Esame di stato architetto 2020: aggiornamenti in vista della seconda sessione

Prima sessione dell’esame di stato 2020

Aggiornamento del 25 settembre 2020_ La prima sessione dell’esame di stato architetto 2020 sta per volgere al termine.

Dal 16 luglio si sono svolti i colloqui orali che hanno rappresentato l’unica prova da sostenere per ottenere l’abilitazione alla libera professione.

Come tutti sappiamo la pandemia causata dal Covid-19 ha generato diversi cambiamenti e di certo la nuova modalità di svolgimento, della prima sessione dell’esame di stato architetto 2020, ha rappresentato una grande novità per tutti gli aspiranti abilitanti alla professione. Come tutte le novità, anche questa prima sessione dell’esame di stato architetto 2020 ha portato con sé una buona dose di indecisioni, dubbi e polemiche.

Vediamo insieme.

Esame di stato architetto 2020: i cambiamenti della prima sessione

Le novità riguardanti la prima sessione dell’esame di stato architetto 2020 sono state introdotte con il Decreto Ministeriale n. 38 del 24 aprile 2020 che decretava lo slittamento di un mese dei termini già previsti per l’iscrizione e l’inizio degli esami. Il 29 aprile, invece, con la pubblicazione del D.M. n. 57, è stata sancita l’unica prova con modalità a distanza come metodo di svolgimento prima sessione dell’esame di stato architetto 2020.

I cambiamenti e il far confluire molte prove diverse in un’unica prova orale online hanno sollevato una gran quantità di interrogativi e incertezza sia da parte degli studenti che da quella degli atenei.

Tra le tante, la connessione internet (come era naturale aspettarsi) è stata una di queste: cosa succede in caso di interruzione della linea? “In caso di perdita di connessione o di interruzioni ripetute, la Commissione valuterà e si esprimerà in merito alla validità della prova” avevano comunicato il Politecnico di Torino e La Sapienza di Roma.

>> Ne parliamo nel dettaglio in: Prova unica esame di stato 2020: tutte le risposte ai dubbi degli abilitanti

Non sono mancate le proteste dei futuri professionisti che attraverso una manifestazione hanno dato voce alle difficoltà riscontrate a seguito dei cambiamenti causa Covid-19 per la prima sessione dell’esame di stato architetto 2020.

Prima sessione esame di stato architetto 2020, come sta andando?

Sebbene non tutti gli atenei abbiano ancora concluso i colloqui della prima sessione dell’esame di stato architetto 2020, sono stati già pubblicati i risultati di idoneità e non relativi ai primi candidati; risultati che trasmettono dati incoraggianti.

Ad oggi non abbiamo ancora comunicazioni da parte del MIUR circa lo svolgimento della prova e le modalità della seconda sessione; probabilmente dovremmo aspettare la definitiva chiusura della prima sessione dell’esame di stato architetto 2020.

>> Hai sostenuto l’Esame di Stato 2020? Partecipa al sondaggio, lascia la tua opinione e scarica gratis il pdf su ”La trasformazione digitale nella filiera delle costruzioni”

Novità riguardo la seconda sessione?

Fino al 24 settembre 2020 non essendoci state comunicazioni del MIUR sembrava essere confermata per la seconda sessione dell’esame di stato architetto 2020 la modalità tradizionale secondo quanto previsto dalle Ordinanze Ministeriali n. 1193, 1194 e 1195, pubblicate il 28 dicembre 2019.

Invece con il D.M. n.661 del 24 settembre 2020 è stato comunicato dal MIUR che anche per la seconda sessione esame di stato architetto è prevista una prova unica orale a distanza.

La decisione di far sostenere agli alunni, anche per questa sessione la modalità straordinaria, è legata all’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del COVID-19.

Gli atenei cosa stanno comunicando?

A darne notizia in primis è l’Università degli Studi di Cagliari.

Il Politecnico di Bari aveva pubblicato l’avviso n. 2/2020 relativo alle iscrizioni per la seconda sessione in cui specifica, oltre ai tempi ed alle modalità di iscrizione, anche una comunicazione che sembrava confermare modalità tradizionali: “Le modalità di svolgimento delle prove relative alla seconda sessione, all’uscita del presente avviso, sono quelle indicate nell’Ordinanza Ministeriale n.1195 del 28 dicembre 2019”

D’altro canto, l’Università degli Studi di Firenze ha preferito modificare l’avviso presente sulla sua pagina dedicata, passando dall’iniziale conferma della modalità tradizionale ad un avviso più generico secondo cui “Le modalità di svolgimento della seconda sessione 2020 saranno pubblicate su questa pagina appena riceveremo indicazioni da parte del MIUR.”

Inoltre, la stessa l’Università degli Studi di Firenze mette in chiaro che i candidati che non hanno superato l’esame o che sono risultati assenti, nella prima sessione dell’esame di stato architetto 2020, dovranno attendere la chiusura della sessione precedente prima di procedere con una nuova iscrizione per la seconda sessione 2020.

Per il momento, la scelta migliore sembra quella di mantenersi aggiornati e studiare a fondo in vista della seconda sessione.

Ti consigliamo:

Kit di preparazione Guida pratica alla progettazione + Prontuario tecnico urbanistico amministrativo A. F. Ceccarelli, P. V. Campbell, 2020, Maggioli Editore

La "Guida pratica" è stata totalmente rinnovata (e integrata con 335 tavole di progetto), e il "Prontuario" è stato integrato con 160 particolari costruttivi aggiornati alle nuove norme sul risparmio energetico.



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here