Concorso Agenzia delle Entrate per 120 Architetti: 10 consigli per superare la prima prova

concorso agenzia entrate architetti

In vista del Concorso Agenzia delle Entrate per la selezione di 120 Architetti e Ingegneri (2 per la Valle d’Aosta e 118 per tutte le altre Regioni) che dovranno assumere la funzione di funzionari tecnici, pubblichiamo qualche consiglio per affrontare (e superare!) la prima delle tre prove previste, quella oggettiva attitudinale (è possibile iscriversi fino alle 23:59 del 17 maggio 2018).

La prova oggettivo-attitudinale (sono state pubblicate le date, qui) consiste in una serie di domande a risposta multipla e mira ad accertare il possesso da parte del candidato delle capacità di base necessarie per acquisire e sviluppare la professionalità richiesta. Per superarla ed essere ammessi alla seconda prova, quella oggettiva tecnico-professionale,  è necessario essere tra i primi 500 candidati che riportano il punteggio di almeno 24/30 (i candidati che si collocano a parità di punteggio nell’ultimo posto utile in graduatoria saranno comunque ammessi alla seconda prova).

Devi ancora sostenere l’Esame di Stato?
Leggi Esame di Stato Architettura 2018: le date, le sedi e i consigli

Le domande a risposta multipla offrono alcuni vantaggi rispetto alle domande aperte, in cui la risposta resta esclusivo appannaggio del candidato. Consentono poi una più ampia obiettività nella valutazione dei candidati, e i tempi di correzione degli elaborati sono solitamente molto più rapidi. Non per questo però una prova che consiste in quesiti a risposta multipla è da sottovalutare: il tempo concesso ai candidati è infatti ridotto, e il modo in cui le domande sono poste rende molto facile essere tratti in inganno.

Ecco quindi un decalogo di consigli di Giuseppe Cotruvo, uno dei massimi esperti italiani di quiz di logica, per affrontare al meglio la prova oggettiva attitudinale del Concorso Agenzia Entrate per Architetti e Ingegneri – e in generale tutte le prove basate su quesiti di logica e test psicoattitudinali (Cotruvo ha inoltre raccolto tutta la sua esperienza in due volumi: uno più “tradizionale”, con quiz di logica e test psicoattitudinali, e un altro che raccoglie, oltre a quiz svolti e simulazioni di test, anche 44 videolezioni).

1. Non fatevi condizionare dai racconti di chi, negli anni scorsi, non è riuscito a superare lo stesso concorso: sembra banale, ma spesso si ha la tendenza ad esagerare negativamente le esperienze non andate a buon fine, con un atteggiamento che aiuta a digerire più facilmente la delusione patita, e i racconti potrebbero non essere obiettivi;

2. Cercate di dormire a sufficienza la notte prima del concorso: è importante arrivare alle prove di questo tipo il più possibile calmi e riposati;

3. Ascoltate, o leggete, attentamente le istruzioni che vengono fornite all’inizio della prova per evitare errori dovuti alla non comprensione delle procedure a cui attenersi (con conseguente invalidamento del vostro elaborato). In caso di dubbi, prima dell’inizio della prova è consigliabile chiedere spiegazioni (cosa solitamente non possibile durante lo svolgimento della prova);

Ti può interessare anche:
Concorsi per istruttore e istruttore direttivo tecnico (enti locali), come prepararsi

4. In particolare cercate di comprendere quale peso venga attribuito alle risposte errate. Questa informazione è molto importante perché, in caso alle risposte errate vengano attribuiti zero punti, vi converrebbe rispondere a tutte le domande della prova, anche a quelle di cui ignorate totalmente la risposta. In caso invece le risposte errate comportino una penalizzazione, e in caso di dubbi sull’opportunità di rispondere, ricordate che, maggiore è il peso della penalizzazione assegnato alle risposte sbagliate (ad esempio, concorsi in cui alle risposte corrette viene assegnato 1 punto e alle sbagliate -0,5 punti, oppure alle risposte corrette 1 punto, mentre alle sbagliate -1 punto), minore è la convenienza nel fornire una risposta e viceversa;

5. Quando la commissione dà “il via”, concentratevi esclusivamente sul vostro test, non lasciatevi distrarre da quanto stanno facendo gli altri e non tentate di copiare perché correreste il rischio di venire immediatamente esclusi dalla prova e perdereste tempo inutilmente;

6. Durante la prova, cercate di respirare correttamente. Sembrerà sciocco, ma questo consiglio ha delle solide basi scientifiche: quando si è particolarmente preoccupati, si tende ad alterare il normale ritmo respiratorio, e questo potrebbe determinare un ridotto afflusso di ossigeno al cervello, riducendone le prestazioni;

7. Leggete attentamente le domande e le opzioni di risposta fornite prima di selezionare quella ritenuta esatta. Molti errori sono determinati da banale distrazione, perché con domande di questo tipo è sufficiente non aver visto una virgola per fraintendere il senso della domanda e sbagliarne la risposta;

8. Non preoccupatevi della scarsità di tempo (spesso è volutamente ristretto): cercate di calcolare il tempo medio a disposizione per ogni quesito per gestire in modo ottimale il tempo totale disponibile;

9. Se non siete in grado di rispondere ad una domanda passate subito alla successiva, senza perdere minuti preziosi per l’analisi di domande a voi più accessibili. Considerando che, spesso, tutti i quiz hanno lo stesso valore in termini di punteggio, vi potrebbe convenire affrontare prima i quiz ritenuti più semplici, per passare successivamente a quelli più complessi. In caso invece ai quesiti assegnati venisse attribuito un punteggio commisurato alla loro difficoltà, organizzatevi in modo da concedere ai quesiti più complessi un tempo maggiore. In ogni caso, ricordatevi che solo in pochi riescono a rispondere a tutte le domande, quindi è importante non farsi prendere dallo sconforto;

10. Quasi sempre viene richiesto di segnare le risposte su un modulo differente rispetto al fascicolo contenente le domande: l’operazione, di per sé banale, richiede grande attenzione perché segni troppo leggeri o diversi da quelli indicati nelle istruzioni potrebbero non essere riconosciuti dal lettore ottico e, di conseguenza, la risposta fornita sarebbe considerata nulla.

Per la preparazione vera e propria della prova oggettiva attitudinale consigliamo:

Concorso agenzia delle entrate 2018 - Funzionari tecnici - Quiz e videolezioni Giuseppe Cotruvo, 2018, Maggioli Editore

L’opera è uno strumento innovativo per la preparazione in vista della prova oggettivo attitudinale prevista dal concorso per il reclutamento di 118 Funzionari tecnici dell’Agenzia delle Entrate (G.U. n. 31 del 17 aprile 2018). Un libro e un videocorso ...



Concorso agenzia delle entrate 2018 - Funzionari tecnici - Quiz Giuseppe Cotruvo, 2018, Maggioli Editore

Se avete bisogno di un libro di logica che vi aiuti a capire la logica, e se volete vincere i concorsi usando la testa, questo libro è la risposta giusta. Un volume di logica per la prova oggettiva attitudinale prevista dal bando di concorso per ...



L’autore, Giuseppe Cotruvo, vanta un’esperienza consolidata nell’insegnamento delle tecniche per affrontare i quiz di logica ed è uno dei più stimati creatori nazionali di quiz, enigmi, giochi e rubriche di logica, matematica, brain training e cultura generale. Oltre ad aver scritto numerosi testi, negli ultimi anni è stato docente in decine di corsi per la preparazione ai test di ammissione universitaria e di preparazione alle prove attitudinali di concorsi pubblici, maturando un’esperienza di centinaia di ore in merito alla didattica del ragionamento logico-deduttivo, verbale, astratto e matematico.

1 commento

  1. scusate ma non riesco a capire quante domande in tutto sono state presentate per il concorso per funzionari amministrativi., vorrei potermi fare un idea sulla reale possibilità di poter passare il concorso ,,,

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here