Una riforma e un progetto per le professioni. Ecco cosa chiedono al Governo i Consigli nazionali

Collaborare per costruire un progetto sulle libere professioni. Ecco cosa chiedono i rappresentanti dei Consigli Nazionali delle professioni tecniche e delle Casse di previdenza ai politici italiani.

 

I Consigli Nazionali di architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, ingegneri, dottori agronomi e forestali, geologi, geometri, chimici, periti industriali, e dalle Casse di previdenza di ingegneri e architetti, geometri, periti industriali e pluricategoriale hanno firmato un documento congiunto. Le professioni e i professionisti rivendicano di essersi impegnati da tempo, con risorse intellettuali, tecniche ed economiche, per lo sviluppo sostenibile dell’Italia, senza norme adeguate; oggi chiedono una riforma condivisa, fondata su due principi fondamentali.

 

Vale a dire deontologia professionale e utilità sociale dei loro mestieri, con un aggiornamento delle norme ordinamentali. Ecco cosa chiedono le professioni. Ogni Governo in carica le condivide, poi non portano a fondo i propositi. “Tali norme devono essere finalizzate innanzitutto alla difesa dei cittadini e dell’ambiente, adeguate a principi di concorrenza basati sul merito e non sulle capacità economiche, utili ad uno sviluppo sostenibile del Paese”.

 

I professionisti sono pronti a intraprendere la strada dell’innvazione tecnologica, alla collaborazione tra le discipline e alla diffusione della qualità italiana nel mondo. È strettamente necessario che architettura e infrastrutture dialoghino, che portino avanti i principi dell’edilizia sostenibile e della tutela del territorio.
Le professioni chiedono inoltre una particolare attenzione ai giovani, che hanno in mano il futuro del Paese. In loro stanno infatti le idee più innovative, la forza e la spinta maggiori che possono aiutare l’Italia a uscire dall’impasse.

 

Per realizzare tutto questo è necessaria la collaborazione tra classe politica e professioni, e una normativa che porti al raggiungimento dei risultati.

 

Leggi tutto il documento congiunto dei Consigli nazionali.

 

Leggi anche l’opinione del Cnappc sullo snaturamento delle professioni contenuto nella manovra finanziaria.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico