City-Brand&Tourism Landscape Award, il bando 2018

architettura e industria

Al via anche quest’anno il bando del Premio Internazionale City-Brand&Tourism Landscape (l’anno scorso City & Brand Landscape Award), promosso dal CNAPPC e da PaysagePromozione e Sviluppo per l’Architettura del Paesaggio (nell’ambito della campagna Landscape4ALL). L’iniziativa vuole attrarre, nell’ambito dell’Architettura del Paesaggio e dei diversi settori in cui si articola, l’eccellenza della progettazione nazionale e internazionale con l’obiettivo di individuare nuove logiche integrate di pianificazione e di diffondere le buone pratiche.

Al premio possono candidarsi Architetti, Ingegneri, Agronomi, Agrotecnici, Progettisti e Professionisti, Università, Pubbliche Amministrazioni, Enti Pubblici, Associazioni e Fondazioni, che saranno premiati per l’originalità, l’innovazione e la qualità dei progetti di architettura del paesaggio realizzati.

Leggi anche Il molo di Askim a Goteborg, di Elisabetta Gabrielli

La scadenza è prevista per l’11 giugno prossimo (ore 12:00), e la premiazione si terrà il 22 giugno alla Triennale di Milano, a conclusione del Simposio Internazionale City-Brand&Tourism Landscape. Il paesaggio come strategia. La qualità del Paesaggio per un’Architettura di Qualità.

Il premio (e il simposio) si articola in quattro diverse categorie:

– City Landscape (A), per progetti di paesaggio di varia scala realizzati in contesti urbani, riqualificazioni paesaggistiche degli spazi urbani, territori metropolitani di frangia, verde nella città densa, pianificazione urbana e grandi trasformazioni territoriali:
– Categoria A1: Riqualificazione paesaggistica degli spazi urbani
– Categoria A2: Riqualificazione paesaggistica dei territori di frangia
– Categoria A3: Parchi, giardini, spazi verdi e di connessione nella città densa.

– Brand & Landscape (B), per progetti che esprimano il rapporto tra aziende/luoghi di produzione e paesaggio integrato alla tematica relativa ai contesti urbani in cui, fin troppo spesso, il ruolo del paesaggio viene subordinato all’architettura del costruito, di cui ne colma le mancanze riempiendo spazi di risulta e vuoti urbani cui non si riesce a dare una finalità funzionale più precisa.

– City Play (C), per il progetto dello spazio dedicato al gioco e allo sport, la riscoperta dei parchi e dello spazio pubblico per tutte le età, aree dedicate alle attività ludiche in tutte le sue declinazioni, aree gioco sia in Italia sia all’estero, micro-città a dimensione di bambino e spazi per la promozione di un invecchiamento attivo.

– Tourism Landscape (D, novità 2018), per progetti del paesaggio per il turismo, che dimostrino come un paesaggio possa essere “modellato”, nel rispetto del’ambiente e della
biodiversità, attraverso una serie di trasformazioni materiali e simboliche indirizzate sia a integrare i servizi di accoglienza sia a potenziare le capacità fruitive dei luoghi.

Verrà infine assegnato anche lo speciale Premio Assoverde all’opera che si distinguerà,
oltre che per la rilevanza del progetto, anche per una particolare cura nella realizzazione.

E’ possibile partecipare sia con un’opera realizzata, sia con un progetto in fase di realizzazione (purché sufficientemente sviluppato). Possono essere presentati anche progetti di concorso e progetti che hanno già ricevuto premi o menzioni in altre sedi. La candidatura delle opere può essere avanzate dai progettisti, dalla committenza, dagli esecutori, da enti pubblici o di diritto pubblico, da fondazioni ed enti culturali, anche con riferimento agli esiti di selezioni, premi o concorsi di architettura.

>> Scarica qui il bando di partecipazione al premio (Notice, English version) <<

La Giuria – composta da Alessandro Marata, Raffaella Colombo, Antonio Maisto, Maria Cristina Treu, Francesca Simonetti, Alberto Ferlenga, Michela De Poli, Sabrina Diamanti, Franco Panzini, Mirella di Giovine, Valerio Cozzi e Novella B. Cappelletti – selezionerà i progetti sulla base dei seguenti criteri: Originalità, innovazione e qualità complessiva della proposta progettuale; Coerenza della proposta progettuale con il programma del bando e del simposio; Chiarezza della proposta attraverso l’articolazione del testo di presentazione e degli elaborati.

Nell’immagine, Beretta Kastner Architetti, Technogym Village Business Park (architettura di Antonio Citterio, Patricia Viel and Partners). Foto © Luca Manzocchi

Scheda concorso

concorso|competition City-Brand&Tourism Landscape. Il paesaggio come strategia.
tipologia di concorso|type Premio di architettura
organizzatori|organizers CNAPPC, Paysage
sito ufficiale|website concorsi awn

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here