Una Corte Verde per Milano (sui Navigli), Stefano Boeri Architetti con Arassociati e AG&P

corte verde milano boeri

Stefano Boeri Architetti (Stefano Boeri, Corrado Longa, Francesca Da Pozzo, Moataz Faissal Farid, Laura Di Donfrancesco, Giovanni Nardi) insieme ad Arassociati Studio di Architettura (Marco Brandolisio, Giovanni da Pozzo, Massimo Scheurer, Michele Tadini,Francesca Romanò, Luca Lazzari, Elena Raimondi) e AG&P (Emanuele Bortolotti, Mariagiusi Troisi, Igino Marchesin), con la proposta Corte Verde, ha vinto il concorso di progettazione per il lotto di via San Cristoforo, nella zona sud-occidentale di Milano, al centro del Quartiere della Creatività.

Il progetto – che nell’opinione della commissione giudicatrice corrisponde appieno agli obiettivi espressi dal bando di concorso – prevede un unico edificio a corte con altezza crescente, posto al centro di un articolato sistema di verde pubblico e capace di integrare l’elemento vegetale come materiale architettonico. Verso Sud l’impianto si allarga infatti in un grande giardino pubblico, in diretto collegamento con il sistema dei Navigli e in relazione visiva con il borgo di San Cristoforo. Lo scopo dell’intervento è quello di stimolare la fruizione degli spazi pubblici da parte chi li vive quotidianamente o li abita temporaneamente, e promuovere l’interazione e lo scambio tra i diversi attori attivi nel quartiere.

Leggi anche Concorso House in Milanosesto, vince il progetto di 02arch

corte verde milano boeri

Come spiega Stefano Boeri, si tratta di “Una casa a corte come nella trazione lombarda, al centro di uno spazio verde che collega due parti di città oggi separate. Il nostro progetto per San Cristoforo è un omaggio a Milano, alla forestazione urbana e al sistema delle acque che solcano il nostro territorio”. Grazie alla dismissione degli scali merci (che in un futuro prossimo darà vita a un parco lineare), al superamento delle barriere infrastrutturali tra i quartieri, e agli interventi di miglioramento della qualità degli spazi pubblici (soprattutto attorno alla ripa dell’Alzaia del Naviglio di Porta Ticinese), il progetto stabilisce una continuità tra la zona di Tortona-Porta Genova, storicamente dedicata alla moda e al design, e l’area residenziale e turistica lungo il Naviglio Grande.

Leggi anche Il primo Bosco Verticale in versione social housing, a Eindhoven

corte verde milano boericorte verde milano boeri

Dal punto di vista morfologico, l’edificio si sviluppa con una forma ascendente a spirale, a partire da una zona più bassa a Sud, segnata da un grande portale di accesso. La copertura, interamente rivestita da pannelli fotovoltaici ad elevate prestazioni energetiche, cresce con andamento continuo. Giunta alla quota di colmo, sul lato Sud-Est del fabbricato, la copertura piega in verticale lungo la parete meridionale. Le tre facciate principali sono scandite da un sistema alternato di balconi sviluppati per ospitare piante e alberi ad alto fusto, mentre sul lato interno alla corte una trama di logge genera una “scacchiera” di pieni e di vuoti, garantendo un alto apporto di illuminazione naturale degli spazi interni e amplificando il legame visivo tra interno ed esterno dell’edificio.

Leggi anche Riapertura dei Navigli milanesi: il volume che spiega il progetto

I nuovi navigli milanesi

I nuovi navigli milanesi

A. Boatti e M. Prusicki, 2018, Maggioli Editore

Riaprire i Navigli milanesi vuole dire recuperare lo storico tracciato di fine Ottocento, oggi occupato in modo esclusivo dalla rete viaria lungo il percorso da Cassina de’ Pomm (passando da Melchiorre Gioia, Bastioni di Porta Nuova, San Marco, Fatebenefratelli, Senato, San Damiano, Visconti...



Scheda progetto

progetto|project Corte Verde
luogo|location Milano, Quartiere della Creatività
anno|project year 2018
architetti|architects Stefano Boeri Architetti e Arassociati Studio di Architettura
architettura del paesaggio|landscape AG&P

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here