Expo 2020 Dubai, il concorso di progettazione per il Padiglione Italia

expo 2020 dubai padiglione italia

Invitalia – Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, per conto del Commissario generale di sezione per la partecipazione italiana all’Expo – ha bandito un concorso internazionale per la progettazione del Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai, l’Esposizione Universale di Dubai che si terrà dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021.

L’obiettivo del concorso, in un unico grado, è quello di realizzare a un padiglione che riesca a rappresentare il nostro Paese all’Esposizione Universale. Dovrà essere “all’avanguardia sotto il profilo innovativo ed estetico, fortemente attrattivo nei confronti dei visitatori e in grado di esprimere una Italia contemporanea senza dimenticare l’ideale umanistico e lo stile di vita mediterraneo”, come specificato nel bando.

Leggi anche Un concorso per la rigenerazione degli Scali Farini e San Cristoforo a Milano

Padiglione Italia a Expo 2020, come dovrà essere

La posizione in cui sorgerà la struttura, su un lotto di 3.420 mq, è strategica dal punto di vista dei flussi perché intercetterà il pubblico in uscita dal Padiglione degli Emirati Arabi Uniti (a soli 250 metri di distanza) e in transito verso il North Park, uno dei principali spazi verdi di tutta l’area espositiva.

Il tema di Expo 2020 è Connecting minds, creating the future, e il concetto attorno a cui dovrà ruotare il Padiglione Italia è Beauty connects people: la bellezza come elemento di connessione tra le persone e come “espressione di genio creativo e ricchezza culturale”. Il Padiglione dovrà poi fungere da vetrina per mettere in mostra il potenziale innovativo e creativo dell’Italia – in linea con il tema generale di Expo Dubai – soprattutto agli occhi dei Paesi dell’area Me.Na.Sa (Middle East, North Africa, South Asia) considerata ricca di opportunità per l’economia italiana.

Concorso Padiglione Italia a Expo 2020, i dettagli

I progetti di fattibilità tecnica ed economica dovranno pervenire entro il 17 dicembre 2018 e saranno valutati da una Commissione internazionale. Tutte le procedure saranno sottoposte alle verifiche dell’Anac.

Il valore del bando è di 2.738.000 euro, sommando il premio di 290 mila euro complessivamente riconosciuto ai primi tre classificati (190 mila al vincitore, 60 mila al secondo e 40 mila al terzo classificato, al netto di Iva e ogni altro onere di legge), e quello stimato per i successivi incarichi di progettazione esecutiva, direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione (che potranno essere affidati successivamente). Il valore complessivo del concorso può essere incrementato fino a 3.806.600 euro, in caso di aumento del valore dell’opera da progettare.

>> Scarica qui il Bando di Concorso <<

Sono ammessi a partecipare i soggetti indicati all’articolo 46, co. 1, lett. a), b), c), d), e) e f), del Codice dei Contratti, quindi: i prestatori di servizi di ingegneria e architettura (i professionisti singoli, associati, le società tra professionisti); le società di professionisti (le società costituite esclusivamente tra professionisti iscritti negli appositi albi); le società di ingegneria, i prestatori di servizi di ingegneria e architettura stabiliti in altri Stati membri, costituiti conformemente alla legislazione vigente nei rispettivi Paesi; i consorzi stabili di società di professionisti e di società di ingegneria, anche in forma mista, formati da non meno di tre consorziati che abbiano operato nei settori dei servizi di ingegneria e architettura.

Per ulteriori informazioni e per tutto il materiale necessario
gareappalti.invitalia.it

Studi sul padiglione italiano nelle esposizioni universali

Studi sul padiglione italiano nelle esposizioni universali

Alessandro Bianchi, Lidia Bolgia, Mariagrazia Amendola , 2013, Maggioli Editore

Uno studio sui padiglioni italiani alle esposizioni universali, dagli albori delle prime esposizioni fino ai giorni nostri, al progetto di Palazzo Italia per l'Expo 2015 di Milano.



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here