A Richard Rogers l’AIA Gold Medal 2019

richard rogers aia gold medal 2019
Richard Rogers durante la lectio magistralis che ha tenuto all'ultima edizione di Cersaie.

L’American Institute of Architects (AIA) ha deciso di conferire all’architetto Richard Rogers – già vincitore del Pritzker Prize nel 2007 e dello Stirling Prize nel 2006 e nel 2009 – l’AIA Gold Medal 2019.

La medaglia d’oro AIA, che gli sarà consegnata nell’anno nuovo nel corso dell’AIA Conference on Architecture 2019 che si terrà a Las Vegas (6-8 giugno 2019), è assegnata ogni anno a un individuo, non necessariamente architetto, “in riconoscimento di un corpus significativo di lavori che hanno una duratura influenza sulla teoria e la pratica dell’architettura“. Rogers è stato scelto perché, come dichiarato dalla giuria, la sua influenza sull’ambiente costruito ha negli anni ridefinito il concetto di responsabilità sociale dell’architetto.

Leggi anche l’articolo sull’autobiografia di Richard Rogers, uscita quest’anno: Un posto per tutti. Vita, architettura e società giusta

Renzo Piano, collega e amico fraterno dell’architetto, ha commentato: “Richard Rogers è un amico, un compagno di avventure e di vita. Ed è anche un grande architetto, anzi molto più di questo. È un urbanista attratto dalla complessità delle città e dalla fragilità del pianeta, un umanista curioso di tutto (dall’arte alla musica, alle persone, alle comunità, fino ad arrivare al cibo) e un instancabile esploratore. E c’è anche un’altra cosa che potrebbe essere: un poeta“.

Tra i vincitori delle precedenti edizioni ricordiamo Louis Henri Sullivan (1944), Frank Lloyd Wright (1949), Walter Gropius (1959), Le Corbusier (1961), Alvar Aalto (1963), Pier Luigi Nervi (1964), Louis I. Kahn (1971), Ieoh Ming Pei (1979), Sir Norman Foster (1994), Frank Gehry (1999), Michael Graves (2001), Tadao Ando (2002), Santiago Calatrava (2005), Renzo Piano (2008), Fumihiko Maki (2011), Julia Morgan (2014, postumo, prima donna a ricevere il riconoscimento), Robert Venturi e Denise Scott Brown (2016), Paul Revere Williams (2017, postumo, primo Afro-Americano a ricevere il riconoscimento).

La giuria di quest’anno era composta da:
– Kelly M. Hayes-McAlonie, FAIA, Chair, University of Buffalo, Buffalo, New York
– Dan Hart, FAIA, Parkhill Smith & Cooper, Inc., Midland, Texas
– Lori Krejci, AIA, Avant Architects, Inc., Omaha, Nebraska
– Dr. Pamela R. Moran, Albemarle County Public Schools, Charlottesville, Virginia
– Antoine Predock, FAIA, Antoine Predock Architects, Albuquerque, New Mexico
– David B. Richards, FAIA, Rossetti, Detroit, Michigan
– Emily A. Roush-Elliott, AIA, Delta DB, Greenwood, Mississippi
– Rafael Viñoly-Menendez, AIA, LMN Architects, Seattle, Washington

Città per le persone Jan Gehl, 2017, Maggioli Editore

Dalla prefazione di Richard Rogers: "Le città – come i libri – possono essere lette e Jan Gehl capisce la loro lingua. La strada, il sentiero, la piazza e il parco sono la grammatica della città; forniscono la struttura che consente alla città di prendere vita e ospitare le diverse...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here