Le Corbusier a Bologna, una mostra ripercorre la storia del Padiglione dell’Esprit Nouveau

le corbusier bologna padiglione esprit nouveau
Il Padiglione dell'Esprit Nouveau di Bologna dopo il restauro. Ph. Federico Covre

Aggiornamento del 26 novembre 2018: A un anno dalla sua riapertura al pubblico dopo l’intervento di restauro a cui è stato sottoposto, il Padiglione dell’Esprit Nouveau – progettato da Le Corbusier e ricostruito a Bologna nel 1977 dagli architetti Giuliano Gresleri, Josè Oubriere e Giorgio Trebbi – ospita una mostra che ripercorre la storia della costruzione dell’edificio: PHOENIX. Il Padiglione de l’Esprit Nouveau tra ricostruzione e restauro. La mostra –  curata da Maria Beatrice Bettazzi, Jacopo Gresleri e Paolo Lipparini, con la consulenza del professor Giuliano Gresleri, e allestita su progetto di Jacopo Gresleri – espone i progetti, i disegni, le immagini e le testimonianze che documentano il processo dell’unica opera di Le Corbusier in Italia, dall’ideazione e studio alle varie fasi di lavoro, e rappresenta anche un’occasione per riflettere sulle procedure di restauro di un edificio moderno.

I disegni esposti provengono prevalentemente dal Fondo dell’Archivio Storico dell’Università di Bologna e da quello privato di Giuliano Gresleri. In esposizione anche alcuni materiali provenienti dall’Archivio Storico di Cassina a Meda, i plastici eseguiti dagli allievi dell’atelier di Gresleri alla Syracuse University e alcuni volumi storici –dedicati in particolare alle tematiche dell’alloggio a basso costo, delle cromie architettoniche e della didattica dell’architettura – provenienti dalla Collezione Gresleri. Sono inoltre visibili filmati originali del 1977 in cui alcuni dei protagonisti del mondo dell’architettura italiana discutono sulle specificità del Padiglione e sull’importanza della sua ricostruzione.

Continua a leggere per ulteriori dettagli sul Padiglione e sul suo recente restauro.
A fondo articolo la scheda evento con tutte le informazioni sulla mostra.

*** 14 novembre 2017: Si sono conclusi, dopo circa tre mesi, i lavori di restauro e manutenzione del Padiglione dell’Esprit Nouveau di Bologna, progettato da Le Corbusier per l’Exposition International des Arts Décoratifs di Parigi del 1925 e ricostruito a Bologna esattamente 40 anni fa, nel 1977, dagli architetti Giuliano Gresleri e Josè Oubriere, in occasione del SAIE.

Gli interventi eseguiti sul padiglione, vincolato dagli strumenti urbanistici del Comune di Bologna come Edificio di interesse storico architettonico del Moderno assieme a tutto il complesso del Fiera District di Bologna, hanno riguardato la manutenzione, il restauro e la messa in sicurezza dell’intero edificio.

Leggi anche Le Corbusier, 17 opere ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità

Nello specifico, sono stati completamente ritinteggiati gli esterni e la maggior parte degli interni (compreso il restauro della grande scritta “E.N.” in facciata), con particolare attenzione al rispetto e ripristino dei cromatismi originali. Inoltre, sono stati sostituiti i sottili cristalli delle vetrate originali con vetri stratificati di sicurezza, restaurati gli infissi metallici, rinnovato il sistema di tendaggi del living, rifatto il percorso pedonale di ingresso esterno e installata la linea vita per l’accesso in sicurezza sul tetto. Il tutto con la supervisione di Gresleri, a cui, in occasione dell’inaugurazione, è stata conferita la Turrita d’Oro del Comune di Bologna.

Attualmente l’edificio è di proprietà del Comune di Bologna ed è gestito dal 2011 dalla Regione Emilia-Romagna. Attraverso una convenzione tra la Regione e Istituzione Bologna Musei/MAMbo, da sabato 11 novembre a fine gennaio 2018, tutti i sabati e le domeniche (escluso il 24 e il 31 dicembre) sarà possibile visitare il padiglione con visite guidate a cura del Dipartimento educativo MAMbo.

Inoltre, in occasione del quarantesimo anniversario della ricostruzione del padiglione, MAMbo, in stretta collaborazione con la Fondation Le Corbusier e con il supporto della Regione Emilia-Romagna, ha curato la ristampa anastatica del volume che ne ripercorre la storia: L’Esprit Nouveau. Parigi-Bologna. Costruzione e ricostruzione di un prototipo dell’Architettura moderna, originariamente pubblicato nel 1979.

padiglione le corbusier bologna lavori
Il Padiglione dell’Esprit Nouveau di Bologna prima del restauro, via bolognadavivere.com

*** 10 agosto 2017: Sono iniziati in questi giorni i lavori di restyling del Padiglione dell’Esprit Nouveau di Bologna. Sul padiglione, di proprietà del Comune ma in gestione alla Regione Emilia-Romagna, saranno effettuati interventi di manutenzione e recupero dell’originalità della struttura progettata da Le Corbusier. Il padiglione verrà infatti ripulito e ritinteggiato con colori corrispondenti a quelli originali, i vetri saranno sostituiti e le tende rifatte, e verrà anche sistemato il vialetto di accesso.

Commenta Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione: “Non possiamo che ritenerci soddisfatti: il cantiere è partito ora, in pieno agosto, dopo una serie di incontri fra i vari soggetti interessati e dopo alcune complicate attività di organizzazione dei lavori, trattandosi di un oggetto straordinario e di valore inestimabile come il Padiglione Le Corbusier. Abbiamo fatto molti incontri tra noi, il Comune, il Mambo e la Fondazione Le Corbusier per decidere con estrema attenzione e precisione i dettagli dell’opera di manutenzione e ripristino”.14

Leggi anche My House is a Le Corbusier

Negli ultimi anni il padiglione, che come da progetto originario si compone di due parti (una cellula tipo dell’unità abitativa Immeubles Villas e una rotonda per l’esposizione di progetti ed enunciati teorici, il Diorama), è stato utilizzato come spazio espositivo. L’ultima mostra che vi è stata organizzata è stata Solo Figli, una collettiva che indagava la dimensione oggettuale della scultura di piccolo formato in stretta relazione con il particolare spazio che la ospitava.

I lavori sul Padiglione dell’Esprit Nouveau dovrebbero terminare alla fine del prossimo ottobre. Ancora non c’è un programma preciso per quanto riguarda il futuro utilizzo del Padiglione di Le Corbusier, ma, come confermato da Elisabetta Gualmini, la Regione sta già pensando a una serie di iniziative da mettere in campo non appena terminati i lavori di restyling.

Le Corbusier in Italia Giovanni Denti, Gianni Calzà, Andrea Savio, 2007, Maggioli Editore

I rapporti di Le Corbusier con l'Italia iniziano nel 1907, quando ha vent'anni, e terminano nel 1965, anno della sua morte. Fra le due date si collocano i viaggi giovanili nel nostro paese, i rapporti con i giovani razionalisti italiani, i tentativi di trovare in Italia ...



Scheda evento

evento|event PHOENIX. Il Padiglione de l’Esprit Nouveau tra ricostruzione e restauro
a cura di|curated by Maria Beatrice Bettazzi, Jacopo Gresleri, Paolo Lipparini. Con l’alta consulenza di Giuliano Gresleri
dove|where

Padiglione de l’Esprit Nouveau
Piazza della Costituzione, 11
Bologna

quando|when 24 novembre 2018 - 6 gennaio 2019
orari|hours

Sabato e domenica
dalle 15:00 alle 17:00
Alle 15:00 del sabato e della domenica è possibile partecipare alla visita guidata a cura del Dipartimento educativo MAMbo
(su prenotazione, tel. 051 6496611)

ingresso|admission gratuito, max 50 partecipanti per volta

3 commenti

  1. Una vera schifezza….ahhahahaah!!!..:) Quadratini rettangolini, pilastrini che non servono a un —– se non a franare alla prima scossa tellurica. Un imbecille futurista che ha creato l’universo delle periferie uguali in tutto il pianeta consumando territorio all’infinito e inquinando il pianeta per sempre grazie alla sua dannata carta d’Atene. Un idiota che voleva il piano d’Algeri con l’autostrada sui condomini e a cui si rifanno generazioni d’idioti urbanisti e architetti e tutte le scuole d’architettura nel mondo.

  2. Invece di perdere tempo a criticare in maniera evidentemente non costruttiva, le consiglio di sfruttare il suo tempo per studiare le idee e la ricerca che hanno portato Le Corbusier ad essere uno dei maestri dell’architettura contemporanea.
    Se la ricerca di LC è stata interpretata in modo sbagliato da altri architetti che hanno creato ciò che è visibile a tutti noi oggi non è certo demerito suo ma pura incompetenza degli altri.
    Se tutti avessero capito e semplicemente imitato la lezione dell’ ‘imbecille futurista” per chiamarlo alla sua maniera, avremo di sicuro molta più architettura che semplice e banale costruzione.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here