InvestItalia: bando da 20 milioni per investimenti pubblici

InvestItalia

InvestItalia indice un bando per supportare la progettazione definitiva ed esecutiva di investimenti pubblici realizzabili in tempi rapidi.

L’accordo è rivolto alle città capoluogo di provincia, rimangono però escluse le 14 città metropolitane.

Vediamo i dettagli.

Il bando InvestItalia da 20 milioni

Gli obbiettivi del bando, presentato martedì 03 novembre 2020 durante una conferenza, sono molteplici:

  • accrescere l’attrattività dei territori rispetto agli investimenti;
  • valorizzare gli aspetti maggiormente identitari del tessuto produttivo, culturale e sociale delle città beneficiarie;
  • rafforzare la capacità delle amministrazioni di operare nel settore.

Con queste finalità, saranno messi a disposizione delle 20 città selezionate ben 20 milioni di euro.

Potrebbe interessarti: Pratiche edili, velocizzarle con il silenzio assenso?

Le proposte per partecipare al bando, spiega InvestItalia, potranno riguardare diverse tipologie di progetti di sviluppo urbano: dalla digitalizzazione delle città e dei processi amministrativi all’efficienza energetica del patrimonio pubblico, passando per la resilienza al cambiamento climatico, arrivando a protezione contro il dissesto idrogeologico, aree verdi; la mobilità urbana sostenibile; le infrastrutture sociali e scolastiche; la valorizzazione e messa in sicurezza del patrimonio pubblico immobiliare, l’edilizia residenziale pubblica e sociale.

Inoltre, possono essere finanziati progetti di recupero e riqualificazione di aree pubbliche dismesse per attrarre investimenti privati, senza nuovo consumo di suolo e quindi tutelando il territorio sotto il profilo ambientale. Tali aree potrebbero essere destinate a:

  • siti produttivi (ad es. per la promozione di prodotti del territorio);
  • lo sviluppo di poli turistici come volano di sviluppo economico e occupazionale;
  • infrastrutture e servizi per l’internazionalizzazione dell’offerta culturale e sportiva;
  • lo sviluppo del territorio attraverso infrastrutture e servizi nel settore della ricerca e dell’innovazione tecnologica.

Leggi anche: Mercato SIA in crescita. Vale lo stesso per i professionisti?

I commenti durante la presentazione InvestItalia

Durante la presentazione del bando il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alla programmazione economica e agli Investimenti, Mario Turco, ha ricordato che “i Comuni italiani sono tra i principali investitori pubblici, con una capacità di spesa superiore ad altre amministrazioni statali. Nel 2019 – continua il sottosegretario – il 25% delle opere pubbliche è stato realizzato dai Comuni. Negli ultimi dieci anni però si è verificata una caduta della spesa pubblica per investimenti in Italia, in particolare a livello locale. Al fine di contrastare questa tendenza e favorire la fase progettazione, il bando ha come soggetti beneficiari le città capoluogo di provincia (escluse le 14 città metropolitane); una platea di Enti che rappresenta il 64% della popolazione italiana. In particolare, il bando intende selezionare 20 città (su un totale di 97 città capoluogo) distribuite sul territorio, e finanziare la progettazione definitiva ed esecutiva di investimenti pubblici realizzabili in tempi celeri”.

Per tutte le info utili disponibile una sezione dedicata. Le proposte progettuali dei Comuni dovranno pervenire entro il 25 novembre 2020.

Potrebbe interessarti

Città inclusiva e senza limiti Stefania Campioli, 2020, Maggioli Editore

Il testo restituisce l’esito di un’attività di ricerca volta ad indagare le sfide che l’accessibilità e l’inclusione pongono al progetto della città nella società contemporanea. Occuparsi di accessibilità e inclusione vuol dire creare un ambiente più confortevole alla vita delle...



Concorso Istruttore e Istruttore direttivo 2020 Area tecnica Cat. C e D negli Enti locali Stefano Bertuzzi (a cura di), 2020, Maggioli Editore

Una guida chiara, esauriente e aggiornata per i partecipanti ai concorsi indetti dagli Enti locali per la copertura del ruolo di Istruttore e Istruttore direttivo nell’Area Tecnica (cat. C e D). Il volume riassume, infatti, tutti gli argomenti oggetto della fase selettiva scritta e orale...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here