X
    Categorie Professione

Formazione a Distanza per Architetti: tipologie, CFP, requisiti e tematiche

Come ormai saprete, svolgere la professione di architetto diventa un compito sempre più complesso per diversi motivi, tra cui la ferrea e dettagliata normativa che disciplina il mondo dell’architettura, ma anche per i cambiamenti introdotti dalla riforma delle professioni. A tal proposito, nel 2017 il CNAPPC ha pubblicato delle linee guida per l’aggiornamento professionale obbligatorio (come abbiamo visto in dettaglio nell’articolo Formazione Architetti, le nuove regole da seguire) stabilendo il numero di crediti formativi professionali (CFP) che ogni architetto deve accumulare nell’arco di un triennio.

Oggi ci occupiamo quindi di una delle modalità in cui è possibile ottenere questi crediti, ovvero la Formazione a Distanza, e lo faremo insieme a Pedago, un’azienda giovane che si occupa appunto di formazione online per architetti.

Tipologie di Formazione a Distanza

Partiamo innanzitutto spendendo qualche parola per definire la formazione a distanza e le tipologie in cui essa si divide. Spesso abbreviata con l’acronimo FAD, essa si configura come un insieme di attività di aggiornamento professionale erogabili tramite modalità telematiche e quindi fruibili su tutti i dispositivi dotati di connessione internet (PC, tablet, smartphone), permettendo, essenzialmente, di assolvere l’obbligo formativo ottimizzando i costi e i tempi di spostamento.

La formazione a distanza (FAD) si suddivide in due tipologie:

tipologia descrizione esempi
FAD sincrona Quando l’erogazione di un contenuto e la sua trasmissione al discente avvengono simultaneamente Convegni, seminari, lezioni tenute in aula dal docente/relatore e seguite in videoconferenza in tempo reale
FAD asincrona Quando la trasmissione di un contenuto avviene in momenti diversi rispetto alla sua erogazione in aula o registrazione in studio Corsi di formazione online per architetti composti da video lezioni ed erogati in modalità e-learning

FAD per architetti: quanti CFP per ogni attività?

Ovviamente anche l’attribuzione dei crediti formativi professionali, o CFP, per entrambe le modalità viene disciplinato da regolamenti e linee guida del Consiglio Nazionale.

Per tutti i percorsi formativi erogati in FAD, il CNAPPC riconosce 1 CFP per ogni ora di attività svolta, fissando il limite massimo di 20 CFP per attività superiori a 20 ore, secondo quanto stabilito nel punto 5.1 delle linee guida. Per tutte le attività di cui al punto 5.2 (come seminari e convegni), invece, il numero massimo è di 8 CFP.

Per maggiori informazioni consulta la tabella riassuntiva dei CFP per ciascuna attività

Requisiti

Per fornire CFP, le attività di formazione devono avere delle caratteristiche che permettano la verifica di alcuni standard. Nei corsi di formazione online, ad esempio, tali requisiti sono identificabili con:

– sistemi di verifica per monitorare la partecipazione effettiva dell’utente in termini di tempi di connessione;
test di attenzione durante l’erogazione delle lezioni (per verificare l’effettiva presenza davanti al pc);
test intermedi, di solito programmati per la fine di ogni modulo;
test di valutazione finale per il conseguimento dell’attestato;
– possibilità di scaricare il materiale didattico relativo alle lezioni.

I test, a loro volta, devono avere certe caratteristiche, tra cui:
– domande a risposta multipla (di solito con 4 opzioni di scelta);
– numero di domande tale da permettere di verificare l’effettiva comprensione dell’argomento trattato;
– domande sottoposte ai corsisti in modo casuale;
– percentuale di risposte esatte da raggiungere per il superamento del test.

Formazione a Distanza Architetti, tematiche

Concludiamo elencando le aree tematiche principali attorno a cui la formazione in FAD deve ruotare per l’ottenimento dei CFP online, sia essa configurata come corso, convegno o videoconferenza. Le tematiche possibili sono:

– architettura, paesaggio, design, tecnologia;
– gestione della professione;
– norme professionali e deontologiche;
– sostenibilità;
– storia, restauro e conservazione;
– strumenti, conoscenza e comunicazione;
– urbanistica, ambiente e pianificazione nel governo del territorio.