ORTO MOBILE. Moduli multifunzionali per colorare di verde la città

A partire dal 16 luglio e fino al 5 settembre, sarà possibile sostare in una nuova oasi verde in centro città, coltivare i propri ortaggi, chiacchierare con altri agricoltori metropolitani. È il progetto Agritouring, inaugurato il 15 luglio presso la Triennale di Milano.

 

Agritouring è un’installazione di design pubblico che promuove un’agricoltura urbana sostenibile, un orto mobile per riconquistare il contatto con la natura. Otto cubi in legno di pino multistrato, di dimensione 80 x 80 x 80 cm, costituiscono un unico modulo che è contemporaneamente dimora per i vasi dell’orto, seduta e contenitore di attrezzi per la manutenzione. Un’oasi di sosta e relax, un oggetto dal design semplice e funzionale per la città del futuro.

 

Agritouring aspira ad essere un modello per l’intera città, promuove uno stile di vita attivo e salutare, insegna il rispetto per la natura e per lo spazio pubblico, è un luogo d’incontro in grado di sviluppare attorno a sé un senso di comunità e creare momenti e occasioni di scambio.

 

È uno degli oggetti della esterni design collection. Una collezione di oggetti di design e arredo urbano ampiamente sperimentati nello spazio pubblico, capaci di stimolare nuovi comportamenti e rispondere a piccole emergenze urbane. A partire da settembre, sarà possibile noleggiare e acquistare Agritouring e gli altri oggetti di esterni design direttamente dal sito.

 

Dal 16 luglio al 5 settembre presso il giardino della Triennale di Milano
Viale Emilio Alemagna 6, 20121 Milano

 

ORTO MOBILE – Agritouring – moduli multifunzionali per colorare di verde la città – Un progetto di esterni
designed by Patrick Hubmann
16 Luglio – 05 Settembre 09

 

Orario: 10.30 – 20.30, chiuso il lunedì

 

Ingresso: libero

 

Per informazioni
info@esterni.org

 

Nell’immagine, l’inaugurazione della mostra nel giardino della Triennale di Milano, 15 luglio 2009. Foto di Guglielmo Trupia (fonte)

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here