Open House Torino 2018, un weekend per scoprire l’architettura della città

Open House Torino 2018
Nuvola, ph. Andrea Guermani

Dopo le recenti edizioni di Roma e Milano, Open House, l’iniziativa globale nata a Londra nel 1992 e oggi attiva in 35 città del mondo, arriva per il secondo anno di fila anche a Torino, il 9 e 10 giugno 2018. Come nelle altre città, anche a Torino architetture  normalmente non accessibili – da piccoli appartamenti privati a cantieri in corso, da edifici storici poco noti fino a spazi pubblici di recente realizzazione – saranno quindi aperte al pubblico per due giorni.

Open House nasce infatti da un concetto semplice ma rivoluzionario: diffondere gratuitamente il valore del patrimonio architettonico a un pubblico quanto più vasto possibile. Open House Torino è un invito non solo a riscoprire la città, la sua storia e la sua gente, ma anche a riflettere su come l’architettura, l’ingegneria e la progettazione urbana contribuiscano alla qualità della vita dei cittadini.

A Torino al momento puoi anche visitare la mostra Frank Lloyd Wright tra America e Italia
ed è inoltre in corso Fo.To, Fotografi a Torino

La prima edizione di Open House Torino (OHT) aveva segnato il miglior esordio di sempre tra le 42 città del network Open House Worldwide, con 111 siti aperti e oltre 15 mila visitatori per quasi 40 mila visite. Quest’anno i siti aperti sono più di 140 (una settantina sono nuovi rispetto all’anno scorso).

Commenta Luca Ballarini, presidente di OHT, “Il messaggio di Open House è semplice e duplice: prima di tutto dobbiamo amare l’architettura, prenderci cura dei luoghi intorno a noi, delle stanze in cui viviamo, dei quartieri che abitiamo, perché una città curata è una città che sa donare ai cittadini una vita migliore. Inoltre bisogna condividere, almeno una volta all’anno, questi meravigliosi progetti, questi umili e appassionati esempi di architettura, di interni, di paesaggio, con chi ha la curiosità di scoprirli e conoscerli, perché un patrimonio condiviso è un patrimonio che accresce infinitamente il suo valore e si tramanda di generazione in generazione”.

Open House Torino coinvolge tutti i quartieri della città, dal centro alla periferia alla collina e invita i visitatori a costruirsi itinerari personalizzati, seguendo i propri interessi. Nella proposta di OHT 2018 ci sono però anche molti tour organizzati (Barriera di Milano, Falchera, Vallette, Mirafiori Sud, Polo Nord, Aurora, Cimitero Monumentale di Torino, Cantiere Metro, Associazione Tram Storici).

Le visite, tutte gratuite, sono organizzate con una cadenza regolare (in genere ogni 20-30 minuti) e in alcuni casi sono condotte dagli stessi progettisti, così da soddisfare le eventuali curiosità dei visitatori. Le visite avvengono generalmente per ordine di arrivo – tranne in alcuni luoghi, segnalati in programma, dove è necessaria la prenotazione.

>> Scarica qui la mappa e il programma di Open House Torino
Per gli orari di apertura dei vari edifici clicca qui <<

La novità di quest’anno è il canale Telegram di Open House Torino (openhousetorino). Durante l’evento, tramite l’app (a download gratuito), verranno fornite informazioni in tempo reale sulle diverse location.

Per ulteriori informazioni
openhousetorino.it
fb OpenHouseTorino2017
tw @openhousetorino
ig @openhousetorino
#openhousetorino

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here