Architetto, vuoi aprirti ai mercati esteri? Il CNAPPC ti aiuta a internazionalizzarti

internazionalizzazione professione architetto

Il CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori) e l’ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) la scorsa settimana hanno siglato un accordo per l’internazionalizzazione degli architetti italiani, con l’obiettivo di orientare e promuovere la presenza degli architetti italiani nei mercati esteri.

In base all’accordo, l’Agenzia fornirà ai professionisti iscritti all’Albo e interessati al tema diverse attività formative e incontri di carattere specialistico su tematiche inerenti l’internazionalizzazione e sui mercati su cui ci si intende presentare, ma anche vere e proprie attività di supporto, con la fornitura dei propri servizi a tariffe agevolate. Da parte sua il CNAPPC (attraverso il Dipartimento Esteri-Internazionalizzazione del lavoro italiano, coordinato da Livio Sacchi) si impegna a segnalare all’ICE gli iscritti interessati ai processi di internazionalizzazione e a diffondere i termini dell’accordo presso gli Ordini territoriali, al fine di promuovere lo sviluppo di questi processi.

Leggi anche Architetti italiani, i più numerosi ma tra i più poveri d’Europa

L’accordo prevede anche che vengano organizzate su tutto il territorio nazionale, presso i singoli Ordini territoriali, iniziative di presentazione dei servizi e delle attività che l’ICE offre a sostegno dell’internazionalizzazione della professione.

L’ICE e il CNAPPC sono anche pronti a sviluppare ulteriori forme di collaborazione una volta raggiunti i rispettivi obiettivi in tema di internazionalizzazione. Tra le altre, quella che prevede la partecipazione di professionisti testimonial delle opere e della qualità del Made in Italy ad eventi quali convegni, seminari, missioni in Italia e all’estero, eventi promozionali programmati dall’Agenzia per i settori restauro, edilizia, arredamento, artigianato e contract.

Leggi anche Architetto o schiavo? Lo sfogo di un trentenne a L’Espresso

Jobs Act Autonomi: cosa cambia per i professionisti tecnici

Jobs Act Autonomi: cosa cambia per i professionisti tecnici

Lisa De Simone, 2017, Maggioli Editore

In vigore la legge 22 maggio 2017, n. 81, pubblicata sulla G.U. n. 135 del 13 giugno 2017, recante “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato” e meglio conosciuta come Jobs...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here