Una struttura dal design unico per il Centro ittiogenico di Farra D’Alpago

Il nuovo padiglione del Centro sperimentale ittiogenico di Farra d’Alpago, in provincia di Belluno, sulla sponda meridionale del Lago di Santa Croce, si inserisce all’interno di un intervento di riqualificazione dell’area ed è stato progettato attentamente per essere in armonia con il contesto territoriale: la verticalità del legno si ispira ai fusti arborei circostanti, le grandi vetrate si affacciano sullo specchio d’acqua e il policarbonato traslucido avvolge l’edificio lasciandone intravedere lo scheletro.

 

L’opera, commissionata dall’Associazione Pescatori Sportivi del Bacino di Pesca n° 7 dell’Alpago e dal Comune, e finanziata dalla Regione Veneto e dalla Provincia, si inserisce all’interno di un intervento di riqualificazione dell’area. Il sito, molto caratteristico per la presenza dei versanti rocciosi e del bosco, comprende la reintroduzione di specie arboree tipiche del biotipo lacustre, la creazione di un orto botanico, ed il completamento di alcuni nuovi percorsi pedonali in legno.
Il Centro, progettato dall’Arch. Lio Parcianello, dello Studio Parcianello & Partners Engineering srl di Farra D’Alpago, nasce con lo scopo di incentivare la produzione ittica del bacino lacustre, delle specie più caratteristiche e pregiate (coregone, luccio e trota), a rischio di estinzione. A ciò si aggiunge una finalità, indirizzata alle scuole, più specificatamente di carattere didattico ed educativo, inerente la divulgazione delle attività legate al lago ed al suo habitat naturale.
La presenza di anse e speroni rocciosi, uno dei quali si eleva per circa 10 m sul livello del lago, e di una fitta vegetazione boschiva, ha richiesto un attento studio per rendere la costruzione il più possibile armonica con il contesto territoriale.

 

Il Gruppo Mattarei – specializzato nella realizzazione di edifici e coperture con struttura di legno, per l’edilizia residenziale e civile – ha realizzato, su due piani, il nuovo padiglione della superficie lorda di circa 260 mq, che affianca un piccolo fabbricato, già presente, utilizzato in passato come rimessa per le barche e convertito a laboratorio. L’edificio, in legno e cemento, presenta una sequenzialità verticale dei telai strutturali, ispirata alla forma dei fusti arborei circostanti e grandi vetrate che si affacciano direttamente sullo specchio d’acqua.
Al piano terra si trovano il laboratorio, uno studio di biologia ed il pontile, mentre il piano rialzato è composto dall’ufficio di vigilanza, da un’aula didattica, da un locale per le attività di riproduzione sperimentale e dalla terrazza panoramica.
Per la costruzione dell’opera, è stato utilizzato il sistema a telaio, caratterizzato da elementi piani in lamellare, ad interasse di 1,05 m, che sorreggono sia il solaio intermedio, sia la copertura, anch’essi in legno. Infine, le giunzioni, prive di connessioni in acciaio, sono state sostituite da incastri e cavicchi di legno duro, ritenuti più idonei, in considerazione dell’alta percentuale di umidità della zona.
La struttura è stata poi avvolta con una doppia “pelle”, esterna ed interna, in policarbonato parzialmente trasparente, che lascia intravedere lo scheletro dell’edificio e l’isolamento in fibra di legno.

 

Stefano Mattarei, Presidente del Gruppo Mattarei, dichiara: “Il Centro ittiogenico di Farra d’Alpago è un esempio di successo del nostro approccio aziendale, volto alla collaborazione con gli studi di architettura, nella progettazione degli edifici. La sinergia con lo Studio Parcianello & Partners Engineering srl ha, infatti, permesso la realizzazione di una costruzione dal design originale ed unico, in grado di armonizzarsi perfettamente con l’ambiente circostante”.

 

Gruppo Mattarei con sede a Verona, opera sul mercato con le due società: Industrie Mattarei – Elementi di legno e Progetto Ecosisthema – Case di legno. Con 34 dipendenti, il Gruppo ha registrato nel 2008 un fatturato complessivo, Italia ed estero, di circa 6 milioni di euro, con un aumento del 24% rispetto all’anno precedente.
Il Gruppo Mattarei ha acquisito, con la società Legnami Mattarei, l’attestazione di qualificazione all’esecuzione di lavori pubblici (SOA) di classifica III e l’Attestato di denuncia dell’attività di lavorazione di elementi strutturali di legno lamellare e massiccio di dimensioni massime L 40,00 m, in conformità al DM del 14/01/08 “Norme Tecniche per le costruzioni”. Nel 2007 fonda Stile21, insieme ad un gruppo di aziende qualificate nel settore delle costruzioni di legno
.

 

Altre immagini del progetto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico