Le parole che (non) ti ho mai detto. Bestiario semiserio di un’architetta, parte IV

bestiario architetta-architetti.com

L’architetta Maggi ci è mancata, bisogna dirlo. Ma finalmente, dopo una lunga pausa estiva, la ritroviamo qua, con la quarta puntata del suo bestiario (anche questa volta arricchito dai vostri suggerimenti!). Se vi siete persi la prima, la seconda, e la terza parte vi consigliamo di recuperare, e di farlo immediatamente!!!

Indietro

1. trimezzo

trì.mez.zo s.m.  [sost. maschile. di trimezz].

-1.a. edil – Struttura sottile che serve a dividere un ambiente in due parti contigue: t. di legno; in edilizia, muro che non ha funzione portante, ma solo di separazione di ambienti interni.:

  • Architetta, sa che il salotto mi è sempre sembrato grande…. Domenica, mio cognato, che ha un’impresa, mi ha “tirato su” un trimezzo e ci ho ricavato un bel ripostiglio che mi serviva da tempo: va bene così o lo deve far sapere a quelli del Comune? No eh! Io dei fatti miei non voglio dirgli nulla. (rassegnazione);
  • Architetta (incidendo con l’unghia laccata di rosso i disegni cartacei) ma se qui, proprio qui, ci mettiamo un bel trimezzo, non è meglio? Ha capito dove? Qui! Qui! Non qui. (ok, ok, mi arrendo!);

-2.a. edil – generica struttura verticale, senza una collocazione ben precisa, conosciuta anche come tremezzo:

  • Architetta, non si preoccupi (??), lo tiro su io il tremezzo in solaio, così ci vanno su i bambini a fare i compiti ed a giocare belli tranquilli. Non mi dica che deve fare una segnalazione, eh! (Tono minaccioso).
Indietro
CONDIVIDI

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here