Frank Lloyd Wright tra America e Italia, apre la mostra della Pinacoteca Agnelli

Mostra Wright Torino
Frank Lloyd Wright at Taliesin West [6007.0406]. The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York)

Dopo tutte le iniziative dell’anno scorso dedicate al 150esimo anniversario della nascita di Frank Lloyd Wright (1867 -1959), tra cui l’imponente retrospettiva del MoMA – Frank Lloyd Wright at 150: Unpacking the Archive – che si è conclusa nell’ottobre scorso, anche l’Italia ha deciso di celebrare l’architetto con una mostra a lui dedicata. La Pinacoteca Agnelli di Torino ospita infatti Frank Lloyd Wright tra America e Italia, la mostra presentata dalla Avery Architectural & Fine Arts Library della Columbia University e curata da Jennifer Gray (che con Berry Bergdoll era curatrice anche della mostra al MoMA).

Attraverso fotografie, oggetti, cataloghi, litografie e disegni originali, questa mostra esplora il pensiero di Wright sull’architettura organica a partire dal suo primo soggiorno in Italia nel 1910 fino alla sua ultima visita nel 1951, e sottolinea il suo coinvolgimento nel dibattito architettonico, urbanistico e paesaggistico italiano.

Leggi anche Una nuova vita per quattro capolavori perduti di Frank Lloyd Wright

Cosa significa architettura organica e come si manifesta nei progetti di Wright? Come cambia il suo significato con il mutare delle condizioni politico-economiche sia negli Stati Uniti che in Italia nel corso del XX secolo? E quali influenze ebbe sull’architettura italiana? Sono queste le domande da cui la mostra prende avvio.

L’esposizione si articola in sei sezioni. La prima è dedicata alle Prairie Houses, illustrate principalmente attraverso una selezione di litografie del portfolio Wasmuth, una raccolta di oltre cento tavole – alcune arricchite con dettagli in inchiostro dorato e a pastello – che Wright completò durante il suo primo viaggio in Italia nel 1910. La seconda sezione illustra una serie di esperimenti nella progettazione di edifici che Wright ha condotto a partire dal blocco di calcestruzzo, mentre la terza è dedicata ai progetti rivoluzionari degli anni Trenta – Fallingwater, Johnson Wax Building e Wingspread, solo per citarne alcuni. La quarta sezione è dedicata invece ai grattacieli, per Wright l’ossessione di una vita, mentre la quinta ai suoi progetti pubblici e urbani, dove accanto al Guggenheim Museum e allo Unity Temple, ad esempio, sono accostati anche progetti meno noti.

frank lloyd wright mostra torino
Masieri Memorial students’ library and residence (Venice, Italy). Unbuilt Project, perspective [5306.002] The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York)
L’ultima sezione è quella dedicata al rapporto di Wright con l’Italia: attraverso una selezione di fotografie, lettere e cataloghi, e all’esame dell’unico progetto ideato da Wright per l’Italia – il Masieri Memorial (1951-55) pensato per il Canal Grande di Venezia e rimasto irrealizzato – viene esplorato il dibattito architettonico degli anni Quaranta e Cinquanta. In questa sezione viene inoltre documentata la mostra del 1951 Sixty Years of Living Architecture che celebrava la sua carriera andando incontro al crescente interesse per la sua architettura da parte di progettisti, critici e storici italiani (come Bruno Zevi e Carlo Scarpa).

Leggi anche Bruno Zevi, Dialoghi sulla Modernità: la Call for Papers della Triennale di Milano

L’allestimento della mostra è curato da Marco Palmieri, mentre il catalogo (a cura di Jennifer Gray, con testi in italiano e in inglese) è edito da Corraini.

Frank Lloyd Wright a Torino, gli eventi collaterali

In occasione della mostra Frank Lloyd Wright tra America e Italia la Pinacoteca Agnelli organizza diversi eventi e visite guidate. Al di là degli eventi dedicati ai bambini e alle attività didattiche per le scuole (più informazioni sul sito ufficiale, link nella scheda a fondo articolo) vediamo invece il programma degli eventi dedicati agli adulti.

Pausa d’arte: visite guidate in pausa pranzo

45 minuti di visita guidata e approfondimento
– Mercoledì 11 aprile, ore 13:00
– Mercoledì 16 maggio, ore 13:00 (con approfondimento L’architettura organica del Maestro americano)
– Mercoledì 13 giugno, ore 13:00 (con approfondimento L’architetto americano e il suo rapporto con l’Italia)

Gioia d’arte: visite guidate con approfondimento

60 minuti di visita guidata e approfondimento
– Sabato 7 aprile, ore 17:00
– Sabato 5 maggio, ore 11:00 (con approfondimento L’architettura organica del Maestro americano)
– Sabato 30 giugno, ore 17:00 (con approfondimento L’architetto americano e il suo rapporto con l’Italia)

Visite guidate con approfondimento, per Abbonati Torino Musei

60 minuti di visita guidata e approfondimento
– Sabato 21 aprile, ore 11:00
– Domenica 27 maggio, ore 11:00 (con approfondimento L’architettura organica del Maestro americano)
– Sabato 16 giugno, ore 11:00 (con approfondimento L’architetto americano e il suo rapporto con l’Italia)

Ti può interessare anche:

The masters in India. Le Corbusier, Louis Kahn and the Indian context Balkrishna Doshi, Bruno Melotto, 2014, Maggioli Editore

Immediately after the Indian Independence (1947), Le Corbusier was invited to take part in the process of providing a new identity to the Country ...



Scheda evento

evento|event Frank Lloyd Wright tra America e Italia
a cura di|curated by Jennifer Gray
dove|where

Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli
Lingotto
Via Nizza, 230/103
Torino

quando|when dal 28 marzo al 1 luglio 2018
orari|hours

Da martedì a domenica
Aperto dalle 10:00 alle 19:00
Ultimo ingresso alle 18:15

ingresso|admission intero 10€; ridotto 8€ per over 65 e convenzionati, ridotto 4€ per ragazzi 6-16 anni; gratuito per Abbonati Torino Musei e bimbi 0-6 anni. Visita guidata: 4€ a persona.
sito ufficiale|website Pinacoteca Agnelli

1 commento

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here