13 ingegneri – architetti: pubblicato il concorso dogane

13 ingegneri – architetti

Il concorso per l’assunzione 13 ingegneri – architetti è stato pubblicato in gazzetta ufficiale il 6 ottobre 2020.

Nello specifico, all’interno del concorso, sono contenuti due diversi bandi, per un totale programmato di 1.226 professionisti.

Non solo architetti quindi, ma anche molte altre figure:

  • 460 assistenti a tempo pieno e indeterminato, inquadrati nella seconda area con fascia retributiva F3.

I candidati saranno impiegati come assistente doganale presso gli uffici centrali e periferici dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

  • 766 funzionari di terza area, a tempo pieno e indeterminato e con fascia retributiva F1.

Di questi, 456 saranno inquadrati nel profilo professionale di funzionario doganale, 150 come chimici da impiegare presso gli uffici centrali e periferici dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e i restanti 160 come ingegneri.

Vediamo ora nel dettaglio quali sono i requisiti che i 13 ingegneri – architetti devono possedere, come presentare la comanda e quali sono le prove da superare.

13 ingegneri – architetti: descrizione del profilo

Per i 13 ingegneri – architetti il codice concorso, indicato nel bando funzionari, è ADM/ING-ARC.

I professionisti si occuperanno di assistere l’Agenzia nella pianificazione degli interventi di manutenzione delle proprie infrastrutture, contribuire allo svolgimento delle funzioni tecniche previste nella normativa degli appalti, assicurando, inoltre, il necessario supporto e il coordinamento alle strutture territoriali.

I 13 ingegneri – architetti, si occuperanno ancora di monitorare e verificare i rischi relativi alla sicurezza di patrimonio, persone e cose, definendo e coordinando l’implementazione delle relative misure di mitigazione degli stessi, ai sensi del decreto legislativo n. 81 del 2008.

Effettuare, inoltre, analisi e verifiche sulla conformità delle sedi dell’Agenzia, provvedendo al coordinamento, monitoraggio e supporto degli uffici e assistendo le politiche di acquisizione degli immobili in uso agli uffici dell’Agenzia sul territorio nazionale.

Contribuiscono, altresì, alle attività di accertamento, verifica e controllo nei settori di competenza dell’Agenzia.

Il bando prevede anche l’assunzione di 147 ingegneri, leggi di più

Requisiti specifici e obbligatori di ammissione

Per poter accedere al bando i 13 ingegneri – architetti dovranno possedere uno dei requisiti tecnici, pena l’esclusione:

  • abilitazione all’esercizio della professione d’ingegnere e iscrizione all’Ordine degli ingegneri, sezione A o B, nel settore denominato “civile e ambientale”;
  • abilitazione all’esercizio della professione di architetto e iscrizione all’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori sezione A o B, nel settore denominato “architettura”.

Requisiti generali di ammissione per i 13 ingegneri – architetti

Oltre ai requisiti tecnici, i candidati, dovranno soddisfare anche alcuni requisiti di ordine generale:

  • cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione europea;
  • idoneità fisica all’impiego, l’Amministrazione sottopone, comunque, a visita medica di controllo i nuovi assunti, secondo la normativa vigente;
  • titoli di studio e/o specifici requisiti riportati nei prospetti;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • far parte dell’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
  • non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei confronti del servizio di leva, secondo la normativa applicabile.

Inoltre, all’interno del bando per l’assunzione dei 13 ingegneri – architetti viene specificato:

  • I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso e devono persistere fino alla data di stipula del contratto.
  • In ogni momento della procedura, con provvedimento motivato del Direttore della Direzione personale, può essere disposta l’esclusione di uno o più candidati per difetto dei requisiti prescritti.

Bando per i 13 ingegneri – architetti, come si presenta la domanda?

Tutte le specifiche riguardanti le modalità con cui i 13 ingegneri – architetti dovranno presentare la domanda sono descritte nell’articolo 4 del bando.

I partecipanti potranno inoltrare la propria domanda esclusivamente in formato digitale, seguendo le istruzioni fornite sul portale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli entro le 23.59 del trentesimo giorno dalla pubblicazione del bando in Gazzetta.

Per accedere al portale, i candidati, potranno utilizzare:

    • la propria Tessera Sanitaria;
    • Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
    • Sistema Pubblico d’Identità Digitale (SPID).

I candidati, in oltre, potranno presentare domanda solamente per uno dei codici di corso: in caso contrario l’Amministrazione prenderà in considerazione solo l’ultima pervenuta in ordine di tempo e relativa al codice di concorso indicato.

Per conoscere gli altri profili ricercati consulta l’articolo di Leggi Oggi

Le prove da superare per diventare uno dei 13 ingegneri – architetti

La procedura di selezione consiste nello svolgimento di due prove scritte e di una orale. Con l’aggiunta di una eventuale prova preselettiva qualora il numero delle domande di partecipazione, per ciascun codice di concorso, dovesse essere pari o superiore a 5 volte rispetto i posti disponibili.

I test scritti

Prima prova: Un questionario a risposta multipla su tutte o alcune delle materie previste, tra cui contabilizzazione delle opere negli appalti pubblici, normativa in materia di edilizia e urbanistica, tecniche di restauro architettonico, valutazione delle tipologie strutturali e dei materiali, storia dell’architettura e dell’ingegneria.

Seconda prova: Un elaborato a contenuto teorico-pratico volto a verificare l’attitudine del candidato all’analisi e alla soluzione di problematiche rientranti nelle materie sopra elencate.

La prova orale

La prova orale, oltre che sulle materie oggetto delle prove scritte, verterà anche sui seguenti argomenti: fini istituzionali, ordinamento e attribuzioni dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, cenni di normativa in materia di dogane, accise e giochi, elementi di diritto penale, cenni in materia di funzioni e compiti della polizia giudiziaria, utilizzo delle applicazioni informatiche e dei software più diffusi, lingua inglese.

Ecco il volume dedicato alla prova preselettiva, Manuale + Quiz:

Concorso 1226 posti Agenzia delle Dogane e dei Monopoli 2020 (G.U. 6 ottobre 2020, n. 78) - Prova preselettiva per tutti i profili Giuseppe Cotruvo (a cura di), 2020, Maggioli Editore

Il volume costituisce un utilissimo strumento di preparazione per la prova preselettiva di tutti i profili richiesti dai bandi di concorso per 1226 posti dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (G.U. 6 ottobre 2020, n. 78). La prova preselettiva consiste in un test composto da quesiti a...



Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here