Addio a Florence Knoll Bassett, pioniera del design per anni alla guida di Knoll

florence knoll

Venerdì 25 gennaio 2019, a quasi 102 anni di età, è venuta a mancare Florence Knoll Bassett, pioniera del design per anni alla guida dell’azienda che porta il nome del suo primo marito e collaboratore, la Knoll, appunto.

Florence Margaret Schust, questo il suo nome da nubile, nasce nel 1917 in Michigan. Rimasta orfana a 12 anni, inizia a frequentare il collegio Kingswood School for Girls a Bloomfield Hills, progettato dall’architetto Eliel Saarinen, al tempo direttore della rinomata Cranbrook Academy of Art. È proprio in questa fase della sua vita che Florence, ormai praticamente parte della famiglia Saarinen, sviluppa la passione per l’architettura e il design che la accompagnerà per tutta la vita.

Leggi anche Il design dei fratelli Castiglioni, tutti e tre: la mostra

Finita la scuola, si iscrive alla Cranbrook Academy of Art, dove inizia la vera e propria formazione di Florence nel campo del design. Nel 1935 frequenta un programma di progettazione annuale alla Columbia University, e negli anni seguenti studia anche presso l’Architectural Association di Londra. Alla scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Florence torna negli Stati Uniti, e decide di completare gli studi all’Armour Institute of Technology di Chicago, ora Illinois Institute of Technology. Qui, e durante i suoi frequenti viaggi, incontra figure come Alvar Aalto, Marcel Breuer, Walter Gropius e Ludwig Mies van der Rohe.

Florence Margaret Schust diventa Florence Knoll

Nel 1941, volendo iniziare a lavorare seriamente nel mondo dell’architettura, si trasferisce a New York, dove incontra il futuro marito – di origini tedesche e parte di una famiglia di produttori di mobili trasferitasi da poco negli USA – Hans Knoll. Insieme a lui, abile venditore, negli anni costruisce un vero e proprio impero del design, che dopo il matrimonio, nel 1946, prende il nome di Knoll Associates. Con Florence, che riuscì a distinguersi e a farsi valere in un settore dominato interamente da figure maschili, nasce la Knoll Planning Unit  – che trasformerà completamente gli standard per gli interni di uffici e abitazioni – e la collezione di mobili, grazie alla sua capacità di selezionare ed arruolare i designer più talentuosi dell’epoca, si espande notevolmente, arricchendosi di pezzi e collezioni senza tempo, prodotte ancora oggi.

Naturalmente Florence progetta anche pezzi suoi – sedute, tavoli, mobili contenitivi – rispondendo alle esigenze incontrate durante la progettazione degli spazi e sopperendo a quelle che riteneva essere mancanze del mercato. In seguito dà vita anche alla divisione tessile di Knoll, quella che diventerà la KnollTextiles, rivoluzionando ancora una volta il mercato e imponendo nuovi standard.

florence knoll
via knoll.com

Dal 1955, quando il marito muore in un incidente automobilistico, Florence si trova sola alla guida dell’azienda, e contro ogni previsione del mercato del tempo, riesce a espanderla ulteriormente, continuando a dirigere la Knoll Planning Unit e riuscendo a supervisionare ogni aspetto della compagnia con la sua celebre attenzione al dettaglio.

Nel 1958 sposa Harry Hood Bassett, direttore della First National Bank di Miami, con cui l’azienda aveva iniziato a collaborare l’anno prima. Florence rimane alla guida di Knoll fino al 1965, prima come presidentessa e poi come direttrice del comparto design, ma anche dopo il suo distacco l’azienda continua ad essere ispirata al suo approccio e ai suoi rigorosi standard.

Florence Knoll, il video

In questo video – Florence Knoll: Designer. Modernist. Inspiration. Icon. – vediamo una sintesi della carriera di Florence Knoll Bassett, con un focus sui pezzi iconici prodotti da Knoll grazie a lei (tra cui, per dirne uno, la Poltrona Barcellona di Mies van der Rohe):

Florence Knoll: Designer. Modernist. Inspiration. Icon. from Knoll, Inc on Vimeo.

 

Qui puoi trovare altro video interessante su Florence Knoll, con una breve intervista risalente al 1998.

Vedi anche Tre documentari di architettura su Rai 5: Wright, Mies van der Rohe e Gio Ponti

articolo di g.a.

Potrebbe interessarti il volume:

La lotta per lo stile nell\'artigianato e nell\'architettura Walter Curt Behrendt, 2018, Maggioli Editore

«Dal cuscino del sofà fino alla costruzione delle città», questo il motto che animò le ricerche di architetti, pittori e designer variamente coinvolti nelle vicende del Werkbund tedesco dal 1907 fino alla Prima Guerra Mondiale...



1 commento

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here