ATA2019, il Premio per Tesi di Laurea di ArchiStart

Concorso per tesi di laurea Archistart ATA 2019
Inside Out. Build to make a change, di Francesca Vittorini, vincitrice 2018.

Anche quest’anno Archistart promuove il premio per tesi di laurea Architectural Thesis Award 2019 (ATA2019), realizzato con l’intento di valorizzare e dare visibilità a giovani talenti del mondo dell’architettura. L’anno scorso, la seconda edizione del premio (ATA2018) ha riscosso un grande successo: hanno partecipato 226 ragazzi di diverse nazionalità, singolarmente o in gruppo, presentando un totale di 152 progetti.

Il concorso è aperto a tutti i laureati in architettura e ingegneria edile che abbiano sviluppato un progetto di tesi (da gennaio 2016 a gennaio 2019) nei seguenti ambiti: progettazione architettonica e riusoarchitettura del paesaggio e urbanistica, strutture e sistemi tecnologici.

Leggi anche Premio NIB 2018, per entrare nella Top 10 (under 36) di Architettura e Paesaggio

Al vincitore sarà assegnata una borsa di studio del valore di 2 mila euro, al secondo classificato sarà data la possibilità di partecipare gratuitamente all’evento IAHsummer2018 (International Architecture Holiday) e a un concorso Archistart, e al terzo classificato sarà data la possibilità di partecipare gratuitamente a IAHsummer2018.  Saranno poi assegnate 4 menzioni speciali (una per ogni categoria: composizione architettonica, urbanistica e paesaggio, strutture e sistemi tecnologici, riuso e restauro) e 3 premi social.

L’iscrizione al concorso terminerà l’8 gennaio 2019, con consegna degli elaborati entro il 15 gennaio, e i risultati saranno disponibili a marzo 2019 (la giuria si riunirà a fine gennaio, mentre dall’1 al 15 febbraio saranno attive le votazioni sul sito ufficiale per il premio social).

>> Scarica qui il Bando di ATA2019 (English version) <<

La tesi che si aggiudicherà il primo premio sarà quella che si distinguerà per qualità e complessità della proposta e per aver approfondito differenti aspetti progettuali.
In particolare, in sede di valutazione saranno considerati i seguenti criteri:

  • Rappresentazione (chiarezza dell’idea, qualità grafica e capacità di sintesi)
  • Relazione con il contesto
  • Composizione architettonica (qualità del progetto e composizione formale)
  • Fattibilità e sostenibilità della proposta dal punto di vista ambientale
  • Soluzioni tecniche (proposte funzionali e innovative dal punto di vista tecnico)

L’anno scorso, il progetto di tesi vincitore è stato quello di Francesca Vittorini, Inside Out. Build to make a change (immagine in alto). La giuria ha particolarmente apprezzato il progetto per la sua valenza sociale e tecnologica, oltre per la composizione architettonica. Inoltre, lo studio del contesto e dei suoi materiali, reinterpretati in chiave contemporanea, evidenzia la sperimentalità del progetto, che ha assunto anche una dimensione partecipata, con un approccio innovativo. Secondo classificato Filippo Fornai (Sant’Orsola Firenze), e terzi classificati Matteo Molinari e Andrea Piattella (Santa Croce 59). Tutti i progetti di ATA2018 sono consultabili qui.

Per ulteriori informazioni
www.archistart.net

Guida pratica alla progettazione + Prontuario tecnico urbanistico amministrativo Alberto Fabio Ceccarelli, 2017, Maggioli Editore

La sesta edizione del Prontuario tecnico urbanistico amministrativo, pur conservando inalterate le caratteristiche di chiarezza ed esaustività necessarie a rispondere ai vari quesiti delle prove d’esame di Stato delle professioni tecniche ...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here