Notre Dame, presto un concorso di architettura internazionale per la nuova guglia

guglia notre dame

Mentre le donazioni per la ricostruzione della cattedrale di Notre Dame di Parigi –pesantemente danneggiata dall’incendio del 15 aprile scorso – stanno per superare il miliardo di euro, e mentre sembrava praticamente certa l’ipotesi della ricostruzione com’era dov’era, dalla Francia (che sotto questo aspetto raramente delude) arriva una grossa novità: sarà indetto un concorso di progettazione internazionale per la ricostruzione della guglia crollata.

È stato il primo ministro francese Édouard Philippe ad annunciarlo, nel corso di una conferenza stampa sull’incendio, specificando che l’obiettivo è quello di capire come muoversi, se ricostruire la guglia disegnata da Viollet-le-Duc o se dotare la cattedrale di una guglia “in linea con le tecniche e le sfide della nostra era”.

Per ora non si hanno ulteriori dettagli sul concorso di architettura, ma li attendiamo a breve.

Notre-Dame, la guglia di Viollet-le-Duc

La guglia centrale di Notre-Dame de Paris, detta la Flèche (la freccia, in italiano), è stata realizzata dal falegname Bellu e dagli Ateliers Monduit su progetto dell’architetto e restauratore Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1879) nel 1860, in sostituzione di quella duecentesca, distrutta nel 1792. Ecco un disegno della guglia di Viollet-le-Duc tratto dal suo Dictionnaire raisonné de l’architecture française du XIe au XVIe siècle (1856):

guglia notre dame viollet le duc

La guglia – alta 45 metri e dal peso di circa 750 tonnellate – si trovava sulla crociera, in corrispondenza dell’incontro tra il tetto del transetto, quello del coro e quello della navata centrale. La sua struttura portante, in legno era appoggiata direttamente sui quattro pilastri della crociera. La sua base era costituita da un doppio ordine di finestre, bifore nell’ordine inferiore e monofore in quello superiore. La copertura degli spioventi e il rivestimento esterno della guglia erano in piombo.

Il crollo della guglia, avvenuto poco prima delle 20:00 del 15 aprile 2019, ha causato il grave danneggiamento di una delle volte a crociera. Proprio di oggi è la notizia del ritrovamento del gallo in bronzo collocato sulla sua sommità, a 93 metri di altezza da terra, rimasto incredibilmente intatto nonostante le fiamme e la caduta.

Ecco qualche immagine di come si presentava la guglia prima dell’incendio e, nel video, il momento del crollo:

guglia notre dameguglia notre dameguglia notre dame

Leggi anche Parco del Ponte Morandi e rigenerazione del Quadrante Polcevera, presentato il concorso di progettazione

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here