Una casa vestita di seta

Misha è un’impresa formata da due sorelle, Chiara e Anna Enrico, la prima architetto e la seconda ex avvocato, nonché un progetto ispirato all’antica tradizione cinese della decorazione della carta, non solo da parati. Misha non realizza soltanto rivestimenti da parete in seta disegnati con motivi ornamentali raffinati e unici – libellule, fiori, frutti e ninfee -, ma fa di questi rivestimenti anche un tratto distintivo dei suoi complementi d’arredo, eleganti e preziosi.

 

Risponde alle nostre domande l’architetto Chiara Enrico.

 

Come è nato il progetto Misha e in cosa consiste?
Misha è stata creata dopo quattro anni di lavoro in Cina, tra Pechino e Shanghai, dove ho lavorato come architetto di interni. Misha, acronimo di Milano-Shanghai, è il brand di una società che seleziona, realizza e distribuisce carte da parati dipinte a mano su seta.
Oggi Misha distribuisce in Italia, Francia, Svizzera, Spagna, Grecia e Russia una collezione chiamata “China Classic”, con disegni cinesi a motivi floreali originali della loro tradizione. Ne abbiamo in produzione una seconda con disegni sempre a motivo orientale, ma rivisitati nelle forme e nei colori e nelle tecniche di pittura. Abbiamo, inoltre, sviluppato una serie di complementi d’arredo utilizzando sempre come elemento decorativo le carte da parati: paraventi, comodini, tavoli, pavimenti e armadi sono ricoperti dalle nostre sete e da altri materiali protettivi che ne permettono l’utilizzo nelle più svariate forme e modalità.
Resine, cristalli, metalli e legno vengono liberamente abbinati alle carte da parati in seta – da poco proponiamo anche altri materiali naturali come sisal, juta, carta ed erba per ambienti più rustici e meno eleganti – per formare oggetti unici, fatti su richiesta del cliente e arredare, secondo il gusto personale del committente, guidato dalle nostre proposte di design, per ambienti sia classici che moderni.

 

Di cosa si occupava esattamente prima che Misha nascesse? Qual è la sua formazione?
Sono architetto, mi sono laureata a Milano, ho studiato in Olanda e ho lavorato a Milano sino al 2002, poi in Cina sino al 2006, quindi sono rientrata a Milano e ho creato Misha, insieme a mia sorella Anna.

 

Come realizza tecnicamente la sua carta da parati, e quali strumenti usa? Si tratta di stampa artigianale, o decora a mano ciascun supporto?
Ciascun pezzo viene singolarmente dipinto a mano su richiesta del cliente. Non abbiamo stoccaggio. Il cliente ci dà le misure della superficie da ricoprire e noi sviluppiamo un disegno adattato a quelle misure, con un bozzetto in bianco e nero.
Il committente deve approvare il bozzetto ed eventualmente proporre modifiche, e per questo ogni realizzazione è unica.
Una volta approvato il disegno in bianco e nero, le carte da parati vengono realizzate in laboratori da esperti artigiani che utilizzano le tecniche e i colori dell’antica tradizione cinese. La seta pura viene dipinta a mano e poi applicata alla carta di riso.
Questo procedimento personalizzato e interamente fatto a mano, dove un pannello non solo non è mai uguale a un altro ma, anzi, costituisce la prosecuzione del disegno del pannello precedente (Panoramic), ci permette di definire queste carte da parati come delle vere opere d’arte, che vengono applicate direttamente sul muro e dipinte espressamente per quel muro.

 

In che modo si effettua una corretta manutenzione di un rivestimento così delicato?
In caso di polvere si passa la superficie con un panno asciutto. In caso di macchie si tampona la superficie con la punta di un panno umido. Macchie di caffè o vino non sono eliminabili.
Per ambienti umidi come i bagni consigliamo una vernice protettiva trasparente impermeabilizzante.

 

Come sceglie le materie prime per le sue opere, e come si tiene aggiornata nel suo lavoro?
Viaggio, cerco nuovi fornitori e scopro nuovi materiali.

 

Perché il richiamo all’antica tradizione cinese di pittura su carta?
Perché ho vissuto in Cina 4 anni e ho trovato questi dipinti su seta come affreschi contemporanei.
Li ho pensati sia come elementi poetici in spazi minimali, per personalizzare e diversificare arredamenti eleganti ma a volte un po’ freddi, sia come elementi decorativi in sintonia con ambienti più classici, magari arricchiti già da arredamenti importanti e tradizionali, vicino ai quali non si può mettere una qualunque carta da parati.

 

Al momento la sua carta da parati viene utilizzata nel contract – per esempio in alberghi, negozi o spazi commerciali di lusso?
Ad oggi è stata utilizzata in uffici, negozi e in case private.
Sappiamo tramite i nostri rivenditori che è stata utilizzata anche in qualche piccolo albergo o B&B di lusso, e crediamo sia un ottimo elemento decorativo per rendere unica ogni stanza: in un albergo di lusso gli usi delle nostre carte da parati in seta o dei complementi di arredo sono assai vari, dalle stanze con un colore e un disegno diverso per ogni stanza, come testata del letto o come decorazione sulle porte o sugli armadi, all’arredamento della hall, della reception o di un salone. Tutti importanti“biglietti da visita” per il pubblico.
Un uso alternativo alle carte da parati nel contract potrebbe essere fatto applicandole ai nostri complementi d’arredo, ad esempio il bancone della reception, piuttosto che sui tavoli delle sale da pranzo, uno diverso dall’altro, già “apparecchiati” con magnifiche “tovaglie” una diversa dall’altra, o delle sale riunioni, personalizzate con colori e fantasie che richiamino maggiore positività al cliente rispetto al solito tavolo grigio o marrone impersonale e triste.

 

Il suo studio realizza anche complementi d’arredo: di che tipo e in che materiali?
Abbiamo realizzato paraventi in legno e seta, tavoli e tavolini da caffè in ferro verniciato con top in seta e resina (che sostituisce il piano in vetro), comodini in legno e seta.
Sono tutti pezzi unici prodotti artigianalmente o in mini serie.
Credo che la parola più indicativa per descrivere il risultato sia “originale”.

 

A cura di Angelica Chondrogiannis

 

Misha
Milano Showroom
Piazza Gramsci, 8
20154, Milano
Tel: +39 02 45483229
Fax: +39 02 45483229
E-mail: info@mi-sha.net

 

Nell’immagine, ufficio ad Alba, carta MiSha

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico