa californiana e affacciato sull’Oceano Pacifico, si trova a La Jolla, a meno di 10 km dal centro di San Diego.

Il progetto, su cui Kahn ha lavorato per molti anni, comprendeva anche alloggi per il personale, un edificio dell’amministrazione e spazi per le attività comuni, ma sono stati completati, nel 1965, solo i laboratori e gli uffici per il personale dell’istituto.

Inizialmente il grande e iconico vuoto centrale rivestito in travertino e solcato da un sottile canale d’acqua doveva essere destinato a giardino, ma pare che un consulto con l’architetto messicano (e amico) Luis Barragán, lo abbia convinto a desistere, creando una vera e propria piazza di pietra. Oltre al travertino, il materiale dominante è il cemento: le superfici degli edifici sono state realizzate con getti di calcestruzzo in opera dentro casseforme accuratamente predisposte, a cui in alcuni punti, sono stati affiancati pannelli in Teak.

Le cattedrali della cultura

Le Cattedrali della cultura (titolo originale: Cathedrals of Culture) è un progetto cinematografico in 3D che offre sei diverse risposte alla domanda “Se gli edifici potessero parlare, cosa direbbero di noi?“. Gli edifici raccontati da sei diversi registi (oltre allo stesso Wim Wenders e a Robert Redford anche Michael Glawogger, Michael Madsen, Margreth Olin e Karim Aïnouz), oltre al Salk Institute, sono la Filarmonica di Berlino, la Biblioteca Nazionale Russa, il Carcere di Halden, l’Opera House di Oslo e il Centre Pompidou.

Dopo che l’intero documentario era stato trasmesso su Rai5 (nel 2017), era possibile vederlo anche su Rai Play, ma sembra che attualmente sia stato rimosso (su Rai Play, però, è ancora possibile vedere quelli dedicati a Frank Lloyd Wright, Ludwig Mies van der Rohe e Gio Ponti, qui i link). Questo è il trailer:

L’episodio dedicato al Salk Institute che sarà proiettato al MAXXI ha una durata di circa 26 minuti.

Per prenotarsi
casabellaformazione.it

The masters in India. Le Corbusier, Louis Kahn and the Indian context Balkrishna Doshi, Bruno Melotto, 2014, Maggioli Editore

Immediately after the Indian Independence (1947), Le Corbusier was invited to take part in the process of providing a new identity to the Country ...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here