Interventi su edifici storici: gli ingegneri vogliono aggirare le regole?

edifici storici competenze professionali

La lettera che il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI) ha inviato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) con la richiesta di chiarire una volta per tutte gli ambiti in cui gli ingegneri possono intervenire su edifici vincolati di pregio storico e artistico sembra aver riacceso l’infinito dibattito sulle competenze professionali.

Teoricamente, infatti, dal R.D. 23 ottobre 1925, n. 2537, articolo 52 sembra che anche gli ingegneri possano intervenire sulla “parte tecnica” di questi interventi, ma cosa si intenda per “parte tecnica” non è stabilito in modo chiaro e oggettivo. Ci sono, infatti, già molte sentenze discordanti su questo tema.

Il Consiglio Nazionale degli Architetti CNAPPC ha quindi deciso di scrivere a sua volta al MiBACT, basandosi principalmente sulla sentenza 21/2014 del 9 gennaio, che QUI alleghiamo.

L’accusa degli architetti è precisa:

Gli ingegneri stanno tentando di aggirare quanto sancito dal Consiglio di Stato nella sentenza 21/2014, con la quale è stato rigettato il ricorso presentato da alcuni Ordini locali per consentire anche a quella figura professionale la possibilità di svolgere l’attività di direzione dei lavori sugli immobili vincolati di rilevante carattere storico e artistico. Una richiesta che viene argomentata sostenendo che l’attività di direzione dei lavori possa essere ricondotta a  mero rilievo tecnico e quindi, in quanto tale, esercitabile dagli ingegneri”.

Nella lettera, in cui il CNAPPC manifesta biasimo e riprovazione per il tentativo messo in atto dal CNI, viene anche sottolineata la necessità che il Ministero si faccia promotore di un confronto al fine di una verifica congiunta (tra ingegneri ed architetti) sulla tematica delle competenze professionali poiché la sentenza 21/2014 è, secondo il loro parere, estremamente chiara sulla “parte tecnica” degli immobili vincolati.

Attendiamo l’evolversi del dibattito.

Leggi anche l’articolo Formazione Architetti, è tutto da rifare? Chiesta una revisione

Incarichi, obblighi e responsabilità del professionista tecnico

Incarichi, obblighi e responsabilità del professionista tecnico

Romolo Balasso, Otello Bigolin, 2016, Maggioli Editore

Il binomio obblighi-responsabilità è sempre un argomento difficile e delicato, soprattutto di questi tempi particolari che faticano a passare, dove la fisiologica (e crescente) complessità sembra dege- nerare nell’inutile e pericolosa complicazione.  Per questo...



Nell’immagine, Villa d’Elboeuf, Portici. Foto di Ferdinando Scala.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here