Leonardo Ricci, una mostra allo CSAC di Parma per il centenario della nascita

leonardo ricci csac parma
Leonardo Ricci, Progetto per un Palazzo per Uffici a Milano. Schizzo di prospetto, (1960-1970) Pennarello, china e pantone su carta pergamena, 755X1000 mm (Fondo Leonardo Ricci)

In occasione del centenario della nascita dell’architetto Leonardo Ricci (8 giugno 1918 – 29 settembre 1994) – esponente della Scuola Fiorentina guidata da Giovanni Michelucci – il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma (CSAC di Parma) ospita la mostra Leonardo Ricci architetto. I linguaggi della rappresentazione, che inaugura sabato 1 dicembre 2018. La mostra si inserisce nel ciclo di manifestazioni organizzate dal Comitato Nazionale Ricci100 (più informazioni a fondo articolo) ed anticipa quella che verrà organizzata a Firenze nel corso del 2019.

Lo CSAC conserva infatti l’archivio di Leonardo Ricci – costituito da 923 materiali progettuali, di cui 173 schizzi, 609 lucidi, 27 radex, 4 radex con interventi, 98 copie e 12 copie con interventi – e la mostra vuole essere un’occasione per indagare i diversi linguaggi di rappresentazione utilizzati dall’architetto, attraversando le principali fasi della sua ricerca, in un arco temporale compreso tra la fine degli anni Quaranta e gli inizi degli anni Settanta.

Leggi anche A Castiglioni, il tributo della Triennale di Milano ad Achille Castiglioni

Per la mostra sono stati selezionati nove progetti dell’architetto, realizzati e non realizzati, scelti all’interno delle categorie attorno a cui si svilupperà la mostra fiorentina (Case, Edifici pubblici, Comunità, Sistemi costruttivi, Urbanistica e Macrostrutture), per mettere in evidenza le principali caratteristiche progettuali, e l’attenzione per alcuni temi di ricerca, come l’aggregazione volumetrica, lo spazio centrifugo e fluido, la continuità spaziale, le traslazioni e connessioni.

Nella Sala delle Colonne dello CSAC sono esposti cinque progetti: il Centro Ecumenico Agape, a Prali Pinerolo (1946-47), il Villaggio Monte degli Ulivi, a Riesi (1962-68), il progetto di concorso per la Fortezza da Basso di Firenze (1967), il progetto per un palazzo per uffici a Milano (1960-70) e il progetto per Casa di Sopra (1972).

Nella sala di consultazione sono invece esposti gli altri quattro progetti, scelti come esemplificazione delle indagini di Ricci sulle tipologie architettoniche: il Villaggio di Monterinaldi (1949-1963), il progetto per il concorso nazionale per la sede della Camera di Commercio di Carrara (1956), l’allestimento per la mostra sull’Espressionismo di Palazzo Strozzi, a Firenze (1964), e il progetto Habitation Study (1960-70 circa).

leonardo ricci csac parma
Leonardo Ricci, Progetto per Habitation Study. Abitazione tipo, 1:20, 1949-1963. Matita, china e caratteri trasferibili su lucido, 930×1260 mm (Fondo Leonardo Ricci)
leonardo ricci csac parma
Leonardo Ricci, Progetto per il concorso nazionale per la sede della Camera di Commercio di Carrara. Prospetto e sezione 1:100, 1956, Matita, china e pennarello su lucido, 680×1100 mm (Fondo Leonardo Ricci)

Il biglietto di ingresso consente la visita anche alla mostra 1968. Un Anno. Per tutta la giornata di sabato 1 dicembre 2018 il costo del biglietto sarà ridotto a 5 euro.

Scheda evento

evento|event Leonardo Ricci architetto. I Linguaggi della rappresentazione
a cura di|curated by Gruppo di Ricerca: Loreno Arboritanza, Ilaria Cattabriga, Anna Ghiraldini, Margherita Monica, Simona Riva - Coordinamento: Andrea Aleardi, Giovanni Leoni, Clementina Ricci
dove|where

CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione (Sala delle Colonne)
Abbazia di Valserena
Strada Viazza di Paradigna, 1
Parma

quando|when 1 dicembre 2018 - 7 aprile 2019
inaugurazione|opening 1 dicembre 2018, ore 12:00
orari|hours

Mercoledì, giovedì e venerdì: dalle 15 alle 19
Sabato e domenica: dalle 10 alle 19
Lunedì chiuso
Martedì chiuso con possibilità di prenotazione per gruppi su appuntamento

ingresso|admission 10 euro, disponibili riduzioni
sito ufficiale|website csac

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here