Urbanistica, torna in Italia la Biennale delle città europee

La IX edizione della Biennale delle Città e degli Urbanisti d’Europa ritorna in Italia 14 anni dopo la Biennale di Roma del 1997. I grandi cambiamenti intercorsi in Europa e nel mondo richiamano la nostra attenzione sul ruolo che le città possono svolgere a sostegno della competitività del continente europeo. Gli urbanisti intendono riflettere sul contributo che le discipline territoriali offrono allo sviluppo competitivo e coeso del continente europeo. La Biennale si terrà a Genova dal 14 al 17 settembre 2011.

 

Le Biennali di Urbanistica si svolgono allo scopo di far incontrare pianificatori, amministratori e altri soggetti che si occupano di governo del territorio in Europa, per scambiare conoscenze ed esperienze, fare il punto sulle problematiche emergenti, indirizzare le politiche urbane e territoriali europee. Le Biennali si tengono nei nodi nevralgici delle rete urbana europea: città che svolgono funzioni centrali preminenti o che sono particolarmente attive nelle relazioni transnazionali, in quanto svolgono un ruolo di frontiera tra regioni, economie, culture. La prima Biennale (1995) si tenne a Parigi, la seconda a Roma. Per la prossima Biennale del 2011, la candidatura di Genova (formalizzata alla VIII edizione a Nancy dalla Sindaco Vincenzi) è stata accettata con entusiasmo; Genova è ritenuta interessante dagli urbanisti non solo per la sua natura di grande porto e centro internazionale di scambi, ma anche perché le politiche urbane perseguite e gli interventi di riqualificazione attuati negli ultimi anni hanno attirato l’attenzione degli specialisti e creato attese verso i futuri sviluppi. Inoltre la Liguria nel suo insieme è percepita come un laboratorio, in quanto territorio dove si osservano numerose problematiche complesse e dove il passaggio all’economia postindustriale si deve gestire in condizioni di scarsità della risorsa suolo e tenendo conto di ambienti molto sensibili e di paesaggi storici di notevole valore.

 

La proposta e i temi della IX Biennale 2011
La IX Biennale è dedicata a problematiche che investono le città europee nelle loro funzioni di luoghi di transito e di incontro, sistemi scambiatori di merci, persone, informazioni, idee: gateways and flows sono le parole chiave sulle quali si stanno costruendo i temi del dibattito. I temi della IX Biennale sono particolarmente pertinenti al ruolo e alle vocazioni della città che ne è la sede e dalla quale ci si attende perciò un contributo determinante di proposte, esempi, riflessioni. In particolare il tema delle città-porto, così ben rappresentato da Genova nei suoi vari aspetti, è centrale, e richiama prima di tutto al confronto con le altre città-porto d’Italia, d’Europa, del Mediterraneo.
Per ciascuna tematica affrontata, un esperto farà una relazione d’impostazione teorica e metodologica entro la quale verranno inquadrati 4-5 casi concreti, italiani e stranieri, che verranno presentati nei workshop.
All’attività della Biennale fa da sfondo e da stimolo una rassegna (una mostra incentrata su Genova e il territorio della Liguria e sulle città portuali internazionali, nonché una esposizione di progetti o altri materiali da parte di sponsor o aziende, pertinenti al tema della IX Biennale).

 

Tematiche in programma
Genova e la dimensione marittima europea
(Sessione plenaria). L’apertura su Genova consente di toccare i temi delle relazioni marittime nella dimensione euro-mediterranea e delle politiche portuali e per la logistica.

 

Città e piani portuali (workshop). La pianificazione e i progetti di waterfront nelle città portuali. Su questa tematica si organizzerà una rassegna di livello internazionale, con l’appoggio dell’Autorità portuale. In collaborazione con Città d’Acqua e Istituto Internazionale delle comunicazioni.

 

Pianificazione integrata dei corridoi europei (workshop). Porto, entroterra, aree vaste, reti TEN-T. Grandi infrastrutture, corridoi e governance multilivello. Accessibilità e sviluppo economico.

 

Ruolo strategico delle città-gateway (workshop). Economia della conoscenza, nuove aree metropolitane e funzioni strategiche per competere, esempi di politiche di gateway.

 

Smart Cities, sviluppo urbano competitivo e sostenibile (workshop). Politiche urbane e territoriali, città e uso intelligente delle risorse.

 

Macroregioni e reti territoriali (workshop). I tavoli interregionali per l’integrazione e le politiche territoriali. Governo delle macroregioni: strumenti, strategie, declinazioni degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

 

Immigrazione e città-gateway (workshop). Nuovi cittadini nelle città gateway: politiche di inclusione sociale, buone pratiche di coabitazione e di integrazione.

 

Programmazione europea, politiche regionali, politiche ambientali (Sessione plenaria). Bilancio 2006-2013 e prospettive 2014-2020; il territorio europeo nelle ricerche ESPON; coesione territoriale, programmazione regionale e nuovi strumenti di piano.

 

Incontro delle Associazioni europee dei Pianificatori. Una opportunità di incontro a partire ai temi della IX Biennale per rafforzare il ruolo della disciplina in Europa.

 

Sono previste: esposizioni e mostre sul progetto dei territori portuali, l’urbanistica a Genova, città e migranti e il governo delle macroregioni, escursioni tematiche sul recupero del centro storico di Genova, sulle strutture e il nuovo sviluppo del Porto di Genova e sulle aree protette, come i parchi di Portofino e Cinque Terre; visite guidate ai principali monumenti e musei del centro storico della città, Patrimonio dell’Umanità Unesco, come attività collaterali. Infine ci saranno occasioni di approfondimento culturale e d’intrattenimento (visita serale di mostre, spettacoli, cena di gala).

 

La sede della Biennale è il Centro Congressi Magazzini del Cotone, uno dei più attrezzati d’Italia, collocato nel cuore della trasformazione e riqualificazione del Porto Antico, che  costituisce oggi il polo di maggior attrazione del pubblico a livello cittadino e una delle principale attrattive della città.

 

L’INU, Istituto Nazionale di Urbanistica (leggi anche Urbanistica, XXVII Congresso Inu. La città oltre la crisi), in collaborazione con l’ECTP/CEU, Consiglio Europeo degli Urbanisti, sono impegnati a garantire la partecipazione attiva degli urbanisti europei.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico