Premio Urbanistica 2018, i progetti vincitori

premio urbanistica 2018

Sono stati proclamati i nove vincitori del Premio Urbanistica 2018, il concorso indetto dalla rivista scientifica dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), che dal 2006 seleziona i progetti preferiti dai visitatori di Urbanpromo, l’evento nazionale di riferimento per la rigenerazione urbana (organizzato dallo stesso INU e da Urbit) che ormai conosciamo bene. La premiazione dei progetti vincitori si terrà nell’ambito della  quindicesima edizione di Urbanpromo Progetti per il Paese, in programma dal 20 al 23 novembre prossimi alla Triennale di Milano.

Sono stati selezionati tre progetti per ognuna delle tre categorie in cui il Premio Urbanistica 2018 si suddivideva: Nuove modalità dell’abitare e del produrreRigenerazione ambientale, economica e socialeInnovazioni tecnologiche per la gestione urbana.

Leggi anche Premio Urbanistica 2017, i vincitori. Prato trionfa con 3 progetti di rigenerazione urbana

Nuove modalità dell’abitare e del produrre

Nella categoria Nuove modalità dell’abitare e del produrre hanno prevalso i seguenti progetti:

– La Camera di Commercio di Genova con il progetto di rinascita del Mercato Orientale, la ristrutturazione e il recupero (con un restauro conservativo) della struttura al piano rialzato del mercato per fare spazio al primo food market genovese;

– La Compagnia di San Paolo con il progetto “Luoghi Comunia Torino (Porta Palazzo e San Salvario), che prevede la ristrutturazione di  edifici d’interesse storico-artistico da destinare a residenze temporanee di social housing seguendo i criteri della sostenibilità  ambientale e del comfort degli abitanti (di San Salvario abbiamo parlato anche qui);

– Il Comune di Trieste con la riqualificazione attraverso una serie di azioni di tipo socio-culturale dell’area Rozzol-Melara, ed in particolare dell’imponente complesso di edilizia economico popolare realizzato negli anni ’70.

Rigenerazione ambientale, economica e sociale

I vincitori della categoria Rigenerazione ambientale, economica e sociale sono invece:

CDP Investimenti Sgr con il concorso di progettazione relativo all’area dell’ex Ospedale San Gallo a Firenze, aggiudicato dal team guidato dallo studio di progettazione Rossi Prodi Associati

premio urbanistica 2018

CDP Investimenti Sgr è coinvolta anche nella trasformazione della
Caserma La Marmora di Torino, di Carlo Ratti Associati

– Il Comune di Reggio Emilia con il progetto dell’arena eventi Campovolo, che punta a essere uno spazio per performance unico in Europa e principale attrattore turistico della Music Valley emiliana (immagine di apertura);

– Il Comune di Giovinazzo con il progetto di rigenerazione urbana incentrato sull’intervento di restauro e riqualificazione della Villa Comunale e sulla valorizzazione del complesso dell’ex Monastero degli Agostiniani destinato a “Casa delle Culture”.

Innovazioni tecnologiche per la gestione urbana

Infine, nella categoria Innovazioni tecnologiche per la gestione urbana i progetti più votati sono stati:

– L’Azienda per i Diritti agli Studi Universitari ADSU di Teramo con il progetto “MoveTe” per la Mobilità sostenibile in 10 comuni del teramano: un programma integrato che ha l’obiettivo di promuovere l’utilizzo della bicicletta nei tragitti casa/scuola e casa/lavoro;

– La Regione Sardegna e il Centro Interuniversitario Ricerche Economiche e Mobilità (CIREM) dell’Università di Cagliari e Sassari con la Rete ciclabile della Sardegna, un complesso di interventi e di misure di infrastrutturazione fisica e sociale finalizzate a  promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di spostamento quotidiano, di svago, sport e turismo;

– Il Comune di Forlì con il progetto “Giardino dei Musei“, la riqualificazione e la valorizzazione di una parte della Piazza Guido da Montefeltro antistante al polo museale di San Domenico (lo abbiamo visto anche qui).

premio urbanistica 2018

Rigenerazione sociale, urbana e sostenibile

Rigenerazione sociale, urbana e sostenibile

Giuliano Colombini, 2018, Maggioli Editore

Fondamenti per la pianificazione delle trasformazioni del territorio e delle relazioni umane. Giuliano Colombini, Architetto, Lari (PI) 1948, attivo nella progettazione architettonica e urbanistica. Ha tenuto per oltre dodici anni seminari di Igiene Ambientale, Impianti Urbani, Progettazione...



Per ulteriori informazioni
urbanpromo.it

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here