Conclusi i lavori della James Simon Galerie di David Chipperfield a Berlino

James Simon Galerie Chipperfield Berlino
View towards the main entrance © Simon Menges

Presto Il 13 luglio 2019 inaugureranno e apriranno al pubblico i nuovi “propilei” dell’Isola dei Musei di Berlino: il nuovo edificio di ingresso alla Museuminsel progettato da David Chipperfield, la James Simon Galerie, in costruzione da quasi 10 anni, è stato finalmente completato e consegnato all’organizzazione Staatliche Museen zu Berlin, che si occuperà di concluderne gli allestimenti e di aprirlo ufficialmente entro la prossima estate.

Oltre ad ospitare i servizi di accoglienza (biglietteria, guardaroba, servizi igienici, bar, libreria, ecc.) destinati ai visitatori dei cinque musei dell’Isola (Pergamon, Bode Museum, Altes Museum, Neues Museum, Alte Nationalgalerie) – circa 8 mila al giorno – la James Simon Galerie ospiterà un auditorium da 300 posti e uno spazio per le esposizioni temporanee. Ma il suo ruolo non è solo questo. Come ci tiene a sottolineare David Chipperfield, la James Simon Galerie “è allo stesso tempo un edificio ed un luogo. La sua presenza, certo, può essere giustificata dalle funzioni e dai servizi che svolge per il programma museale della città, ma il suo scopo è anche quello di riorganizzare le relazioni urbane e l’accessibilità dell’intera Isola dei Musei. Il suo ruolo non è quindi definito tanto dalla sua funzione quanto dalla sua responsabilità come edificio pubblico nel cuore della città.”

Leggi anche Al via il progetto di David Chipperfield per le Procuratie Vecchie di Venezia

James Simon Galerie Chipperfield Berlino
Site plan (Original scale 1:5000) © David Chipperfield Architects
James Simon Galerie Chipperfield Berlino
View towards ‘Lustgarten‘ © Ute Zscharnt for David Chipperfield Architects

Insieme alla Archaeological Promenade – il percorso sotterraneo, ancora in costruzione, che collegherà tutti gli edifici dell’Isola – la James Simon Galerie rappresenta il cuore del masterplan sviluppato nel 1999 per la Museumsinsel. I lavori veri e propri sono iniziati nel 2009 e l’inaugurazione era originariamente prevista per il 2013, ma a causa del suolo sabbioso e ricco d’acqua la costruzione delle fondamenta è stata completamente riorganizzata: i tempi si sono così enormemente dilatati (insieme ai costi: i berlinesi pare abbiano già soprannominato l’edificio “il guardaroba più caro del mondo”).

Il linguaggio architettonico dell’edificio adotta elementi già esistenti sull’Isola dei Musei, reinterpretandoli: le colonne stilizzate e slanciate e l’imponente scalinata d’accesso, oltre all’uso della pietra (ricostituita) negli esterni, fanno infatti riferimento alle adiacenti opere di Karl Friedrich Schinkel, Friedrich August Stüler e degli altri architetti che hanno partecipato alla creazione della Museumsinsel. Gli interni, invece, caratterizzati dal liscio calcestruzzo gettato in opera, si distaccano più chiaramente dai riferimenti storici.

Scheda progetto

progetto|project James Simon Galerie
luogo|location Berlino
anno|project year Progetto: 1999 - 2007 | Costruzione: 2009 - 2018
architetti|architects David Chipperfield Architects Berlin
collaboratori|collaborators Quantity surveyor: Christine Kappei, Stuttgart - Executive architect: Wenzel + Wenzel Freie Architekten, Berlin (Procurement, Construction supervision) - Project mangagement: Christoph-Phillip Krinn
strutture|structural design IGB Ingenieurgruppe Bauen, Berlin
architettura del paesaggio|landscape Levin Monsigny Landschaftsarchitekten, Berlin
area 10,900 mq
sito ufficiale|website David Chipperfield

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here