Architettura scolastica a L’Aquila, il concorso di progettazione per il Polo di Gignano

concorso polo scolastico l'aquila

Dopo il concorso per la realizzazione del Polo Scolastico di Sassa, a circa 10 km dal capoluogo abruzzese (qui il progetto vincitore), il Comune dell’Aquila ha bandito attraverso la piattaforma Concorrimi un nuovo concorso per la realizzazione di un’altra struttura scolastica che possa accogliere gli alunni di scuola dell’infanzia e di scuola primaria ora accolti presso un MUSP (Moduli ad Uso Scolastico Provvisorio), quello di via Valle D’Aosta: il Polo Scolastico di Gignano.

Il nuovo polo – che dovrà comprendere la scuola dell’infanzia Arcobaleno e le scuole primarie Torretta e Sant’Elia – ospiterà circa 90 bambini per le 3 sezioni dell’infanzia e 280 bambini per le 10 classi della primaria, per un totale di circa 370 alunni.

Il concorso, dal titolo In-Nova Schola, si articola in due gradi (saranno ammesse al secondo grado solo cinque proposte progettuali). Il costo massimo dell’intervento da realizzare è fissato nell’importo di 5.200.000 euro (importo massimo stimato per le opere: 3.682.250 euro).

Qui trovi altri Concorsi di Architettura e Concorsi di idee

La soluzione architettonica individuata dovrà essere eco-sostenibile e innovativa dal punto di vista della ricerca, delle soluzioni tecnologiche, del design, della distribuzione e composizione architettonica generale e di dettaglio, della scelta dei materiali e del carattere estetico. Lo spazio esterno andrà inteso come continuazione ed estensione dello spazio interno, ed è quindi richiesta particolare cura alla sua sistemazione progettuale.

Concorso Polo Scolastico di Gignano, il calendario

Le scadenze della procedura del concorso di architettura per il nuovo Polo Scolastico di Gignano, Comune dell’Aquila, sono:

– 14 febbraio 2019, ore 12.00: Termine per la ricezione delle richieste di chiarimento per il primo grado;
– 1 marzo 2019, ore 12.00: Termine per la pubblicazione delle risposte alle richieste di chiarimento;
19 marzo 2019, ore 12.00: Termine ultimo per la ricezione delle proposte progettuali relative al primo grado;
– 20 marzo 2019, ore 12.00: Prima seduta pubblica della Commissione giudicatrice
– 30 aprile 2019, ore 12.00: Comunicazione delle proposte progettuali ammesse al secondo grado del concorso;
– 16 maggio 2019, ore 12.00: Termine ultimo per la ricezione delle richieste di chiarimento per il secondo grado;
– 1 giugno 2019, ore 12.00: Termine ultimo per la pubblicazione delle risposte ai quesiti formulati per il secondo grado;
25 giugno 2019, ore 12.00: Termine ultimo per la ricezione delle proposte progettuali relative al secondo grado.

>> Scarica qui il bando di concorso <<
Per tutto il materiale necessario alla partecipazione, invece, clicca qui

Concorso Polo Scolastico di Gignano, la giuria e i premi

La Commissione giudicatrice, unica nel primo e nel secondo grado, è composta da cinque membri effettivi (e quattro membri supplenti*): Samuele Borri (presidente), ingegnere e dirigente di ricerca Area Tecnologica dell’Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa (INDIRE); Edoardo Compagnone, architetto e Presidente dell’Ordine Architetti L’Aquila, esperto in progettazione architettonica; Eugenio Cipollone, architetto e socio fondatore dello studio professionale Insula Architettura e Ingegneria, esperto in progettazione architettonica; Dario Ambrosini, ingegnere e professore presso il Dip. di Ingegneria Industriale e dell’Informazione e di Economia dell’Università degli Studi dell’Aquila, esperto in progettazione impiantistica ed efficienza energetica; Chiara Santoro, architetto e disability manager del Comune dell’Aquila, esperta in pianificazione e progettazione architettonica inclusiva.

La giuria sceglierà le proposte progettuali che saranno ammesse al secondo grado sulla base dei seguenti criteri di valutazione (massimo 100 punti):
Qualità Architettonica, valenza sociale, accessibilità, qualità spazi verdi (fino a 50 punti);
– Spazi scolastici: definizione, adeguatezza, distribuzione, accessibilità, fruibilità, flessibilità ed adattabilità, interconnessione degli stessi anche con l’ambiente esterno (fino a 25 punti)
Soluzioni tecnologiche, durabilità e manutenibilità delle opere, risparmio energetico (fino a 25 punti)

Tra i cinque ammessi alla seconda fase i premi saranno così suddivisi: il vincitore del concorso riceverà un premio di 38.400 euro, da considerarsi come anticipo sugli onorari dei successivi livelli di progettazione; al secondo classificato è riconosciuto un premio di 8.400 euro, mentre ciascuno dei successivi tre concorrenti riceverà un rimborso spese di 5.733,33 euro. Tutti gli importi sono da considerarsi al lordo di IVA e ogni altro onere di legge. Su richiesta, agli autori dei progetti premiati o meritevoli di menzione verrà rilasciato un Certificato di Buona Esecuzione del Servizio.

Ti potrebbe essere utile il volume:

Progetti di scuole innovative D. Pepe, M. Rossetti, 2016, Maggioli Editore

15 casi studio a colori con dettagli e particolari costruttivi, analisi delle tecnologie costruttive innovative per le strutture e l'efficienza energetica. Il settore dell’edilizia scolastica ...



* I membri supplenti sono: Giuseppe Tempesta, Architetto, esperto in progettazione architettonica; Filippo De Monte, ingegnere e professore presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell’Informazione e di Economia dell’Università degli Studi dell’Aquila; Giovanni Soricone, ingegnere e consigliere dell’Ordine degli ingegneri dell’Aquila, esperto in progettazione architettonica; Giovanni De Angelis, architetto e istruttore tecnico presso il Comune dell’Aquila.

1 commento

  1. Perché scrivono esperto in progettazione architettonica? Che significa gli architetti non sono abilitati? Eh si si fanno gli artisti!!!!

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here