CAMPUS ROM. C?era una volta Savorengo Ker

L’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia (IDEA) / Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari ospita l’evento Campus Rom, c’era una volta Savorengo Ker, mostra multimediale che racconta due esperienze di ricerca realizzate dal collettivo Stalker/ON in collaborazione con le comunità Rom della capitale.
Due anni di lavoro, vissuti tra intese e malintesi, che hanno visto nascere progetti coraggiosi e sogni condivisi, narrati dalla mostra fotografica Campus Rom e dal documentario, presentato in anteprima assoluta, C’era una volta … Savorengo Ker, la Casa di Tutti. Mostra fotografica Campus Rom. Il racconto, attraverso lo sguardo eterogeneo di diversi fotografi, di “Campus Rom, oltre i campi nomadi”. Un progetto di ricerca transdisciplinare, formazione reciproca, progettazione e azione condivisa, attivato, da Stalker/Osservatorio Nomade, insieme a diverse comunità rom di Roma, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Urbani della Facoltà di Architettura di Roma Tre ed altre organizzazioni cittadine, nazionali e internazionali, per affrontare l’emancipazione civile, culturale, economica, sociale e abitativa dei Rom, verso il superamento della realtà dei campi nomadi in Italia. Lo scopo dei fotografi è stato quello di documentare l’intervento diretto nello spazio urbano e narrare il processo costantemente aperto e fluido di attraversamento e superamento delle barriere tra le varie culture, e le energie che si sono sviluppate dando vita ad un’arte combinatoria in grado di rendere percettibile una comunità “invisibile”.

Fotografie di: Simona Caleo, Giorgio de Finis, Max Intrisano, Massimo Percossi, Maria Stefanek, Maria Teresa Bovino, Hector Silva Peralta, Alessandro Imbriaco

 

Anteprima assoluta del documentario “C’era una volta…Savorengo Ker: la casa di tutti”
Savorengo Ker (che in lingua Romanés significa “la casa di tutti”) è un progetto sperimentale di costruzione partecipata realizzato nell’ex campo rom Casilino 900. È la storia di un’idea semplice e coraggiosa, divenuta il simbolo di emancipazione di una comunità emarginata. Il progetto è stato ospitato alla Biennale di Architettura di Venezia, è stato visitato da numerosi parlamentari europei, recensito dalla stampa internazionale e dibattuto nelle accademie di mezzo mondo, ma a Roma, dove la casa è stata costruita e presentata, ha incontrato solo ostilità e inutili polemiche. Ora quella casa non c’è più.

Regia di: Fabrizio Boni, Giorgio de Finis
produzione: In Iride Sfoggio 2009
durata: 55 minuti

Tavola rotonda – mercoledì 16 giugno alle ore 15.30
Insieme ad antropologi e architetti, ai rappresentanti delle comunità Rom e delle associazioni che operano sul territorio, si discuterà delle conseguenze del nuovo piano nomadi a Roma e delle proposte per superare il dispositivo dei campi rom, nel tentativo di individuare tematiche e strategie capaci di sottrarre il dibattito in corso dalla trappola dell’emergenza sociale.

SCHEDA EVENTO

Campus Rom, c’era una volta Savorengo Ker
a cura di Michele Carpani, Max Intrisano, Maria Teresa Bovino

 

Luogo
Museo delle arti e tradizioni popolari
Piazza Guglielmo Marconi 8
Roma

Periodo
dal 15 al 21 giugno 2010

ingresso libero

Inaugurazione
martedì 15 giugno 2010 ore 16.30

La mostra è un evento collaterale della prima edizione della Festa dell’Architettura di Roma “Index Urbis”

Per informazioni
Michele Carpani
Tel. +39 328.6744087
E-mail: campusrom.indexurbis@gmail.com

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here