Yachting GalaTecno-Art. I lavori giovanili di Giorgetto Giugiaro

Un anno fa, nel corso dell’estate 2009, due eventi nel settore della nautica hanno impresso una svolta alla comunicazione nei confronti dei media e degli armatori.

Tecnomar, alla cui guida da gennaio 2009 è Giovanni Costantino, presidente, amministratore delegato, nonché socio di maggioranza, ha dato vita a Portofino a giugno, in occasione della presentazione del nuovo corso del Cantiere toscano, all’happening Absolute Tecno-Art. Giovanni Costantino e Laura Giugiaro, hanno organizzato la mostra Ritratti e pitture giovanili, personale di Giorgetto Giugiaro, sulla banchina della Marina dove erano attraccati Nadara 43, “con i suoi 43 metri, il planante tre ponti più grande del mondo”, Velvet 36 e Velvet 27 “due Open dalle linee sinuose con forte carattere distintivo”. Commenta Giugiaro, “l’artista prestato all’industria”: “Sono conosciuto come progettista automobilistico e per oggetti e mezzi industriali. Questa piccola mostra verte su disegni e pitture della mia prima fase, quando ero alla ricerca di che cosa fare da grande con tutta quell’influenza familiare del nonno e di mio padre, esperti decoratori e pittori…”. Mentre Giovanni Costantino precisa: “L’evento Tecnomar si è rivelato un perfetto mix di forme di arte differenti: da quella imprenditoriale a quella più legata ai valori estetici e strutturali delle imbarcazioni passando per quella nobile della pittura…”.

Il 27 giugno a Varazze, in occasione del tradizionale Yachting Gala, il Gruppo Azimut-Benetti ha voluto celebrare il 40° anniversario con una rassegna di arte grafica e fotografica. Soggetti, gli yacht del Gruppo, ripresi da artisti internazionali con la tecnica dell’elaborazione fotografica. Le opere, in edizione limitata, saranno poste in vendita a partire dal mese di settembre. “…Una scelta nata non solo dalla stretta connessione esistente tra design degli yacht e l’arte grafica, ma anche dalla consapevolezza che i possessori di yacht sono spesso veri e propri appassionati d’arte”, dichiara il comunicato. La mostra è stata inaugurata con l’opera di Maurizio Galimberti Futurnow … watervolantekalimbato. Il fotografo riprende l’Azimut 86S in differenti sezioni che, accostate fra loro, come un puzzle, lo ricompongono. “La mia opera esprime puro dinamismo, velocità ed energia sull’acqua”, afferma Galimberti, che si avvale da circa 18 anni di una Polaroid. Ha creato un vero e proprio movimento artistico la cui filosofia è descritta nel libro Polaroid Pro Art.
Per la prima volta dunque, la nautica affronta temi di carattere culturale non legati strettamente al design, nonostante “l’artista” presentato da Tecnomar sia Giorgetto Giugiaro, uno dei padri di icone dell’industria. Per Giovanna Vitelli, infatti, Communication Manager del Gruppo Azimut-Benetti: “La passione e la creatività necessarie a disegnare e produrre uno yacht sono simili a quelle che ispirano la creazione di un’opera d’arte”.
Agli armatori vengono quindi affidati nuovi messaggi. Nuove forme di comunicazione e interscambio si contaminano creando una combinazione seducente e glamour. Quel vivere bene formato da attenzione non solo all’estetica, ma anche ai particolari, alle forme d’arte, che contraddistingue intelligenti imprese e raffinata clientela.

 

Immagini
Azimut 86S, esterni

Giugiaro, Tecnomar

Azimut 86S, owner suite

Maurizio Galimberti, Futurnow … watervolantekalimbato

 

Nell’immagine di apertura gli interni di Azimut 86S

 

Brunella Lazzaretti Carugati

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico