(Nuovo) Concorso Periferie Urbane: le 10 aree e il bando

Ecco le 10 aree oggetto del Concorso di Progettazione e il testo del Bando Periferie 2017. La presenza di un progettista under 35 è un requisito fondamentale per la partecipazione al concorso. I dettagli.

bando periferie urbane 2017

La Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT e il CNAPPC danno il via alla seconda edizione del Concorso Periferie Urbane. Nei giorni scorsi, infatti, sono state rese note le 10 aree che saranno oggetto della nuova edizione del concorso, selezionate sulla base di una serie di proposte di periferie urbane da riqualificare presentate dai Comuni, e ora è uscito il bando.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere, attraverso interventi finalizzati alla riqualificazione delle periferie, la centralità e la qualità del progetto, la partecipazione e la condivisione delle comunità locali e la promozione dei talenti dei giovani architetti.

Per altri Concorsi di Architettura clicca qui

Concorso Periferie Urbane 2017: le aree

L’iniziativa ha registrato anche quest’anno molto successo da parte delle amministrazioni pubbliche: hanno partecipato 57 Comuni, proponendo, complessivamente, 61 aree. Calabria, Toscana, Campania, Sicilia e Piemonte sono le Regioni con il maggior numero di proposte inviate, mentre a livello di Province le più prolifiche sono state Cosenza, Caserta e Lucca. Ecco le 10 aree selezionate da MiBACT e CNAPPC:

  • Quartiere di via del Mare a Barcellona Pozzo di Gotto (ME);
  • Percorso delle antiche mura del Carmine a Barletta;
  • Ex Mattatoio di Bisceglie (BT);
  • Complesso cantina sociale di Sambiase a Lamezia Terme (CZ);
  • Ex scalo merci ferroviario a Lucca;
  • Centro di aggregazione giovanile in località Piano Largo a Mangone (CS);
  • Linea di costa del quartiere San Giovanni a Teduccio a Napoli;
  • Parco connettivo nella periferia nord-ovest di San Mauro Torinese (TO);
  • Periferia 167 nel Comune di Taurianova (RC);
  • Orti saraceni nel Comune di Tricarico (MT).

Guarda i 10 progetti vincitori del Concorso Periferie Urbane 2016

Bando Periferie 2017: il calendario

  • 20/07/2017 pubblicazione del bando
  • 27/08/2017 ore 23:59:59 termine ultimo per la presentazione dei quesiti
  • 05/09/2017 ore 23:59:59 pubblicazione delle risposte ai quesiti
  • 11/09/2017 ore 09:00 apertura della finestra temporale per la partecipazione
  • 28/09/2017 ore 16:00 chiusura della finestra temporale per la partecipazione
  • 03/10/2017 ore 09:00 prima seduta pubblica della Commissione Giudicatrice.

La proclamazione dei vincitori avverrà entro il mese di ottobre 2017. Il concorso si concluderà con una graduatoria di merito per ciascuna delle 10 aree oggetto del concorso. Ai 10 vincitori sarà attribuito un premio di 10 mila euro (al lordo di IVA e contributi previdenziali).

I Sindaci dei Comuni nel cui territorio ricadono le aree selezionate hanno assunto, in sede di selezione, l’impegno di affidare i successivi livelli di progettazione ai vincitori del concorso (ai sensi del comma 6 dell’art. 156 del Codice, a mezzo di procedura negoziata senza bando, a condizione che gli stessi vincitori comprovino, anche successivamente alla proclamazione, il possesso dei requisiti di capacità tecnico-professionale ed economica di cui al presente articolo, in rapporto ai livelli progettuali da sviluppare).

>> Scarica QUI il Bando di concorso

>> QUI trovi invece tutti i dettagli sulle aree di concorso, e relativa documentazione.

Bando Periferie Urbane 2017: i requisiti

Sono ammessi a partecipare al Bando Periferie Urbane “i soggetti di cui all’art. 46 del Codice, in possesso dei requisiti di cui all’art. 24 del Codice, nonché i lavoratori subordinati abilitati all’esercizio della professione e iscritti al relativo Ordine professionale secondo l’ordinamento nazionale di appartenenza, autorizzati alla partecipazione dalla pubblica amministrazione di appartenenza e nel rispetto delle norme che regolano il rapporto di impiego”.

Sottolineiamo che nei gruppi di progettazione dovrà essere compreso almeno un giovane professionista di età inferiore ai 35 anni alla data di pubblicazione del bando, iscritto nel rispettivo Ordine professionale secondo l’ordinamento nazionale di appartenenza (nel rispetto dell’art. 24, comma 5 del Codice). Ne consegue che la partecipazione in forma singola è ammessa solo per i professionisti under 35.  I partecipanti al concorso potranno avvalersi di consulenti e collaboratori, anche se non iscritti agli Ordini o Collegi professionali.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here