VETRO DA USARE – Racconti di Design Sperimentale

Il vetro di Murano rinasce dalle sue ceneri grazie al soffio creativo di diciotto fra i maggiori designer europei e il lavoro di otto fornaci muranesi. L’occasione è la Biennale d’Architettura, la molla è l’amore per un materiale unico, il vetro soffiato a mano, che può tornare alle sue   origini. Arte da usare. Gomito a gomito, designer e maestri vetrai muranesi, lavorano in queste settimane per trovare nuove forme espressive legate alla lavorazione artistica del vetro.
La joint-venture si ripeterà ogni due anni, in concomitanza con la Biennale di Architettura di Venezia.

 

All’idea del curatore dell’evento, l’architetto e designer Massimo Brignoni, hanno aderito la Società CaZanardi e la Società Arte Veneziana di Michele Basso, parti attive nella organizzazione e   gestione del progetto.
L’edizione «zero», quella del 2010 coinvolge otto vetrerie e diciotto designer europei. Le vetrerie scelte coprono tutti gli ambiti tipologici della lavorazione artistica del vetro: vetro soffiato, lavorato in massa, fuso piano, lavorazione a lume, fra le altre. Per dare la possibilità ai progettisti di dare la loro peculiare interpretazione e visione agli oggetti in vero artistico.

 

Si può pensare ai vetri veneziani come ad aggetti da usare e non solo da osservare?
Sì. Nascono così oggetti che entrano a far parte dello stile quotidiano, con la preziosa lavorazione di pezzi unici. L’obbiettivo finale è proporre una nuova dimensione della produzione del vetro veneziano altrimenti “out of the box”, oggetti da toccare, da sporcare, oggetti che vivano con noi, che invecchino, che parlino di culture diverse e stili di vita, oggetti da usare.

 

La mostra si terrà presso il piano nobile del Palazzo Ca’Zanardi (ex fabbrica Colussi), verrà inaugurata venerdì 3 settembre, rimarrà aperta per quattro settimane e si svolgerà in contemporanea con altri eventi presenti nel Palazzo fra cui una stupefacente “Ciclotte”, una exercise bike in fibra di vetro del designer milanese Luca Schieppati e prodotta dalla Lamiflex, che si inserisce come altro oggetto di prezioso design da usare nel quotidiano.

 

Vetrerie coinvolte
Nason Moretti, Murano | Amadi, Murano | Oball, Murano | Striulli, Murano | Yalos, Murano | Cimarosto, Murano | Veveglass, Marcon | Dimensione Vetro, Martellago

 

Designer coinvolti
Paolo Lomazzi | Paolo Orlandini | Riccardo Blumer + Matteo Borghi | Raffaella Mangiarotti | Massimo Brignoni | Brian Rasmussen | Itlab design – F. Basaldella, M. Cazzaro, M, Checchin | Olga Barmine | Coscadesign – Luca Casarotto, Pietro Costa | Massimo Barbierato | Gaetano Di Gregorio | Kaori Shiina | Crescens Dupuis | Mauro Paialunga | Andrea Cero | Gisela Planas + Maria Manrique | Carles Muro + Miquel Mariné | Tullia Lombardo

 

SCHEDA EVENTO

Mostra di design
VETRO DA USARE. Racconti di Design Sperimentale

 

Sede
Palazzo Ca’Zanardi
(ex fabbrica Colussi)
Venezia

Periodo
dal 3 settembre al 24 settembre 2010

 

Soggetti promotori
Società CaZanardi srl
Società Arte Veneziana snc
Arch. Massimo Brignoni

 

Direzione Artistica e curatela del catalogo
arch. Massimo Brignoni

Organizzazione logistica
Michele Basso, Società Arte Veneziana snc

 

Catalogo
Vianello Libri

 

Nell’immagine, la designer Kaori Shiina impegnata con un maestro vetraio muranese

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico