Milano Arch Week 2019, il programma completo e i protagonisti

milano arch week 2019

Sta per arrivare la Milano Arch Week 2019! Dopo il successo delle scorse edizioni, infatti, è stato annunciato che da martedì 21 a domenica 26 maggio tornerà la settimana milanese dell’architettura (promossa da Comune di Milano, Politecnico di Milano e Triennale di Milano, in collaborazione con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e con la direzione artistica di Stefano Boeri), con un programma ricco di eventi per riflettere sull’evoluzione dell’architettura e sulla complessità urbana contemporanea. Trovi il programma completo in pdf, appena uscito, più in basso…

Milano Arch Week 2019: gli architetti coinvolti

Anche questa terza edizione di Milano Arch Week sarà caratterizzata dalla presenza di alcuni dei protagonisti della scena architettonica internazionale, che, insieme a architetti emergenti, scienziati di rilievo internazionale, personaggi pubblici e opinion leader terranno numerose conferenze.

Tra i nomi che si alterneranno sul palco di Milano Arch Week 2019 figurano i due Pritzker Prize Rem Koolhaas (in conversazione con Stefano Boeri, sabato 25 maggio ore 12.00, Triennale Milano) e Shigeru Ban (sabato 25 maggio ore 14.00, Triennale Milano), e, tra gli altri, Mario Botta (mercoledì 22 maggio ore 18.30, Politecnico di Milano), Kunlé Adeyemi (mercoledì 22 maggio ore 19.30, Politecnico di Milano), Italo Rota e Cino Zucchi (giovedì 23 maggio ore 13.00, Gaggenau DesignElementi Hub), Urbz (venerdì 24 maggio ore 17.00, Triennale Milano), Al Borde (venerdì 24 maggio ore 18.00, Triennale Milano), James Wei Ke (venerdì 24 maggio ore 19.00, Triennale Milano), Giancarlo Mazzanti (sabato 25 maggio ore 16.30, Triennale di Milano), Eyal Weizman (sabato 25 maggio ore 17.30, Triennale Milano), Andrea Branzi (sabato 25 maggio ore 18.30, Triennale Milano), Ricky Burdett (sabato 25 maggio ore 19.30, Triennale Milano), Winy Maas (in dialogo con Stefano Boeri e Joseph Grima, sabato 25 maggio ore 20.30, Triennale Milano), Yuri Grigoryan (domenica 26 maggio ore 19.00, Triennale Milano), Assemble (domenica 26 maggio ore 18.00, Triennale Milano), Tatiana Bilbao (domenica 26 maggio ore 21.00, Triennale Milano).

A Milano, negli spazi di Armani/Silos, è ancora possibile visitare la mostra dedicata a Tadao Ando

Le conversation proporranno poi, come l’anno scorso, interessanti dialoghi tra due personalità di spicco: Vittorio Gregotti e Cino Zucchi (giovedì 23 maggio ore 20.00, Triennale Milano), Cherubino Gambardella e Federica Verona (venerdì 24 maggio ore 15.00, Triennale Milano), i filosofi Emanuele Coccia e Leonardo Caffo (sabato 25 maggio ore 17.00, Triennale Milano), Alessandro Floris e Simone Capra (sabato 25 maggio ore 19.00, Triennale Milano). Il giovane collettivo Superspatial curerà poi le conversazioni “intergenerazionali” Safety Plan for a Burning House, con Edoardo Tresoldi e Studio Azzurro (venerdì 24 maggio ore 15.30, Triennale Milano), Marco Navarra e Antonio Ottomanelli (domenica 26 maggio ore 15.30, Triennale Milano), Paola Antonelli e Studio Formafantasma (domenica 26 maggio ore 16.30, Triennale Milano).

Tra gli architetti emergenti troviamo invece Fosbury Architecture (mercoledì 23 maggio, ore 16.30, Politecnico di Milano), Openfabric (mercoledì 23 maggio, ore 16.30, Politecnico di Milano) e un panel curato da Post Disaster Rooftops (venerdì 24 maggio, ore 16.00, Triennale Milano), oltre a casatibuonsante, A+M2A, Guido Tesio Architetto, KM429, Studioboom, Midori Hasuike Interior Design, stARTT, Demogo, Diego Terna Architetto (sabato 25 maggio, ore 18.00, Triennale Milano).

Leggi anche l’articolo della nostra blogger Marta Brambilla
Le Settimane di Milano: dalla Design Week alla Arch Week

Milano Arch Week 2019: il programma completo

Milano Arch Week 2019 avrà come titolo Antropocene e Architettura, ed esplorerà “la condizione attuale dell’urbanizzazione planetaria, partendo dalla considerazione che entro il 2050 i due terzi della popolazione mondiale abiteranno in spazi urbani”. Gli eventi si proporranno quindi di indagare le città come sistema di flussi e reti, di artificio e natura, come luoghi plasmati di continuo da una “contemporanea pluralità di soggetti, individui, traiettorie”, come centri di produzione materiale e immateriale.

Questa edizione è inoltre in stretto dialogo con i temi della XXII Triennale di Milano, Broken Nature, curata da Paola Antonelli e aperta al pubblico fino al 1° settembre 2019. La sostenibilità ambientale, lo sviluppo tecnologico, i fenomeni migratori e le trasformazioni sociali al centro della mostra verranno infatti messi in relazione con lo spazio urbano e analizzati attraverso una prospettiva urbanistica e architettonica.

Tutte queste riflessioni avranno luogo in tre delle istituzioni più rappresentative per la formazione del pensiero e del dibattito sulla città: il Politecnico di Milano, che affronterà i temi del futuro della città da un punto di vista progettuale e architettonico, la Triennale di Milano, che insieme al Politecnico ospiterà le conferenze degli architetti invitati, e la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, che esplorerà le implicazioni sugli spazi di cittadinanza attraverso il palinsesto di About a City – Rethinking Cities (dal 23 al 26 maggio).

>> Scarica qui il Programma completo della Milano Arch Week 2019 <<

Milano Arch Week, eventi satellite

Il programma di Milano Arch Week sarà poi arricchito dalla collaborazione con, tra gli altri, l’Ordine degli Architetti di Milano, che come l’anno scorso organizzerà gli itinerari di architettura, quest’anno in collaborazione con Open House Milano 2019, evento di Open House Festival che si terrà proprio nel weekend di chiusura della Arch Week, il 25 e 26 maggio, e aprirà gratuitamente al pubblico 120 siti solitamente non visitabili, dai palazzi delle istituzioni alle case private (qui trovi il programma).

Segnaliamo poi l’evento, organizzato dall’Ordine, Esserci e contare: progetti e buone pratiche per rendere visibili le donne nelle professioni (21 maggio ore 13.00, via Solferino 17), con Francesca Perani e Marta Brambilla di Rebel Architette e Francesca Panzarin, di Womenomics.

Venerdì 24 maggio si terrà anche l’evento conclusivo del The Plan Award 2019, e, fino a domenica 25, si terrà infine la terza edizione di Open Studi Aperti 2019, con centinaia di studi di architettura aperti al pubblico (qui trovi la mappa e gli studi partecipanti).

Per ulteriori informazioni
milanoarchweek.eu
#MilanoArchWeek
milanoarchweek@polimi.it

I nuovi navigli milanesi A. Boatti e M. Prusicki, 2018, Maggioli Editore

Storia per il futuro. Riaprire i Navigli milanesi vuole dire recuperare lo storico tracciato di fine Ottocento, oggi occupato in modo esclusivo dalla rete viaria lungo il percorso da Cassina de’ Pomm alla Darsena, realizzando così ...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here