Allo CSAC di Parma al via Cinema in Abbazia 2019, Wild Cities: il programma

cinema in abbazia 2019 csac parma programma
Immagine da "Les plages d'Agnès", di Agnès Varda (2008)

Dopo l’appuntamento del 2018, interamente dedicato ai documentari di architettura Living Architectures di Bêka & Lemoine, torna anche quest’anno Cinema in Abbazia, la rassegna cinematografica di architettura organizzata dal Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma (CSAC) e dall’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Parma (con la collaborazione dell’Associazione Sequence, il patrocinio del Comune di Parma e il sostegno di Impresa Allodi, Bucci Spa e Fondazione MonteParma).

Cinema in Abbazia 2019 si terrà dal 27 giugno al 25 luglio 2019 nella bellissima cornice dell’Abbazia di Valserena (Strada Viazza di Paradigna 1, Parma), sede dello CSAC di Parma, e ha come titolo Wild Cities. Le cinque proiezioni previste dal programma – selezionate con la consulenza di Silvio Grasselli (dottore di ricerca in Cinema, membro del comitato di selezione e curatore del Festival dei Popoli di Firenze, vicedirettore di DocSS – Festival internazionale del cinema urbano di Sassari) – sono dedicate alla città contemporanea e alle sue trasformazioni, a partire da punti di vista singolari. La rassegna è a cura di Cecilia Merighi e Daniele Pezzali per Ordine Architetti PPC di Parma, Sara Martin per CSAC Università di Parma, Stefano Cattini e Sara Antolotti per Associazione Sequence.

Leggi anche Video intervista a Frank Gehry, Jump into the Unknown

In continuità con l’edizione dello scorso anno, di ampio successo, il primo appuntamento della rassegna è dedicato a due film di Ila Bêka e Louise Lemoine, Homo Urbanus Tokyoitus e Homo Urbanus Neapolitanus (2018), parte del progetto di ricerca a lungo termine Homo Urbanus girato in sette diverse città del mondo: Seoul, Bogotà, Napoli, San Pietroburgo, Rabat, Kyoto e Tokyo. La rassegna si chiuderà invece con un film-documentario di Agnès Varda, scomparsa da poco, Les plages d’Agnès (2008), un viaggio nella sua vita e nel suo cinema attraverso le spiagge del titolo, e quindi le città che hanno costellato la sua esistenza:Bruxelles, Sète, Parigi e Los Angeles.

Il costo del biglietto singolo è di 5 euro, l’abbonamento a 5 proiezioni costa invece 17 euro ed è possibile da acquistarlo presso la segreteria dell’Ordine Architetti Parma (Borgo Retto 21A). Agli architetti che si iscriveranno su Im@teria è garantito l’accreditamento di 2 Crediti formativi professionali CFP. Le proiezioni si terranno nella corte aperta dell’Abbazia di Valserena, all’interno in caso di maltempo.

Tutte le proiezioni si terranno in lingua originale con sottotitoli in italiano. Vediamo il programma completo.

Cinema in Abbazia 2019, il programma

Giovedì 27 giugno, ore 21

Homo Urbanus Tokyoitus
Homo Urbanus Neapolitanus
di Ila Bêka and Louise Lemoine
2018, 90’

Giovedì 4 luglio, ore 21

Wild Plants
di Nicolas Humbert
2016, 108′

Giovedì 11 luglio, ore 21

Rabot
di Christina Vandekerckhove
2017, 93’

Giovedì 18 luglio, ore 21

Sous la douche le ciel
di Effi e Amir
2018, 85’

Giovedì 25 luglio, ore 21

Les plages d’Agnès
di Agnès Varda
2008, 110’

Nelle serate del 4, 11, 18 e 25 luglio, dalle 20 alle 21, sarà possibile visitare la mostra Nuove figure in un interno, allestita nella Sala delle Colonne all’interno dell’Abbazia, in cui verrà proiettata una selezione di cortometraggi sul tema (alcuni realizzati all’interno del Corso di Alta Formazione in Cinema Documentario e Sperimentale organizzato dall’Università di Parma con la Cineteca di Bologna), a ingresso gratuito per chi acquista il biglietto di Cinema in Abbazia.

Per ulteriori informazioni
formazione@archiparma.it

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here