Piano Grandi Progetti Beni Culturali: 135 milioni per musei, aree archeologiche e biblioteche

La Conferenza Unificata del 24 novembre scorso ha dato il via libera al Piano Grandi Progetti Beni Culturali, che prevede investimenti di 135 milioni di euro per il restauro e la valorizzazione di musei e aree archeologiche, grandi biblioteche e archivi, poli e attrattori culturali.

Leggi anche l’articolo Beni culturali, i contenuti del Nuovo Decreto Terremoto

Il Piano Grandi Progetti Beni Culturali (inserito nella programmazione 2017-2018) del dicastero guidato da Franceschini consentirà la realizzazione di 23 nuovi interventi, che andranno a sommarsi all’azione di investimento nelle regioni del Sud prevista dai 490 milioni del Pon cultura e sviluppo.

Come comunicato dal MiBACT, questo Piano dà una grande importanza alle grandi biblioteche e agli archivi, a cui sarà infatti dedicato il 43% dell’investimento complessivo, per un totale di 58 milioni di euro.

Di questi, 35 milioni sono interamente destinati al restauro e alla riorganizzazione delle Biblioteche nazionali di Roma e Firenze e per la valorizzazione della biblioteca di Archeologia e storia dell’Arte di Roma. Si potranno quindi ampliare gli spazi, consentire nuove modalità di fruizione, e digitalizzare il patrimonio.

La restante parte dei 135 milioni totali si divide quindi in investimenti su musei e aree archeologiche (40,3%, 54,5 milioni di euro) e su poli e attrattori culturali (16,7%, 22,5 milioni di euro).

Tra questi, 2 milioni di euro saranno interamente dedicati a Palazzo Te di Mantova, 6 milioni al Palazzo del Bargello di Firenze e 7,8 milioni alle Tese del Giardino delle Vergini dell’Arsenale, Biennale di Venezia.

Leggi anche Biennale Architettura 2016 su Google Arts and Culture con oltre 3700 immagini

Ecco i dettagli di tutti i siti di interesse culturale e rilevanza nazionale che saranno interessati dagli interventi di tutela, riqualificazione, valorizzazione e promozione culturale:

Tutte le grafiche degli inteventi sono tratte dal sito del MiBACT, a questa pagina.

Immagine in evidenza: Frigidariumn delle Terme del Foro di Ostia Antica, © Marie-Lan Nguyen/Wikimedia Commons

CONDIVIDI

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here