Antico e Nuovo, otto progetti di Ignazio Gardella

ignazio gardella progetti
Ignazio Gardella, Casa Cicogna, detta Casa alle Zattere, Venezia, 1953-1958

Su Ignazio Gardella (1905-1999) è stato scritto moltissimo – e abbiamo parlato più volte anche del celebre volume L’architettura secondo Gardella, che registra una lunga conversazione tra Ignazio Gardella e Antonio Monestiroli sul mestiere di architetto (trovi qui una presentazione) – ma vogliamo segnalare anche questa recente pubblicazione, a cura di Maria Cristina Loi: Antico e Nuovo. Otto progetti di Ignazio Gardella.

Lo studio rappresenta una delle tappe di una lunga ricerca che si è snodata negli anni, ed è tuttora in corso presso l’Archivio Storico Gardella e lo CSAC di Parma, su alcuni temi chiave dell’opera dell’architetto, e intende proporre in particolare una riflessione su un tema ricorrente e fondamentale: il costante dialogo tra antico e nuovo nei progetti di Gardella. La tensione tra antico e nuovo è infatti tema dominante nella progettazione di Gardella, che ha sempre dedicato molta attenzione alla memoria dei luoghi, alla loro storia. L’antico vive e dialoga con il nuovo anche nei progetti più sperimentali, attraverso la geometria, che diventa la chiave per disegnare lo spazio, o l’uso della luce, o ancora nella ricerca di una “sintesi delle arti”.

Ti può interessare anche
Architettura dell’antropogeografia. Gregotti Associati International 1969-2014

Questo tema conduttore viene esplorato attraverso l’analisi di una selezione di opere, note e meno note, accomunate, anche se in modi diversi, dallo stesso rigore di metodo e dalla stessa “semplice complessità” che ritroviamo in tutta l’opera di Gardella.

Gli otto progetti approfonditi nel volume sono quindi: l’ampliamento e la sistemazione di Villa Borletti (Milano, 1933-1936); il progetto di concorso per una Torre littoria in piazza del Duomo (Milano, 1934); il progetto per la sistemazione di piazza del Duomo (Milano, 1988); i progetti di allestimento dei Negozi Borsalino (Milano, 1949-1953), della IX Triennale di Milano (mostra La sedia italiana nei secoli, 1951, con L.C. Ragghianti), della Raccolta Grassi (Galleria d’Arte Moderna, Villa Reale, Milano, 1957-1959), della Sala delle materie plastiche nel Padiglione Montecatini alla Fiera Campionaria di Milano (1961, con M. Vignelli); e, infine, uno dei progetti meno conosciuti di Gardella, l’arredamento interno dei reattori Douglas DC8 di Alitalia (1958-1960).

Inoltre, il rigore di metodo di Gardella è facilmente riconoscibile anche nei suoi disegni di architettura, e, più in generale, nel rapporto che l’architetto instaura, nel corso dell’atto creativo e del processo progettuale con lo strumento del disegno, a cui è quindi dedicata l’ultima sezione del libro.

Interessante è anche la prefazione al volume, in cui il figlio Jacopo Gardella, anch’egli architetto, racconta alcuni episodi e aneddoti che rivelano la personalità del padre Ignazio e le peculiarità del suo modo di lavorare.

Antico e nuovo. Otto progetti di Ignazio Gardella Maria Cristina Loi, 2018, Maggioli Editore

Ignazio Gardella (1905-1999) è stato un grande maestro. Ne conosciamo la storia, molto è stato scritto della sua lunga e densa attività. Le sue opere, raccontate in alcuni saggi esemplari, sono state studiate approfonditamente, ...



Consigliamo anche:

L\'architettura secondo Gardella Antonio Monestiroli, 2010, Maggioli Editore

Milano, giovedì 2 marzo 1995. L'appuntamento, come al solito, è fissato alle 11.30 sotto lo studio di via Marchiondi, nella bella casa che Gardella stesso ha progettato nel dopoguerra, con Anna Castelli-Ferrieri e Roberto Menghi. È il terzo incontro di questa lunga e indimenticabile intervista...



L’autrice di Antico e Nuovo. Otto progetti di Ignazio Gardella, Maria Cristina Loi, ha conseguito laurea in architettura e un dottorato in storia dell’architettura presso La Sapienza, e ha approfondito gli studi anche presso la Columbia University di New York. Dal 1990 svolge attività didattica e di ricerca presso il Politecnico di Milano. Ha pubblicato un grande numero di saggi in libri e riviste e ha partecipato a numerosi convegni e mostre, in Italia e all’estero.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here