Biennale Architettura 2020, il curatore è l’architetto Hashim Sarkis

biennale architettura 2020 sarkis

La Biennale Architettura 2018 si è appena conclusa e già arrivano notizie sulla prossima: il Consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia, su proposta del Presidente Paolo Baratta, ha deciso che l’architetto Hashim Sarkis – fondatore dello studio omonimo con sedi a Beirut e Boston (Hashim Sarkis Studios – HSS), e Preside della School of Architecture and Planning del MIT – sarà Direttore del Settore Architettura e curatore della Biennale Architettura 2020 (17. Mostra Internazionale di Architettura), che si terrà dal 23 maggio al 29 novembre 2020 (con pre-apertura il 21 e 22 maggio).

Sarkis, che succederà quindi al duo Yvonne Farrell e Shelley McNamara di Grafton Architects, non è nuovo nell’ambiente della Biennale: è stato infatti membro della giuria internazionale della Biennale Architettura 2016 e, con il suo studio, ha partecipato nel 2014 al Padiglione degli Stati Uniti e nel 2010 a quello dell’Albania.

Leggi anche Biennale Architettura 2018, i dettagli del catalogo ufficiale

Baratta ha dichiarato: “Con Hashim Sarkis, La Biennale si dota di un Curatore particolarmente sensibile ai temi e alle urgenze che la società, nelle diverse contrastanti realtà, pone per il nostro abitare“. “Il mondo sta lanciando nuove sfide all’architettura” – ha commentato Sarkis, che si è detto onorato ed emozionato per l’incarico – “Sono impaziente di lavorare con architetti provenienti da tutto il mondo per immaginare insieme come affrontare queste sfide”.

Hashim Sarkis è architetto, docente e ricercatore. Ha una laurea in Architettura e una in Belle Arti conseguite alla Rhode Island School of Design, e un master e un dottorato in Architettura dalla Harvard University. Dal 2015 presiede la School of Architecture and Planning al Massachussetts Institute of Technology. Prima di questo incarico, Sarkis è stato Aga Khan Professor di Architettura del Paesaggio e Urbanistica alla Harvard University. Ha inoltre insegnato alla Rhode Island School of Design, alla Yale University, all’American University di Beirut e al Metropolis Program di Barcellona.

Leggi anche Migliori facoltà di architettura nel mondo

Ha curato e scritto numerosi libri e saggi sulla storia e la teoria dell’architettura moderna (tra cui Josep Lluis Sert, The Architect of Urban Design; Circa 1958, Lebanon in the Projects and Plans of Constantinos Doxiadis; Le Corbusier’s Venice Hospital).

Ha fondato il proprio studio di progettazione, Hashim Sarkis Studios (HSS) – che si è distinto e ha ricevuto numerosi riconoscimenti nell’ambito dell’edilizia sociale e residenziale, parchi, edifici istituzionali, pianificazione e progettazione urbana – nel 1998. I suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo: alla Biennale Architettura 2014 e 2010,  al MoMA di New York, alla International Architecture Biennale di Rotterdam, alla Bi-City Biennale of Urbanism/Architecture di Shenzhen e Hong Kong e alla Bienal de Arquitectura y Urbanismo di Valparaíso.

Per ulteriori informazioni
hashimsarkis.com

Le Corbusier in Italia Giovanni Denti, Gianni Calzà, Andrea Savio, 2007, Maggioli Editore

I rapporti di Le Corbusier con l'Italia iniziano nel 1907, quando ha vent'anni, e terminano nel 1965, anno della sua morte. Fra le due date si collocano i viaggi giovanili nel nostro paese, i rapporti con i giovani razionalisti italiani, i tentativi di trovare in Italia ...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here