Approfondire la rigenerazione urbana a Berlino: due borse di studio per architetti

premio berlino per architetti

Aggiornamento di agosto 2017: Sono stati annunciati i due vincitori del Premio Berlino 2017 sul riuso e la rigenerazione urbana: Giorgia Floro e Leonardo Di Chiara.

Giorgia (Bari, 1991), dopo la laurea in Architettura, ha perfezionato la propria formazione al Politecnico di Milano approfondendo la tematica del riuso di edifici in stato di abbandono. Al momento, sta realizzando alcuni progetti di rigenerazione urbana in terra natia. Leonardo (Pesaro, 1990), dopo la laurea si è trasferito a Berlino per entrare a far parte della Tinyhouse University, di cui in seguito fonda il secondo centro operativo in Italia, per approfondire e promuovere lo studio di un nuovo modo di abitare.

La Commissione era composta da Hans-Jürgen Commerell (Direttore di ANCB The Aedes Metropolitan Laboratory), Arch. Alessandra Cerroti (funzionario MiBACT), Prof. Luigi Reitani (Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Berlino) e Arch. Maria Claudia Clemente (Studio Labics). In bocca al lupo Giorgia e Leonardo per la nuova avventura!

Leggi anche Premi Architetto Italiano e Giovane Talento dell’Architettura 2017, come candidarsi

5 giugno 2017: La Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT e la Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) bandiscono la prima edizione del Premio Berlino: un programma sui temi del riuso e della rigenerazione urbana rivolto ad architetti italiani emergenti.

Ai vincitori del Premio Berlino verrà offerta la possibilità di trascorrere un periodo di sei mesi a Berlino (da ottobre 2017 a marzo 2018), al fine di approfondire professionalmente le tematiche inerenti il riuso e la rigenerazione urbana e partecipare ad attività culturali su tali temi (incontri, dibattiti, seminari, tour urbani etc.).

Ai vincitori sarà affiancato un tutor residente a Berlino esperto della scena professionale locale e con esperienza internazionale. Gli architetti vincitori parteciperanno inoltre alle attività culturali organizzate da ANCB (The Aedes Metropolitan Laboratory) e dall’IIC Berlino e presenteranno i propri lavori presso gli spazi dell’IIC.

Premio Berlino, il bando e i dettagli

Per questa I edizione del Premio Berlino verranno assegnate, a giudizio insindacabile della Commissione, due borse di studio di 6 mesi che prevedono i seguenti benefici:

  1. un assegno mensile per vitto, alloggio e il rimborso spese prestazioni presso uno studio di architettura specializzato nei temi della rigenerazione urbana e sulle pratiche di
    recupero delle periferie urbane;
  2. un biglietto aereo A/R per Berlino dall’Italia;
  3. la copertura assicurativa per spese sanitarie, infortuni, incidenti.

Per partecipare è necessario essere cittadini italiani (residenti in Italia), essere nati dopo il 31 dicembre 1986 ed essere architetti operanti nel settore specifico del riuso e della rigenerazione. In più è necessario avere all’attivo almeno un progetto di riuso o rigenerazione realizzato. Infine, è fondamentale avere un’ottima conoscenza della lingua inglese, mentre la conoscenza del tedesco costituirà titolo preferenziale.

>> Scarica qui il bando del Premio Berlino

Il Premio Berlino verrà assegnato da una commissione internazionale composta da personalità della cultura tedesca e italiana i cui nomi verranno resi noti dopo la scadenza dei termini di presentazione delle domande di partecipazione.

La domanda di partecipazione, in carta libera, dovrà essere redatta sulla base del fac-simile allegato al bando e dovrà essere inviata (completa di allegati), entro il 25 giugno 2017, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento. Gli allegati consistono di:

  • curriculum vitae in inglese, firmato (in triplice copia);
  • tre lettere di presentazione del candidato e della sua attività di architetto, redatte da
    esperti del mondo dell’architettura contemporanea o della rigenerazione urbana. Le lettere redatte dovranno essere inserite in busta, la busta firmata sul lembo, inviate in singole buste chiuse ai partecipanti che a sua volta le inseriranno nel plico unico (in italiano o inglese);
  • documentazione dell’attività di progettazione nell’ambito del riuso e della rigenerazione urbana. La documentazione consisterà di foto su CD Windows compatibile (contenente al massimo 20 immagini; in caso di invio di più immagini, le eccedenti non verranno esaminate – estensione richiesta: .tif, .jpg, o .pdf; definizione massima: 150 dpi) e/o DVD di durata massima 10 minuti; le didascalie delle immagini dovranno essere redatte in lingua inglese;
  • eventuale rassegna stampa relativa all’attività svolta (fino ad un massimo di 10 pagine);
  • fotocopia di un documento d’identità valido.

Le domande incomplete o provenienti da candidati privi dei requisiti richiesti verranno
considerate nulle, e non verranno esaminati materiali non richiesti. Il materiale allegato alla domanda di partecipazione non sarà restituito e resterà a disposizione dell’Istituto Italiano di Cultura di Berlino. Contestualmente all’invio per raccomandata, i candidati dovranno anticipare via email la sola domanda, senza allegati, all’indirizzo email premioberlino@gmail.com.

La Commissione si riunirà a luglio 2017. I nominativi dei vincitori verranno resi noti tramite comunicazione diretta agli interessati e mediante pubblicazione sul sito internet del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, su quello della Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane e su quello dell’Istituto Italiano di Cultura di Berlino.

Per ulteriori informazioni
premioberlino@gmail.com
dgsp-08.premioberlino@esteri.it

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here