Bologna Design Week 2019, le anticipazioni del programma

bologna design week settimana del design

In occasione del Cersaie (23-27 settembre 2019), anche quest’anno il centro storico di Bologna ospiterà, a partire da lunedì 23 settembreBologna Design Week, l’ormai celebre manifestazione internazionale dedicata alla promozione della cultura del design in Emilia-Romagna, che riunisce le eccellenze culturali, formative, creative e produttive in un unico progetto di comunicazione. Arrivata alla quinta edizione, la BDW 2019 fino a sabato 28 settembre animerà il centro cittadino e i suoi palazzi storici, le sue chiese sconsacrate, le gallerie d’arte e i tanti showroom con anteprime, mostre, workshop, concorsi, proiezioni e speciali visite guidate.

Leggi anche Cersaie 2019, conferenze di architettura: il programma e i protagonisti

La città delle meraviglie sarà il fil rouge di questa nuova edizione, curata e organizzata da Enrico Maria Pastorello (fondatore della manifestazione e general manager), e da Elena Vai (creative director). Come nelle edizioni precedenti, le cinque location principali della Bologna Design Week 2019 saranno:

  • Palazzo Isolani (Info e Press point);
  • Ex Ospedale dei Bastardini (Info e Press point);
  • Galleria Cavour;
  • Palazzo Pepoli Campogrande – Pinacoteca Nazionale di Bologna;
  • Chiesa sconsacrata di Santa Maria della Neve.

Tra gli appuntamenti previsti (oltre ai consueti talk e alle installazioni site-specific che saranno disseminate per tutto il centro storico), in attesa del programma definitivo, segnaliamo qualche anticipazione interessante.

Esprit Nouveau, Le Corbusier e il colore

In sinergia con la Regione Emilia-Romagna e con la collaborazione dell’Istituzione Bologna Musei, Bologna Design Week ha accolto il progetto espositivo Esprit Nouveau: le nouvel esprit des couleurs selon Le Corbusier, promosso dall’azienda faentina Gigacer con il patrocinio della Fondation Les Couleurs Le Corbusier. La mostra, che sarà allestita all’interno del recentemente restaurato Padiglione de l’Esprit Nouveau bolognese (in Piazza della Costituzione 11), è una riflessione sul senso del colore in Le Corbusier e sul suo concetto di “Polychromie architecturale”.

Oltre alla mostra (dal 23 al 28 settembre, dalle 17 alle 20), durante la settimana il Padiglione ospiterà lezioni e incontri con i contemporanei maestri del colore e dell’architettura. In particolare, il 24 settembre, dalle ore 18, un esperto di Les Couleurs® Le Corbusier terrà una lezione sulla Policromia Architetturale.

Leggi anche Le Corbusier, 17 opere Patrimonio Mondiale dell’Umanità

Cortometraggi di architettura e design

Quest’anno la BDW vedrà la collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna, che dai suoi archivi selezionerà cortometraggi che raccontano la relazione tra architettura, oggetti di design e colore all’interno degli spazi residenziali. Le proiezioni sono previste per lunedì 23 settembre, in apertura della manifestazione.

Workshop Le Cinque Piazze

In via Zamboni sarà ospitato il progetto Le Cinque Piazze, un workshop di co-progettazione e autocostruzione per prendersi cura della zona universitaria riconfigurando in modo temporaneo lo spazio pubblico (a cura di Fondazione Innovazione Urbana, Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna, Fondazione Rusconi, in collaborazione con il Comune di Bologna e con la partecipazione di BDW e Viabizzuno).

Giorgio Morandi, digitale e in 3D

L’universo di Giorgio Morandi e i suoi complessi equilibri compositivi torneranno a ispirare il mondo del design contemporaneo. Il Museo Morandi presenterà infatti, nella sede di Casa Morandi, il progetto espositivo Morandi-esque, con i lavori in stampa digitale e i modelli in 3D realizzati dagli studenti partecipanti al workshop dedicato alla relazione fra le tecniche architettoniche e l’arte di Morandi, ideato e condotto nel 2018 da Zaid Kashef Alghata (fondatore di House of ZKA e docente di Design Architettonico all’Università del Barhain).

Design Night

Mercoledì 25 settembre ritorna la Design Night, la lunga notte del design (organizzata in collaborazione con Confcommercio Ascom Bologna) in cui negozi, ristoranti, showroom e gallerie resteranno aperti fino a mezzanotte e coinvolgeranno i partecipanti con iniziative e itinerari a tema.

bologna design week 2019

Evento di chiusura

Sabato 28 settembre si terrà infine il Closing Party, l’evento di chiusura dove tutti i partecipanti della design week potranno incontrarsi in una splendida location del centro storico.

Commenta Pastorello: “Bologna Design Week è nata nel 2015 e sin dalla prima edizione abbiamo concepito la manifestazione come progetto partecipato di marketing territoriale a promozione della città. L’edizione 2019 vedrà l’affermarsi di un programma di eventi sempre più diffusi nel centro storico, che saranno comunicati attraverso una strategia di comunicazione cross-channel declinata su tutti i supporti, dai vari canali social attivi, al sito, all’app gratuita”.

Per ulteriori informazioni
bolognadesignweek.com
info@bolognadesignweek.com

#BolognaDesignWeek2019
Twitter: @BolognaDesign
Facebook: bologna.design.week
Instagram: bolognadesignweek

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here